GarganoManfredonia
A cura di Antonio Del Vecchio

Malinconia a Rignano: chiude l’ultimo distributore di carburanti

"La prima conseguenza negativa che ne deriva riguarda il disservizio che da ora in poi costringerà gli automobilisti a fare rifornimento altrove, perché interrotto anche l’automatico"

Di:

Rignano Garganico. Piange il cuore! Piange a tutti gli abitanti di Rignano Garganico. E questo per l’avvenuta chiusura del locale distributore di carburanti del gruppo Api. Si tratta dell’ultimo dei quattro, di cui due nella sottostante contrada di Villanova, ancora attivi fino a qualche diecina di anni fa. Se qualcuno consulta le pagine gialle, troverà ancora i loro indirizzi e marche. Il tutto è cominciato da ieri con la contestuale chiusura del Bar, un tempo assai frequentato non solo dagli avventori del servizio, ma anche dai cittadini e passanti in genere, trovandosi esso sulla SP che porta a San Marco in Lamis. Al momento nessuno sa se domani prossimo o venturo sarà riaperto.

La prima conseguenza negativa che ne deriva riguarda il disservizio che da ora in poi costringerà gli automobilisti a fare rifornimento altrove, perché interrotto anche l’automatico. Nel nostro caso, il distributore più vicino si trova a 7 chilometri, ossia nella città soprannominata e di ulteriori 7 km a San Giovanni Rotondo. L’altra carenza che si riscontra è di natura economica, perché contribuisce ad accrescere la disoccupazione, specie quella giovanile, già critica per la fuga delle energie migliori verso il Nord. Un tempo, i quattro esercizi davano lavoro non solo alle famiglie interessate ma anche ad addetti esterni, perché in loco, assieme all’attività commerciale di tipo vario, si esercitavano anche i mestieri collaterali di gommista, carrozziere e di meccanico in genere. Il ‘colpo di grazia’ ora lascia annichiliti un po’ tutto, avendo il piccolo centro imboccato da tempo la via del declino. Per cui ci vorranno veramente degli amministratori coraggiosi per rimettere in sesto l’economia e tutelare le speranze dei giovani che sono rimasti. Il riferimento è a quelli che saranno eletti tra qualche mese alla massima assise comunale, finora retta dalla giunta di Vito Di Carlo.

(A cura di Antonio Del Vecchio, Rignano Garganico)



Vota questo articolo:
4

Commenti


  • Antonello Scarlatella

    A 10 centesimi di ricavo…dopo che lo stato si fotte iva accise tasse e altro…non poteva essere altrimenti. Come sopravvive un gestore? Fatevi due calcoli.
    Stanno chiudendo gli impianti sulle autostrade…dove i costi sono ancora piu alti in virtu degli oneri da versare ad autostrade spa….immaginiamo nei paesi piccoli.


  • 16-3 -1978 (strage via Fani e rapimento A.Moro)

    Il bello deve ancora venire….


  • Sipontino indignato

    Vuoi vedere che metteranno il distributore di Gpl?


  • un benzinaio

    Caro Antonello, dieci cent. e chi li ha visti mai!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This