FoggiaManfredonia
Allo svincolo che dalla SS 89 porta sulla SS 273 per San Giovanni Rotondo, i fuggiaschi si sono disfatti di un sacco in tela dal quale sono uscite delle “panette”

Inseguimento sulla Manfredonia – Foggia, sequestro 2.5 kg eroina: 2 arresti

Esplosi alcuni colpi di pistola da parte degli agenti operanti all’indirizzo dei pneumatici dell’auto dei narcotrafficanti


Di:

Foggia/Manfredonia. Personale della Squadra di P.G. del Commissariato di Manfredonia e della Squadra Mobile di Foggia, a conclusione di una operazione di Polizia, disposta per la prevenzione e la repressione del traffico illecito di sostanze stupefacenti, ha tratto in arresto i pregiudicati albanesi DERVISHI SELI, di anni 33, domiciliato in Torremaggiore e MILAQI EGLANTIN, di anni 30, domiciliato a San Severo (FG), resisi responsabili in concorso dei reati di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente del tipo eroina per un quantitativo di grammi 2635, violenza e resistenza a P.U., danneggiamento aggravato. Milaqi Eglantin è stato segnalato all’A.G. anche perché illecitamente presente sul territorio nazionale.

I fatti: Nella prima mattinata, personale del Commissariato P.S. di Manfredonia apprendeva che nel pomeriggio sarebbe dovuta avvenire una cessione di stupefacente all’interno del distributore di carburante ‘Camer’, ubicato sulla SS 89, tra Manfredonia e Foggia, per cui il Dirigente del Commissariato P.S. di Manfredonia, 1° Dirigente Agostino Dr. De Paolis e il dirigente della Squadra Mobile Vice Questore Aggiunto Dr. Pititto, hanno predisposto un servizio volto a prevenire e, nell’occasione a reprimere, l’illecita attività. Un equipaggio si nascondeva all’interno dell’area di servizio, mentre altri equipaggi si mantenevano nelle vicinanze pronte ad intervenire qualora ce ne fosse stato bisogno; nel corso dell’appostamento, gli investigatori notavano sopraggiungere alcune autovetture che attiravano la loro attenzione, in quanto non si portavano verso le pompe di rifornimento o il bar, bensì stranamente alle spalle della struttura.

Dopo aver allertato le altre auto in zona, l’equipaggio appostato si avvicinava alle due autovetture per procedere al controllo dei rispettivi occupanti. In quegli attimi, gli occupanti della station wagon, una BMW di colore nero, in modo repentino risalivano a bordo dell’auto e partivano a folle velocità, indirizzandosi verso l’uscita del distributore, avendo evidentemente notato i poliziotti. A nulla serviva qualificarsi con la paletta segnaletica ed intimare l’alt della polizia; il conducente dell’auto (successivamente identificato in Seli Dervishi) tentava di investire i poliziotti e speronava un’autovettura di servizio che tentava di bloccarli all’uscita dell’area di servizio, continuando ad altissima velocità la fuga in direzione Manfredonia-San Giovanni Rotondo, mentre gli agenti della Polizia di Stato dopo aver esploso alcuni colpi di pistola a scopo intimidatorio ,iniziavano l’inseguimento. Durante la fuga, l’auto speronava anche il veicolo di servizio del Dirigente del Commissariato P.S. di Manfredonia, tentando di causare anche incidenti con i veicoli che procedevano sulla direzione opposta della strada statale, seminando il panico fra gli utenti. (per la precisione cinque del peso complessivo di 2 chili e 635 gr.), prontamente recuperato da uno degli equipaggi posti all’inseguimento.

In particolare è risultata decisiva per il raggiungimento della potente BMW, lanciata a folle velocità, l’esplosione di alcuni colpi di pistola da parte degli agenti operanti all’indirizzo dei Pneumatici dell’auto dei narcotrafficanti che veniva attinta alla gomma anteriore sinistra e costretta a rallentare. I fuggitivi venivano poco dopo bloccati e tratti in arresto non senza difficoltà, a causa della resistenza opposta. L’auto, i circa seicento euro posseduti dagli arrestati e la sostanza recuperata sono stati sottoposti a sequestro; la droga, dall’esame narcotest, eseguito presso il gabinetto locale di Polizia Scientifica, è risultata essere eroina. Dopo gli accertamenti di rito, così come disposto dal P.M. di turno presso la Procura della Repubblica del Tribunale di Foggia, Dr. Di Liso, gli arrestati sono stati ristretti nel carcere di Foggia, a disposizione dell’A.G..

Redazione Stato Quotidiano.it – RIPRODUZIONE RISERVATA

Inseguimento sulla Manfredonia – Foggia, sequestro 2.5 kg eroina: 2 arresti ultima modifica: 2016-02-16T11:56:32+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
10

Commenti


  • Pasquale

    Nonostante mettono a rischio la vita di tanti giovani che fanno uso di stupefacenti, ma addirittura quella di agenti di P.S. o chi tranquillamente circola per andare a lavorare e’ proprio il colmo.
    Bisognava sparargli alla tes.. e non ai pneumatici.
    Speriamo che gli vengano attribuiti una ventina di anni al fresco, puo’ darsi che gli fanno …….a sti bastar…..di merd…..


  • fato

    Speriamo Che rimangano a lungo la ‘Dove meritano di stare.


  • pino83

    Scusate ma quelli a cui sarebbe dovuto arrivare il rifornimento di droga non potevano aspettarli e capire chi la vende al dettaglio ?


  • fato

    E per chi sta illecitamente in Italia espulsione e carcere nel proprio paese.adesso stiamo a vedere i giudici Che faranno


  • fato

    Per gli extracomunitari c’e’ sempre un occhio di riguardo cosi’ Che il lavoro fatto dalle forze dell’ordine si va a far benefire


  • gino

    Ma questi maledetti bast..di perché non li am.. così ci togliamo il pensiero in modo definitivo………………


  • pino83

    Nessuno pensa che chi vende al dettaglio è ancora libero di richiedere altro rifornimento di droga???


  • Dany

    Fateli un pagliatone fino a lasciarli privi di sensi, e dopo mandateli nella loro terra, con un provvedimento di espulsione e divieto di entrare in Italia, con licenza di ucciderli a vista la prossima volta…
    Potevano uccidere qualcuno sulla strada, questi sono bestie, e se ne fregano di tutti e tutto


  • Luca

    Rumeni, Albanesi,tunisini,marocchini dopo aver colonizzato tutto il centro Nord italiano si stanno pian piano prendendo anche il Sud.


  • valerio

    Certo, stanno venendo perchè c’è richiesta di droga e quindi la vengono a vendere. E’ la legge della domanda e dell’offerta.
    Sarebbe da riflettere sul perchè c’è la domanda….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi