FoggiaManfredonia
Lunedì 18 aprile parte la raccolta di firme

Juri Galasso: “Pensione anticipata per il comparto edile”

La petizione potrà essere sottoscritta ogni giorno, dalle 10 alle 13, presso lo sportello ItalUil in via Danimarca, 7/e a Foggia

Di:

Foggia. “Pensione anticipata ed estensione dei benefici dell’istituto dei lavori usuranti agli operai edili”. Così Juri Galasso, segretario generale provinciale della FenealUil lancia la raccolta di firme per modificare l’impianto del decreto legislativo 67/2011 e della legge 214/2011. “La legge riconosce la possibilità a chi svolge mansioni particolarmente usuranti di andare in pensione con tre anni di anticipo rispetto agli altri lavoratori. Tra le categorie comprese ci sono i lavori in gallerie, cave e miniere, in cassoni ad aria compressa, in spazi sottomarini, quelli eseguiti ad alte temperature, in spazi ristretti, per asportazione dell’amianto, nonche’ alcuni lavori notturni, quelli delle cosiddette ‘linee catena’, le attivita’ di conduzione di determinati veicoli di trasporto collettivo. Il “vulnus” di questa legge è che non c’è alcun accenno a chi lavora su un’impalcatura, a diversi metri dal suolo, sotto qualsiasi condizione climatica. A nostro avviso è un tipo di lavoro particolarmente usurante che non si può svolgere passati sessant’anni. Il pensionamento anticipato avrebbe un duplice effetto positivo: favorirebbe il ricambio generazionale nel comparto e ridurrebbe incidenti sul lavoro e morti bianche”, spiega Galasso. La petizione potrà essere sottoscritta da tutti i cittadini di Capitanata e, in particolare dagli operatori del comparto, a partire da lunedì 18 aprile ogni giorno, dalle 10 alle 13 presso lo sportello ItalUil in via Danimarca, 7/e a Foggia. “La nostra idea è quella di raggiungere un buon numero di firme da sottoporre all’attenzione dei parlamentari di Capitanata ai quali chiederemo un impegno preciso a trasformare la petizione in iniziative concrete per modificare l’impianto legislativo. Per questo chiediamo a tutti i lavoratori, e a tutti i cittadini, di aiutarci in questa grande battaglia di civiltà”, conclude il segretario generale della FenealUil.



Vota questo articolo:
1

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This