GarganoManfredonia
Pecorella: atto delinquenziale senza scusanti

Parco Gargano, carcassa capriolo tra i rifiuti: condanna

"Dietro l’uccisione del singolo animale c’è la violazione di un intero patrimonio"


Di:

Monte Sant’Angelo. “La caccia all’interno di un’Area Protetta nei confronti di un capriolo, che è un simbolo del nostro territorio, è un atto delinquenziale che non ha scusanti”. Ecco il commento di Stefano Pecorella, presidente del Parco nazionale del Gargano, alla notizia del fermo di tre persone per caccia illegale in area Parco. “Ringrazio i militari del comando di San Giovanni Rotondo – aggiunge Pecorella-per l’operazione compiuta,durante la quale è stato trovato, oltre a cinque fucili (di cui uno con matricola abrasa), un capriolo appena abbattuto e chiuso in una grossa busta dei rifiuti. Scena di grande crudeltà che rende ancora più criminale l’atto. Dietro l’uccisione del singolo animale c’è la violazione di un intero patrimonio. Le specie protette esistono perché servono a mantenere gli equilibri naturali che, una volta alterati, scompenserebbero tutto il resto. La scomparsa di una specie, quindi,significa danni enormi all’agricoltura, alla zootecnia e alla biodiversità che abbiamo all’interno dell’Area Parco”.
Redazione Stato Quotidiano.it

Parco Gargano, carcassa capriolo tra i rifiuti: condanna ultima modifica: 2015-12-15T17:18:02+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
3

Commenti


  • N O AL TERRIBILE INCUBO DI DECINE DI MILIONI DI LITRI DI GPL A SAN SPIRITICCHIOSAN SPIRITICCHIO

    Di protetto c’è solo sulla carta, basti pensare che a Manfredonia vogliono piazzare la più grande centrale di Gpl d’europa in una zona di interesse mondiale per la natura e vicinissimo aell’Oasi naturale del Lago Salso e a quattro chilometri dal caseggiato di Manfredonia e a pochi metri dalla statale 89 e varie attività commerciali.


  • totò

    …………………caro Pecorella il suo commento è vergognoso……siamo l’unico Parco Nazionale in tutta Italia che non ha veri controlli a tappeto e sanzioni esemplari……..continuate a fare sparare sia in foresta che in riserva……e siete pienamente consapevoli di quello che accade……in oasi ci sono animali da reddito di privati a pascolare in aree demaniali…..e poi per ripopolare gli stessi animali che poi lasciate sparare…..


  • agguerrito

    Hai ragione Totò……

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi