Lavoro

Formazione Professionale. Damone: “Prima pensiamo ai lavoratori


Di:

Damone (Ppdt)

Il consigliere F.Damone (immagine d'archivio - IlGrecale)

Foggia – “LA mancata rendicontazione delle somme erogate a favore degli Enti di Formazione Professionale, produce un danno notevolissimo a tutto il comparto con rilevanti danni a carico del personale ex-albo che da molti mesi non riscuote lo stipendio”. Così in una nota il capogruppo consiliare de “La Puglia Prima di Tutto”, Francesco Damone.

“Una Giunta di sinistra dovrebbe ‘in primis’ farsi carico delle soluzioni di salvaguardia dei sacrosanti diritti dei lavoratori. Purtroppo, oggi non solo registriamo un totale menefreghismo di fronte a queste drammatiche situazioni, ma verifichiamo che si tutelano gli Enti a scapito totale dei lavoratori. Infatti mentre il Consiglio regionale proprio per soddisfare gli Enti gravati dai debiti, ha forzato la norma portando a 60 mesi la restituzione delle somme, si apprende che vengono redatte determine per dilazionare ulteriormente i termini suddetti per la rendicontazione di alcuni Enti molto vicini alla maggioranza.
Gli incontri della commissione regionale, le interrogazioni prodotte, gli articoli di stampa, i richiami alla solidarietà e quant’altro, alla luce dei risultati continuano ad essere inversi e le promesse svanite”.

“Che possono dire i pugliesi di fronte a proclami vendoliani di 30mila posti di lavoro a venire, quando si verificano situazioni drammatiche del personale sanitario e degli ex-albo della formazione professionale? Risulta all’assessore Sasso che un Ente in forte situazione debitoria con la Regione e che potrebbe dichiarare fallimento, ha già stipulato una convenzione con altra struttura appositamente creata e ove sono già impiegati a scavalco personale retribuito da quell’Ente e agevolato con convenzioni? Non intendiamo creare confusione con la denuncia agli organi istituzionali che pure potrebbero essere interessati a rendere chiarezza e verità, ma proponiamo all’assessore una via che dia certezze di tutela non solo agli Enti, ma soprattutto ai cassintegrati che rischiano la certa disoccupazione e di non raggiungere il minimo pensionabile”. “Anche qui occorre uno sforzo alto di assunzione di responsabilità e comunicare ai vari Enti creati dalla gestione Barbieri e quelli che saranno destinatari di avvisi pubblici, che la priorità della chiamata di personale deve avvenire soprattutto tra gli operatori ex-Albo della Formazione Professionale”. “E’ cosi difficile creare una soluzione per questo residuo personale che ormai è in mezzo al guado senza prospettiva? Assessore Sasso abbia l’amabilità di prendere a cuore questa drammatica situazione con la collaborazione di soggetti conoscitori della materia e della norma. Solo la morte non ha possibilità di soluzioni”.


Redazione Stato

Formazione Professionale. Damone: “Prima pensiamo ai lavoratori ultima modifica: 2011-05-16T13:05:52+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • Marco Barbieri

    solo una persona in mala fede può affermare che esistano “vari enti creati dalla gestione Barbieri”: che, come si sa, non ha creato né avuto enti né propri né vicini o amici, a differenza dello squallore e della corruzione che per anni ha contraddistinto il settore all’epoca della destra al governo della Regione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This