Foggia
In segno di protesta contro i dinieghi della Commissione territoriale

Foggia, status rifugiati, immigrati bloccano Prefettura

La situazione è poi lentamente tornata alla normalità

Di:

Foggia – DOPO la protesta dello scorso 9 febbraio fuori il C.A.R.A., un gruppo di immigrati ha bloccato stamani l’ingresso della Prefettura di Foggia, in segno di protesta contro i dinieghi della Commissione territoriale – agli stessi stranieri – per il riconoscimento dello status di rifugiato. Da raccolta dati, e come in passato, gli autori della protesta hanno bloccato l’ingresso e l’uscita della struttura foggiana così evitando lo svolgimento delle regolarità attività lavorative. La situazione è poi lentamente tornata alla normalità.

Sul posto tra l’altro gli agenti della Questura di Foggia. Dialogo in corso con gli ospiti in protesta ai quali si sta prospettando la possibilità di altre soluzioni per il conseguimento di quanto dagli stessi richiesto.

FOTOGALLERY MAIZZI

Redazione Stato@riproduzioneriservata



Vota questo articolo:
3

Commenti

  • chiudere frontiere
    respingere clandestini
    selezionare ingressi in base ad esigenza mercato interno del lavoro


  • Mirko

    Se degli italiani avessero bloccato la prefettura, gli avrebbero caricati ed arrestati! Stiamo diventando noi gli stranieri, considerando che abbiamo meno diritti! Voglio essere anche io rifugiato politico in Italia. Poi, se hanno avuto un diniego significa che non hanno le caratteristiche per avere il permesso di soggiorno! BASTA


  • maDai

    – chiudere frontiere: sono gia chiuse, per questo arrivano con i gommoni.
    – respingere clandestini: come? sparandogli?
    – selezionare ingressi in base ad esigenza mercato interno del lavoro: cioè 4 euro all’ora per i pomodori, badanti e muratori disposti a lavorare per poco ed in nero. Questo chiede il mercato. Conosci italiani che lo vogliono fare?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi