Manfredonia
"Dopo anni di assoluta inutilità, la nostra Autorità Portuale ha dato l’ultima zampata alle bellezze naturali di Manfredonia"

Italo Magno: “Che bel solarium sugli scogli di Manfredonia”

E' quanto riportato in una nota stampa del movimento Manfredonia Nuova


Di:

Manfredonia. ”In tutti questi anni i nostri amministratori hanno fatto di tutto per togliere ogni identità alla nostra città, seppellendo amene spiaggette e incantevoli scogliere sotto milioni di tonnellate di cemento ed imprigionando il mare con orrende costruzioni, capannoni, recinzioni e bendaggi vari. E non sono nemmeno bastati gli scriteriati frangiflutti che hanno creato, in sintonia con il porto turistico, una barriera al movimento naturale delle correnti e conseguente impaludamento delle aree costiere. Ora, dopo anni di assoluta inutilità, la nostra Autorità Portuale ha dato l’ultima zampata alle bellezze naturali di Manfredonia, autorizzando la realizzazione di un Solarium, con servizi annessi, nella storica zona “Acqua di Cristo”, frequentata ogni estate da centinaia di nostri concittadini e turisti desiderosi di bagnarsi e prendere il sole, senza essere costretti a pagare. Purtroppo, anche il Comune ha fatto la sua parte, autorizzando “la realizzazione di un solarium per il noleggio di ombrelloni e lettini durante la stagione estiva”, che sarà naturalmente stabilmente “temporanea”, come tutte le altre concessioni simili. Tale opera andrà a coprire un ampio tratto di costa e degli scogli, mediante l’istallazione di una serie di pedane di legno, a più livelli, che seguiranno l’orografia della scogliera fino al mare; e realizzerà un chiosco in legno, un servizio reception, un bar, due spogliatoi, tre docce ed una struttura prefabbricata metallica per W.C., per un’estensione di ben 1080 metri quadrati. Cosa deve ancora succedere perché la popolazione di Manfredonia faccia sentire la propria voce a tutela della storia, della bellezza e del futuro della propria città?”.

E’ quanto riportato in una nota stampa del movimento Manfredonia Nuova.

Redazione Stato Quotidiano.it

Italo Magno: “Che bel solarium sugli scogli di Manfredonia” ultima modifica: 2016-02-16T18:01:22+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
21

Commenti


  • Moralizzatore

    Questo è un paese di tigri di carta. Basta vedere cosa succede a ogni elezione quando votando sempre gli stessi soggetti. Scandalosi fino all’inverosimile. Ma avete visto quante barche ci sono ora al posto turistico? Ma vi rendete conto che entrano tranquillamente nel porti di largo Diomede e dell’Acqua di Cristo?


  • fato

    Questa ultima panzata mancava in questo parse.evviva alle panzate


  • Anto

    Manfredonia is Springfield !


  • Raffaele Vairo

    Un Solarium “stabilmente temporaneo”. Bravo Italo, un ossimoro perfetto. Permettimi di ricordare, inoltre, che nel nostro Paese “quasi nulla è più definitivo del temporaneo….”.

  • IO FACCIO CIÒ’ CHE VOGLIO……!!!

  • Il sindaco dorme -i finanziere fanno quello che vogliono io x una baracca i
    O preso 6 mesi di carcere è giusto ?


  • Il grandissimo incubo delle più terribili quantità di Gpl mai depositate e stoccate in Italia. in Italia

    Scogliere distrutte e occupate, scogli piene di centinaia di tonnellate di alghe putrefatte, scogliere scomparse e ridotti a paludi..e il bello deve ancora venire.


  • Vergogna

    ma no e’ uno scherzo di Carnevale,e’ solo una vergognosa idea togliere quel pezzo di mare a noi manfredoniani,ultimo tratto libero con mare stupendo , sempre a favore di chi??’


  • geografo

    Giù le mani dalla scogliera dei cittadini.


  • MICHELE

    gentilissimo italo, hai perfettamente ragione, sai anche e sicuramente che qualche anno fa la giunta a decretato che non dovevano nascere nel tratto di viale miramare altri chisco bar ma sono stati bravi a dire che non è un chiosco bar ma un solarium con annessi sevizi e ti dico ancora di più, che da solarium con servizi, questa struttura oltre a diventare stabile, diventerà anche un ristorante, perche in questo bel paese l’anarchia è di casa ed i controlli sono disposti o vietati da chi dovrebbe occuparsi di altro e comunque, c’è da dire che lo scoglio o gli scogli interessati, sono disconnessi ed erano frequentati da pochissimi bagnanti e che una bella pulita non farebbe male ma con questo non voglio dire che per valorizzare anche un posto poco frequentato lo si debba dare in gestione a privati togliendo spazi al cittadino.
    hanno ricostruito egregiamente piazza del popolo con moneta pubblica ma l’hanno consegnata a tre esercizi commerciali lasciando forse nemmeno la metà di questa alla popolazione, hanno ricostruito una bella piazzetta sotto la scuola elementare de sanctis ed anche questa bella realtà l’hanno consegnata quasi interamente ad un chiosco bar.
    tutto questo per dire che: il bene pubblico(demanio) stà transitando nelle mani di pochi privati.
    CHE DIO CI AIUTI.


  • MICHELE

    chi sa se hanno chiesto i pareri a tutti gli enti che devono rilasciare il nulla osta e se l’autorizzazione è correlata di tali. ne sono parecchi (in allegato le autorizzazioni,ndr)


  • iovidi

    Aiutati che Dio ti aiuta….. purtroppo ciò vale a parole nei fatti quello che conta è il voto che si esprime,nella cabina elettorale, magari abbindolati da veritiere promesse di esponenti politici, come nei casi segnalati nell’articolo del Prof. Italo Magno.
    Stanno distruggendo quel poco di bello che ha/aveva Manfredonia, ad iniziare dal bel vedere del “PERTUSO DEL MONACO” e via discorrendo…..col copia copiarum……


  • Giorgio

    Caro Italo, la concessione (atto amministrativo) a realizzare un solarium, per il noleggio di ombrelloni e lettini durante la stagione estiva, può essere revocata. La “revoca” è il provvedimento con il quale la P.A., in seguito ad un riesame delle circostanze di fatto, provvede a ritirare un atto ritenuto “inopportuno” anche se formalmente legittimo. La revoca può provenire dallo stesso organo che ha emanato l’atto (autorevoca) o dall’organo gerarchicamente superiore (revoca gerarchica). La revoca dell’atto inopportuno, tuttavia, non ha efficacia retroattivva ma soltanto dal momento della revoca (ex nunc) e rimangono salvi gli effetti che si sono già prodotti in precedenza. La P.A. può ancora revocare l’atto!


  • antonio

    forza, votate sempre gli stessi!


  • antonella

    In questa città non bisogna avere tante autorizzazioni per aprire il chiosco , bar o altre diciture, oppure per allungarsi in strada con un bel gazebo in pergolato o struttura metallica, ricavando la sala te sul suolo pubblico che nessuno paga, serve avere l’ amico giusto nel posto giusto– che a sua volta apre la partita iva e il bar nel posto dove più pisce, che sia una piazza, una strada, uno scoglio, un porto, Approposito affrettatevi, l’ amministrazione sta cominciando i lavori per la piazza che verrà dove prima c’ era il parcheggio di largo diomede, verrà una bella piazza con statua di Lucio Dalla annessa, mi raccomando amici giusti, datevi da fare a farvi aprire il ristorantino conpiscina annessa, metterci anche la discoteca per cortesia che poi verremo tutti a fare quattro salti, bhe, tra amici giusti, si intende.


  • un cittadino

    come giustramente ha scritto qualcuno noi siamo un popolo inerme.
    le rivoluzioni non si fanno sulle tastiere.
    ci toglieranno tutto il mare e nessuno farà niente


  • antonella

    Cittadino, Manfredonia Nuova e Italo MAGNO denunciano da anni ormani ogni scempio, ogni abuso ,ogni privazione e lesa dei diritti della cittadinanza, se i cittadini pensano che tocca sempre agli altri farsi valere e far valere i propri diritti, allora non si è capito nulla, tocca ad ognuno difendere i propri diritti e il bene comune, ( Armiamoci e partite, alla Totò) non funziona, o si vive una vita da uomini degni, oppure si è pecore, pecora una volta pecora per sempre, e le pecore a pascqua si macellano.


  • va va

    il sig. Magno non era quello che voleva il trenino nell’oasi lago salso? la trasformazione del campo sportivo miramare in parcheggi, museo e locali commerciali?


  • Scar La Teglia

    Vorrei sapere qualcosina in più sulle modalità di attuazione del solarium ma non sono mai stato sugli scogli perchè era strapieno di gente. Ho apprezzato invece quello che hanno fatto sul litorale nella zona delle alghe. Ora è guardabile e ci sono più servizi. Vogliamo il turismo ma non offriamo nulla. Se un turista non vuole andare alla spiaggia può andare sugli scogli e tiene il servizio ombrellone e sdraio.


  • Ma va va fank

    Qualche pro Solarium c’è e siccome non riesce a darci una ,dico una motivazione di questo eccellente progetto,che fa? Spara -del tipo ” ..non era quello ” . Come si fa ad autorizzare una struttura eco(in)sostenibile sugli scogli?
    Come si fa a “saltare” tutti i vincoli marittimi, paesaggisti,etc.?
    Basta avere gli uomini giusti , al posto giusto ,nei momenti giusti, e questo è il momento giusto.
    Noi tipi da scoglio,glielo IMPEDIREMO.
    Kozz,Carecchj e Kaprunn!!! (d.satira,ndr)


  • L'uomo delle paludi

    @ Scar La Teglia, di quale alghe parli? Se ti riferisci a quelle famigerate della scogliera della Zona Ponte di Mafrolla sino alla zona ” orto delle breccie” è un tratto tra i più osceni, inguardabili e insani d’Italia! Che – offriamo ai turisti i caimiani e i pitoni? O apriamo un centro nudisti all’interno delle immense paludi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi