EconomiaStato prima
Fonte ANSA

“Da truffe e sprechi nella p.a. danno allo Stato per 5,3 miliardi”

"Il dato è contenuto nel Rapporto annuale della Guardia di Finanza"

Di:

(ansa) Gli sprechi nella pubblica amministrazione e l’irregolare gestione dei fondi pubblici hanno provocato nel 2016 un danno all’erario dello Stato pari a oltre 5,3 miliardi, oltre un miliardo e 300 milioni in più dell’anno precedente, quando il danno patrimoniale ammontava a 4 miliardi. Il dato è contenuto nel Rapporto annuale della Guardia di Finanza ed è il frutto di 2.058 accertamenti svolti su delega della Corte dei Conti. Complessivamente sono stati segnalati alla magistratura contabile 8.067 soggetti. (ansa)



Vota questo articolo:
3

Commenti


  • Zuzzurellone Sipontino

    Si potrebbe iniziare da qualche norma di buon senso:
    Aumento delle pene minime non solo delle massime;
    Anagrafe tributaria obbligatoria per tutti i dipendenti pubblici e per tutti gli eletti e nominati. Con confisca automatica di quanto non risultante dalle evidenze fiscali. Tale norma da estendere a tutti i parenti in modalità progressiva per ruoli o eletti.
    Legge sul conflitto di interessi progressiva e repressiva per tutti gli eletti, nominati e tutti i dipendenti pubblici fino 5 grado di parentela.
    Cosi dovemo fà pe fidasse…..


  • LA NAZIONE PIU' CORROTTA DEL MONDO!

    TAGLIETELI LE MANI A QUESTI PORCI!


  • Raffaele Vairo

    Il danno provocato all’erario dello Stato per gli sprechi nella pubblica amministrazione e l’irregolare gestione dei fondi pubblici fa quasi ridere (5 miliardi di euro circa all’anno) rispetto a quello cagionato dalla corruzione e dall’evasione fiscale (complessivamente 200 miliardi di euro).
    “Quando il saggio indica la luna lo stolto guarda il dito”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi questo articolo!