Foggia

M5S: rischio abbattimento Silos Granario di Foggia

Di:

(st)


Foggia – SCRIVIAMO per denunciare il totale disinteresse della classe politica, e delle istituzioni preposte, di fronte all’ennesima grave perdita che la nostra città subirà in conseguenza dell’imminente abbattimento del Silos Granario di Foggia.

L’edificio, mirabile monumento di architettura industriale inaugurato a Foggia nel 1936 alla presenza del Principe di Piemonte, nonostante le iniziative intraprese nel corso degli ultimi anni dai cittadini, dalle associazioni ed anche dallo scrivente Meetup Cinque Stelle Foggia (www.meetup.com/cinquestellefoggia), è ancora più a rischio.

Il Meetup, per iniziativa del suoi attivisti, ha infatti negli scorsi mesi sollecitato la Direzione generale e regionale del Ministero competente e la Soprintendenza ai Beni Architettonici a riconsiderare la pratica di riconoscimento del Silos quale bene di interesse culturale.

In questi giorni (9/12/2013) è giunta la risposta da parte della Soprintendenza che, a firma del Soprintendente Salvatore Buonuomo, comunica: “Si fa seguito a quanto richiesto con nota riportata a margine inviata a questa Soprintendenza comunicando che, l’immobile è stato già sottoposto all’attenzione di questa Amministrazione che, al momento dell’esame, non ha ritenuto di dover procedere al riconoscimento dell’interesse culturale”. !

A questo punto gli attivisti del Meetup Cinque Stelle Foggia (www.meetup.com/cinquestellefoggia) si chiedono perché sia stato possibile che:

• l’area su cui insiste il Silos sia stata ceduta ad un privato senza che il Comune di Foggia abbia potuto vantare il suo diritto d’acquisto;

• la Soprintendenza si ostini a non voler sottoporre l’edificio, la cui storia è documentata abbondantemente in giornali e documentari dell’epoca, a vincolo architettonico, come già avvenuto per edifici analoghi in Italia;

• il Comune di Foggia abbia espresso un atto d’assenso alla manifestazione di interesse proposta della ditta De Cristofaro alla Regione Puglia, nell’ambito del “Programma coordinato per l’attuazione del Piano di edilizia abitativa” deliberato dalla Giunta Regionale (n° 2077 del 29/09/2010), che prevede l’abbattimento del Silos e la sua sostituzione con edilizia residenziale e servizi;

• l’annessa area delle ex-Fornaci, che il Piano Traffico approvato dal Comune aveva destinato a “parcheggio di scambio”, abbia poi ottenuto dal Comune l’autorizzazione ad essere edificata con
edifici da destinare ad abitazioni e servizi.!

Nell’attesa che gli enti preposti possano fare luce su queste zone oscure della vicenda, gli attivisti del Meetup Cinque Stelle Foggia hanno in questi giorni inviato le loro osservazioni, inerenti il Silos in questione, all’Assessorato regionale all’Assetto del Territorio affinché il PPTR (Piano Paesaggistico Territoriale Regionale) possa prevedere quelle iniziative di salvaguardia del bene
storico che gli altri enti preposti non hanno voluto adottare.

Gli attivisti del Meetup Cinque Stelle Foggia vigileranno sulla questione del Silos granario di Foggia, ormai unica testimonianza dello storico legame tra Foggia e la produzione del grano, e informerà puntualmente la cittadinanza su ogni suo sviluppo.

Meetup Cinque Stelle Foggia www.meetup.com/cinquestellefoggia



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi