ManfredoniaMonte S. Angelo
Il prezzo a base d'asta era stato fissato a € 14.899.300,00.

Lavoratori “Deserta asta per cessione Sangalli Vetro Manfredonia, Satinato e Magnetronico”

Lavoratori "Non ci siamo avviliti il 29 novembre 2014, data di inizio operazioni spegnimento forno, figuriamoci oggi per un'asta deserta"

Di:

Monte Sant’Angelo/Manfredonia. E’ andata “deserta” l’asta relativa alla “Cessione congiunta in un unico lotto delle tre aziende di proprietà dei fallimenti Sangalli Vetro Manfredonia spa, Sangalli Vetro Satinato srl e Sangalli Vetro Magnetronico srl” (site in località Macchia di Monte Sant’Angelo, area ex Enichem), con rispettive sentenze di fallimento n. 38/2016, n.138/2015 e n.185/2015 del Tribunale di Treviso. Lo rendono noto alcuni lavoratori dell’azienda.

Il prezzo a base d’asta era stato fissato a € 14.899.300,00.

focus – Ecco come il Tribunale ha dichiarato il fallimento della Sangalli

Società specializzate nella lavorazione del vetro trasformato e del vetro piano

Come risaputo, si fa riferimento al “gruppo di società specializzate nella lavorazione del vetro trasformato e del vetro piano per l’edilizia vantando il titolo di unico produttore italiano quest’ultima tipologia di vetro”, beneficianti dei fondi del Contratto d’Area territoriale.

In particolare, “la vendita delle tre società si compone del complesso degli immobili ed attrezzature per la produzione di lastre di vetro float chiaro ed extra-chiaro, di vetro stratificato, di vetro satinato e di vetro coatizzato per il risparmio energetico ed il controllo solare”.

Le offerte in busta chiusa dovevano essere presentate entro e non oltre le ore 17.00 del giorno 14/03/2017 presso lo studio del Notaio Matteo Contento“.

Lo scorso 1° febbraio 2017 l’incontro al MiSE con Emiliano e il sindaco Riccardi

Relativamente alla vertenza, si ricorda come lo scorso 1° febbraio 2017, a 26 mesi dalla fermata dell’impianto, si era svolto un incontro al MiSE di Roma – alla presenza del Viceministro Teresa Bellanova, del Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, del Sindaco di Manfredonia Angelo Riccardi, della curatela fallimentare nominata dal Tribunale di Treviso e della Sofit (società di advisor per la ricerca di investitori).

Siamo in una fase in cui la perizia di valutazione del compendio aziendale, fatta dal tribunale di Treviso, è piuttosto alta e questo fa presumere che, nella fase ordinaria dell’asta, ci sarà qualche difficoltà perché chi compra deve comprare a quei valori, che sono molto elevati, e poi deve anche ristrutturare il forno, sia pure con l’aiuto della Regione Puglia”. Così Emiliano al termine dell’ultimo incontro al MiSE di Roma. “Abbiamo chiesto di accelerare questa fase dell’asta – ha detto Emiliano – in modo tale che si possa passare all’esame di eventuali offerte dirette da parte di concorrenti che fanno parte di un oligopolio. Le aziende del settore cioè sono poche e temono, partecipando all’asta, di far conoscere agli altri concorrenti le proprie intenzioni e le proprie mosse sul piano della concorrenza globale. E’ preferibile quindi secondo noi trattare più riservatamente da parte del Tribunale”.

Lavoratori “Non ci arrendiamo”

Non ci siamo avviliti il 29 novembre 2014, data di inizio operazioni spegnimento forno, figuriamoci oggi per un’asta deserta. Andiamo avanti a testa alta, 27 mesi e 4 giorni non sono una sciocchezza, ci ha fatto maturare tanto e dal fondo non possiamo che risalire. Destra & Sinistra prepararsi….Jam ja‘!!!”, scrive un lavoratore sui social.

FOCUS
ANALISI VERTENZA: DALLA PRODUZIONE AGLI SCIOPERI FINO AI FALLIMENTI

REDAZIONE STATO QUOTIDIANO, DDF – RIPRODUZIONE RISERVATA

FOTOGALLERY FONTE Industrialdiscount

Lavoratori “Deserta asta per cessione Sangalli Vetro Manfredonia, Satinato e Magnetronico” ultima modifica: 2017-03-16T11:25:16+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
22

Commenti


  • Doniaexit

    Ma chi è sto pazzo che viene a investire a Manfredonia? Le tasse più alte d’Italia, non ci sono infrastrutture, la politica che si intromette e quant’altro! Neanche i cinesi che investono anche nel centro africa avrebbero l’ardire di investire a Manfredonia!


  • Antonello Scarlatella

    Un copione gia’ scritto. Mi dispiace dei lavoratori e di chi si e’ illuso che qualche folle potesse mai investire milioni di euro in una nazione in balia del nulla.


  • Solo io

    E tutte le chiacchiere che c.era un investitore greco poi algerini.
    Ma dico io i nostri ex direttori del personale e ex direttore di stabilimento perché diffonde ste bugie solo per illuderci per quale motivo a quale pro.???????????


  • 16-3 -1978 (strage via Fani e rapimento A.Moro)

    Una nazione in balia del nulla, una nazione in balia dei politici del nulla, i meno dotati cerebralmente del mondo e con un alto indice di immoralità, una scarsissima dignità anche personale, abili sono negli arricchimenti personali.


  • resa dei conti

    Dove sono fini tutti questi acquirenti che si fomentavano?
    O meglio che tutti ne parlavano? bisogna dar ragione a molti utenti che scrivono e sono con i piedi per terra, rispetto a chi vive di illusioni, ma chi è che viene a investire in una ex azienda, dove la si è fatta fallire, pensando di ricavare non so cosa?
    Certo un c’è stato nel passato “sangalli”, ma alla fine ha dovuto cedere lo stabilimento…………………………………….


  • LA NAZIONE PIU CORROTTA DEL MONDO!

    MEGLIO INVESTIRE IN SIRIA O IN ETIOPIO O IN MESSICO!!


  • La cancrena dell'Italia è la politica

    I politici italiani cercano solo di “illudere gli italiani” con false promesse e illusioni per poi fare i cazzi loro…


  • illusi

    Io non addosserei tutte le colpe hai politici, più tosto leggo di scioperi e di contrasti aziendali, ma in che forma sono stati organizzati questi scioperi?? Qui si parla di mesi, e per cosa? Da chi sono stati guidati e istruiti questi scioperi?? Perché il coinvolgimento di altre aziende del gruppo? Fino a farle fallire e chiudere, e far licenziare gli operai, cosa non ha funzionato, chi e come ha condotto tutto questo? Io mi chiederei queste domande e cercherei e pretenderei delle risposte.
    Visto che come si puo ben osservare gli sbagli e l incapacità di amministrare queste vertenze, non sono a costo zero.
    Ma le si pagano.


  • Andiamo altrove

    Andiamo a cercare il lavoro altrove, non sperate in qualcosa che non succedera’ mai, se avete famiglia andate altrove ,ormai la Manfredonia Vetro e’ morta e mai nessuno la rilevera’.

    So tutte chiacchiere da bar,si ringrazia si sindacati per come hanno portato avanti la lotta in modo errato.


  • Antonio Trotta

    Considerando l’investimento necessario per riavvistare lo stabilimento, oramai vecchio di 20 anni, penso che sia più economico buttarlo giù e rialzarlo (paradosso).
    Se bisogna aggiungere anche il costo per acquisire un qualcosa che oggi no ha alcun valore.
    A questo aggiungerei, non è neanche detto che chi arrivi sia disposto ad inserire il vecchio personale per inserire personale a più basso costo.
    Considerando quanto successo, trattandosi di uno stabilimento industriale, ci potrebbe essere anche chi è contrario. Poi trovandosi sul territorio di Monte chi dice che una nuova azienda non stipuli qualche accordo con il comune dei nostri vicini cugini?


  • Anto

    Prevedibile, potrebbe far gola a qualcuno solo se regalata e con lo stato che paga gli stipendi per 5 anni, e naturalmente dopo 5anni bisognerebbe ricominciare tutto daccapo.

  • L’UNICA POSSIBILITÀ DI SALVEZZA SAREBBE AFFIDARE LA MANFREDONIA VETRO AL COMMISSARIO CHE HA RISOLTO LA VERTENZA CONAD SENZA FARE TANTO CLAMORE COME INVECE FANNO I POLITICI.


  • Lettore attento

    Rassegnatevi andatevi a trovare un lavoro come ha fatto chi aveva bisogno e voglia di farlo e non ad organizzare presidi solo per occupare ..


  • Solo io

    Ci hanno solo fatto vedere la luna con ste chiacchiere di possibili acquirenti.
    E i sindacati ???????
    Ma cosa fanno ??????
    Il Sig. Vittorio .antonio e altri nomi di sindacalisti che fanno???,
    Io dico una cosa parlate chiaro ai colleghi così almeno la smettono di perdere tempo al presidio e si trovano un lavoro!!!!!!
    Non illudete più a nessuno sennò fra poco oltre alle macchine proprie .oro ecc…pure le mogli si devono vendere!!!!!


  • Antonello Scarlatella

    PAOLO l’unica possibilità SAREBBE STATA…NON è.
    Non è più possibile ora AFFIDARE TUTTO AD UN COMMISSARIO.
    Ed è qui che c’e’ l’errore.
    Se ti va vatti a leggere tutti i miei commenti a riguardo.
    MA NON C’E’ SORDO PIU’ SORDO DI CHI NON VUOL SENTIRE.

    LA SERRACCHIANI HA SALVATO SAN GIORGIO DI NOGARO ED HA AFFOSSATO MANFREDONIA PERCHE’ DOVEVA SALVAGUARDARE LA FRIULA FINANZIARIA REGIONALE DEL FRIULI VENEZIA GIULIA CHE AVEVA EROGATO MILIONI E MILIONI DI EURO A SANGALLI.

    SAI CHI E’ LA SERRACCHIANI? LA VICE RENZI. LA POLITICA LOCALE POCO POTEVA SENZA UNA VERA E PROPRIA RIVOLUZIONE DI POPOLO.

    MA IL MANFREDONIANO ORA ALLE ORE 18.15 SI STA’ PREPARANDO PER LA SFILATA DI MODA PER CORSO MANFREDI , QUINDI CARO AMICO SE NOI VOGLIAMO CONTINUARE A CAMPARE DI CHIACCHIERE E DISTINTIVO E DI MINKIATE CHE CI DICONO PER TENERCI BUONI……
    PUOI SOLO DIRE:
    IL POPOLO CHE E’ CAUSA DEL SUO MAL PIANGA SE STESSO.


  • ma quanti sbagli e per colpa di chi?

    Giusto Antonello, ricordo bene quante volte l hai scrito che era meglio il commisariamento, ma ricordo bene che molti gridavano nelle assemble, e anche al mise che Doveva fallire, che era meglio, perché era più appetibile agli sceicchi arabi, e che era quello che si meritava.Gurdatevi i video e iverbali del mise parlano chiaro. Vogliamo parlare delle nostre seconde lavorazioni…non ci hanno voluto fare entrare a lavorare, e si non solo i sindacalisti…anche i sindacalisti improvvisati…tutti esperti….strateghi…e genei delle vertenze….ecco bene bravi….ora ci troviamo a distanza di quasi 3 anni con un pugno di mosche…e per cosa…per esserci messi fuori hai cancelli come tanti caproni…


  • gaetano p.

    Scusate leggo di gente che si é venduto la macchina, l ‘oro, e altri beni, scusate ma non pensate che dopo tre anni forse é meglio trovarsi un altro lavoro? Oppure devo pensare che vi fa comodo questa situazione.
    Non penso che vi abbia obligato il medico a rimanere in questa situazione, anche perche non penso che i sussidi siano eterni.


  • Lettore attento

    Sí bravo condivido il tuo pensiero… Ci sono grandi responsabilitá da parte di chi ha giocato a fare il sindacalista o peggio il rivoluzionario sulla pelle di tanti poveri lavoratori


  • Mario

    tutti i soldi pubblici del contratto d’aria suddivisi fra tutti i lavoratori, gli avrebbero garantito uno stipendio di 1500 euro al mese fino alla pensione.


  • principianti

    Condivido in pieno quello che ha scritto lettore attento, e ora chi mi paga i danni economici e morali? I sindacalisti improvvisati? Io come tanti delle seconde lavorazioni potevamo lavorare.
    A chi va chiesto il conto di questo scempio?


  • lettore attento

    Caro amico detto “principianti” ricorda che non bisogna mai delegare a nessuno le sorti del proprio futuro… tanti auguri di cuore


  • Alessandro

    E ORA IL COMMISSARIO PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi