ManfredoniaStato news
Indicate nel provvedimento le presunte 'violazioni di legge'

ASP Smar, A.Egidio Commissario, cause scioglimento CdA

Di:

Bari – CON Decreto del Presidente della Giunta regionale pugliese n.405/28.05.2014, nominato Commissario straordinario dell’ASP SMAR di Manfredonia la signora Angela Egidio. Durata dell’incarico “6 mesi dall’insediamento, allo scopo di sanare (..) violazioni di legge” e per procedere alla gestione dell’Ente.

CAUSE SCIOGLIMENTO. Come indicato all’articolo 1 del Decreto, “il Consiglio di Amministrazione dell’Asp SMAR di Manfredonia” è stato “sciolto a causa di gravi violazioni di legge in conformità a quanto disposto dall’articolo 23 L.R. 15/2004 e s.m.i.(L.R. Puglia 30 settembre 2004, n. 15 – Riforma delle Istituzioni pubbliche di assistenza e beneficenza (IPAB) – e disciplina delle aziende pubbliche dei servizi al le persone “.

“All’atto dell’insediamento – specifica il Decreto – il Commissario straordinario dovrà rilasciare dichiarazione di insussistenza di cause di incompatibilità previste dalla normativa vigente (..)”. Contro il provvedimento di nomina, “consentito il ricorso al Tar Puglia entro 60 giorni dalla data di notifica” dell’atto (che sarebbe avvenuta il 05 giugno 2014).

IL PROVVEDIMENTO REGIONALE. Nell’atto si specifica come “il 03.12.2013 si è svolto, a cura del competente Ufficio regionale, presso l’Asp Smar – Casa di riposo Anna Rizzi” si è svolto un “sopralluogo finalizzato alla verifica del possesso dei requisiti standard strutturali ed organizzativi normativamente previsti per l’iscrizione ai registri regionali delle strutture socio assistenziali”. Da tale verifica è emerso che la struttura in questione “non è ancora in possesso dei requisti minimi standard previsti dall’articolo 36 del R.R.4/07”.

L’AUTORIZZAZIONE PROVVISORIA RILASCIATA DAL COMUNE DI MANFREDONIA ALL’ASP SMAR, FINO AL 06.02.2015

“I funzionari regionali accertavano inoltre come non vi fosse alcuna istanza, promossa dai competenti organi aziendali, volta all’ottenimento della proroga per l’autorizzazione provvisoria al funzionamento. Si verificava inoltre che la richiesta di autorizzazione definitiva, prodotta in data 20.01.2009, non aveva mai conseguito alcun esito. Tanto in considerazione del dato per cui alle integrazioni documentali richieste dal Comune di Manfredonia il responsabile della struttura avrebbe provveduto con nota del 14.04.2009 che però non risulta mai essere stata acquisita al protocollo comunale”, come scritto nel decreto del presidente della giunta regionale.

Come scritto ancora nell’atto, “nell’ambito della ridetta proceduta di verifica si verificava inoltre la presenza in struttura di ospiti anziani ‘palesemente non autosufficienti’ in chiara violazione di quanto previsto dalla vigente normativa in riferimento alla tipologia di struttura de quo”.

“L’ASP SMAR ha provveduto all’appalto del servizio di ‘Assistenza alla persone, cura ed igiene degli anziani (..) alla cooperativa sociale OSS Sanitas con le modalità dell’affidamento in economia mediante cottimo fiduciario. Tale modalità di affidamento – è scritto nel provvedimento regionale – è stata resa possibile in conseguenza della frammentazione in periodi mensili del ridetto servizio con una sostanziale elusione della disciplina vigente in materia di affidamento di appalti da parte di un soggetto giuridico pubblico. Tale anomalia – è scritto nell’atto – veniva prontamente rilevata dal competente Ufficio regionale con nota (..) del 04.02.2014 (riscontrata con missiva dall’Asp Smar, ‘con la quale si ribadiva la volontà ‘fermo il permanere delle lamentate, insormontabili – allo stato – difficoltà di carattere contabile’ di proseguire nelle modalità di affidamento oggetto di censure da parte regionale’.

Inoltre, nel provvedimento regionale si evidenzia come “con propria relazione del 05.04.2012, il Collegio dei revisori esprimeva parere sfavorevole in ordine al bilancio di previsione 2012 e del bilancio pluriennale 12-13-14 dell’azienda con una articolata serie di censure sull’attività amministrativa del CdA; con successiva relazione il Collegio dei Revisori non esprimeva parere favorevole in ordine al bilancio consuntivo 2012 manifestando ulteriori censure in ordine alla gestione dell’Ente”. “Con propria relazione del 18.05.2013, il Collegio dei Revisori esprimeva parere sfavorevole in ordine al bilancio di previsione 2013 (..)”. “Con deliberazione 2/31.01.2014 il CdA dell’ASP SMAR manifestava la necessità di procedere alla vendita di 3 unità immobiliari a causa di una situazione economica critica cagionata da ‘disavanzo di amministrazione’. Già con precedente deliberazione n.16 del 30.03.2011 lo stesso CDA aveva proceduto ad alienare altri 3 immobili di proprietà dell’Ente. Tali alienazioni – è scritto nel provvedimento regionale di nomina del Commissario straordinario – costituiscono un chiaro sintomo dello squilibrio gestionale dell’ASP e determinano un depauperamento patrimoniale irreversibile”.

“Tanto premesso”, correlandosi tra l’altro all’articolo 23, comma 1, della citata L.R.15/2004 e s.m.i. (Art. 23 – Scioglimento e decadenza del Consiglio di amministrazione. 1. Il Consiglio di amministrazione dell’azienda è sciolto nei casi di cessazione dalla carica della maggioranza dei componenti, di grave violazione di legge e di norme statutarie, di accertato mancato funzionamento), e data ‘la proposta dell’Assessore al Ramo (dr.ssa Elena Gentile,ndr), è stato decretato lo scioglimento del CDA dell’ASP SMAR di Manfredonia con contestuale nomina della signora Angela Egidio a Commissario Straordinario della citata Asp, per “la durata di 6 mesi dall’insediamento, allo scopo di risanare le richiamate violazioni di legge e procedere alla gestione dell’Ente”. Resta, come detto, la possibilità di ricorso al Tar entro ’60 giorni dalla notifica del provvedimento’.

IL NUOVO COMMISSARIO STRAORDINARIO. Relativamente al nuovo commissario straordinario, (come da atti in data odierna), Angela Edigio è stata già nominata liquidatore a tempo indeterminato, con atto del 13.12.2013, della IMES Spa in liquidazione (in precedenza era stata vice presidente del CdA della citata Imes), ed è la coniuge del consigliere comunale di Manfredonia (2010-2015) Alessandro Salinari.

g.defilippo@statoquotidiano.it



Vota questo articolo:
20

Commenti


  • Il falco

  • ma avete comunicato al sig SINDACO il tutto?adesso vogliamo vedere chi ha il coraggio di rispondere che non ci sono i motivi del commissariamento?FORZA A CHI TOCCA…..


  • Renziano

    Auguri alla moglie di SALINARI e come si usa dire tutti i nodi vengono al pettine..


  • ASL

    Sign.Sindaco …adesso tocca a te renderli nulli


  • Angelo Riccardi e Paolo Campo, adesso che cosa avete da dire a vostra difesa?!?! Riccardi vattene...

    “Da tale verifica è emerso che la struttura in questione “non è ancora in possesso dei requisti minimi standard previsti dall’articolo 36 del R.R.4/07″.

    “I funzionari regionali accertavano inoltre come non vi fosse alcuna istanza, promossa dai competenti organi aziendali, volta all’ottenimento della proroga per l’autorizzazione provvisoria al funzionamento…

    “…Si verificava inoltre che la richiesta di autorizzazione definitiva, prodotta in data 20.01.2009, non aveva mai conseguito alcun esito…”

    “nell’ambito della ridetta proceduta di verifica si verificava inoltre la presenza in struttura di ospiti anziani ‘palesemente non autosufficienti’ in chiara violazione di quanto previsto dalla vigente normativa in riferimento alla tipologia di struttura de quo”.

    “L’ASP SMAR ha provveduto all’appalto del servizio di ‘Assistenza alla persone, cura ed igiene degli anziani (..) alla cooperativa sociale OSS Sanitas con le modalità dell’affidamento in economia mediante cottimo fiduciario. Tale modalità di affidamento – è scritto nel provvedimento regionale – è stata resa possibile in conseguenza della frammentazione in periodi mensili del ridetto servizio con una sostanziale elusione della disciplina vigente in materia di affidamento di appalti da parte di un soggetto giuridico pubblico…”

    Inoltre, nel provvedimento regionale si evidenzia come “con propria relazione del 05.04.2012, il Collegio dei revisori esprimeva parere sfavorevole in ordine al bilancio di previsione 2012 e del bilancio pluriennale 12-13-14 dell’azienda con una articolata serie di censure sull’attività amministrativa del CdA…”

    “Con deliberazione 2/31.01.2014 il CdA dell’ASP SMAR manifestava la necessità di procedere alla vendita di 3 unità immobiliari a causa di una situazione economica critica cagionata da ‘disavanzo di amministrazione’. Già con precedente deliberazione n.16 del 30.03.2011 lo stesso CDA aveva proceduto ad alienare altri 3 immobili di proprietà dell’Ente. Tali alienazioni – è scritto nel provvedimento regionale di nomina del Commissario straordinario – costituiscono un chiaro sintomo dello squilibrio gestionale dell’ASP e determinano un depauperamento patrimoniale irreversibile”.

    NON PENSO DEBBA AGGIUNGERSI ALTRO, SE RICCARDI SI OSTINA A PRENDERE LE DIFESA DI CHI GESTISCE IN QUESTO MODO LA COSA PUBBLICA, COMPRENDO PERCHE’ ANCHE LUI E’ CONVINTO DI POTER CONTINUARE AD AMMINISTRARE IL NOTSRO COMUNE NONOSTANTE TUTTO… MA E’ ARRIVATA L’ORA DI “RISANARE” ANCHE LA NOSTRA CITTA’ (OLTRE ALL’ASP ANNA RIZZI” E COMMISSARIARE ANGELO RICCARDI, ALCUNI SUOI ASSESSORI E PAOLO CAMPO CON TUTTA LA VECCHIA SINISTRA DEL PD DI MANFREDONIA. E’ UN DOVERE MORALE CHE HANNO I CITTADINI DI MANFREDONIA SOPRATTUTTO SE SCOPRONO CHE LA STORIA SULLA GENTILE E SULLA MOGLIE DI SALINARI E’ STATO SOLO UN PRETESTO PER DISTRARRE I CITTADINI DALLE REALI RAGIONI PER LE QUALI LA REGIONE HA INTESO COMMISSARIARE L’ASP. ALLA AVV. ANGELA EGIDIO I NOSTRI MIGLIORI AUGURI. PER ME SE STANNO CERCANDO UNA DONNA DA PROPORRE COME SINDACO, ANCHE LEI ANFDREBBE BENISSIMO, PERCHE’ ANCHE IL NOSTRO COMUNE E’ DA RISANARE E CI VORREBBE UN TECNICO E NON UN POLITICO.


  • A QUESTO PUNTO NON RESTA CHE RISANARE ANCHE IL COMUNE E MANDARE VIA ANGELO RICCARDI!

    Secondo me Angela Egidio per la professionalità e la competenza espresse, avrebbero fatto meglio a proporla come candidato SINDACO, ha ragione chi sostiene che il primo ente che ha bisogno di essere risanato è il nostro Comune, ma siccome c’è una parte del PD che non vuole far emergere l’operato degli ultimi 14 anni, sperano di continuare a tenere sotto controllo la gestione finanziaria del Comune.


  • Lidia

    Alla faccia delle motivazioni inesistenti gridate ai quattro venti…..ma roba da matti!


  • leprotto varlotto

    Tanto rumore per nulla. Il controllore avrà il coraggio di denunciare il controllato?
    Chiedo, nella libera manifestazione del pensiero, ipotizzando la mancanza dei requisiti minimi (pensa tu se erano richiesti quelli “normali”), come ha fatto a vincere un bando pubblico?


  • ARROGANZA SENZA LIMITI

    Caro Sindaco,dovevi almeno avere la decenza di non fare dichiarazioni dando rispetto alle tante persone che ti hanno votato una delle quali sono io,ma pensavi che le motivazioni del commissariamento non fossero mai pubblicate e restassero un segreto per caso?Una cosa è certa ,pensi che la gente sia stupida e incapace di leggere e informarsi e questa cosa è raccapricciante.


  • op-pà

    Ad Angela i miei sentiti auguri oltre che un grande in bocca al lupo per questo nuovo e faticoso incarico. Confido nella tua professionalità,nel tuo essere giusta e combattiva. Ad maiora!


  • agata

    E poi senza voler esprimere dubbi sulla competenza della egidio (che cmq dovrà dimostrarla), come mai i nostri politici erano da mesi alla ricerca del nuovo commissario (ricevendo peraltro diverse risposte negative) e poi sono arrivati a lei?


  • in bocca al lupo

    Conosco benissimo Angela. Gli Egidio,Una famiglia che mi ha dato insegnamenti speciali,dritte incredibili,il senso dell’umiltà,il rispetto x il lavoro e soprattutto x i lavoratori. I miei più cari e sentiti auguri! Buon lavoro!


  • Mario Prencipe da Torino

    Per tutti quelli che credono all’abbaglio delle motivazioni del decreto: il ricorso d’urgenza al TAR è la dimostrazione che probabilmente la regione ha motivato male e illegittimamente il tutto. Vi faccio una domanda: chi è il presidente dei revisori e soprattutto con chi e in quale studio lavora?????attenzione…se dovesse essere accolto il ricorso il mio caro amico Paolo credo avrà tutti i motivi per una denuncia alla procura della repubblica e soprattutto un esposto alla GF…e poi vedremo ….


  • Libero

    E che è
    Sta scrivendo tutta la famiglia Salinari? (ironia)
    🙂
    Una cosa è certa perché proprio sta signora ?
    È uscita fuori dal cilindro?
    Boooo
    I commentatori che dicono?


  • Si dorme

    Calascioni ma cosa scrivete, dal mio punto di vista questa è una mossa politica da parte di vendola e gentile per fare uno “sgarbo” ad angelo riccardi e si è andata a trovare la scusa per sostenere un “uomo” che ha fatto campagna elettorale per la signora. …… ma dove vivete?


  • agata

    Innanzitutto ora vedremo se il commissario farà un bando pubblico x il servizio o anche lei farà l’affidamento diretto visto che soldi non ce ne sono. Se volete vi sparo un nome a caso della cooperativa che avrà l’affidamento dei servizi!
    2.I bilanci dell’ente sono stati bocciati dai revisori: ma chi è il presidente dei revisori? (ulteriori dati saranno aggiunti con documenti ufficiali, che può anche inviare a: segreteria@statoquotidiano.it – ndR)

    3. Da quanti decenni vi sono non autosufficienti nella struttura e perché solo in questi 4 anni sono arrivati i controlli della regione?
    4. Quanti controlli e ispezioni regionali ha subito l’asp di Manfredonia e qianti le altre asp di Puglia?(considerate che stiamo parlando di enti a cui la regione non caccia un centesimo).
    Gentile direttore mi pare giusto che lei interroghi sulla questione il consigliere regionale franco ognissanti rappresentante di Manfredonia in regione Puglia e che risponda a queste 4 domande una x una. grazie!


  • Si dorme

    e che deve dire ognissanti..


  • antonella

    Insomma, vogliamo finirla con questo tipo di politica da provincialotti asini, quando dovete capire che queste logiche devono finire, mi riferisco alla nostra amministrazione, e ` assurdo, vengono bacchettati continuamente e non imparano mai, ma che ci vuole perche` comincino a capire che devono rigare dritti, rispettare sempre le normative vigenti, non posso credere che avvenga il contrario…


  • torre bernardino

    SALVE SONO DON BERNARDINO TORRE, IL SACERDOTE DELLA DIOCESI DI AMALFI NIPOTE DI MONSIGNOR ANDREA CESARANO, PERCHè NON PARLIAMO ANCHE DELLA TRISTE VICENDA DI VILLA ROSA, CI AVEVANO ASSICURATO CHE TUTTO ANDAVA BENE, MA GUARDA UN Pò CHE STA SUCCEDENDO, SONO INORRIDITO DA QUESTA VERGOGNOSA E SQALLIDA VICENDA, POVERI MANFREDONIANI , QUI CI VUOLE SOLO UN MIRACOLO E SPERIAMO CHE SI DECIDANO A TROVARE UNA SOLUZIONE ONOREVOLE.
    CHI VUOLE CONRTATTARMI IL MIO CELL 3467821120


  • girolamo russo

    benissimo finalmente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi