GarganoManfredonia
Nota stampa

Cera: “Stagione venatoria ritardi e attese”

Di:

Bari. Nota del Presidente del Gruppo consiliare Popolari, Napoleone Cera. “Entro il 15 giugno la Regione Puglia avrebbe dovuto predisporre il calendario venatorio per la stagione 2016-2017, anche per dare risposta ai numerosi cacciatori beffati lo scorso gennaio dalla chiusura anticipata della stagione venatoria. Nel settore è in atto un braccio di ferro sulle competenze tra Governo e Regione, con le associazioni dei cacciatori che hanno richiesto l’intervento del tribunale amministrativo per fare chiarezza sull’argomento, dopo il provvedimento del Consiglio dei Ministri che ha predisposto, nel gennaio scorso, la chiusura anticipata della stagione venatoria in diverse regioni italiane, tra cui la Puglia. Tuttavia, i cacciatori non possono pagare colpe di altri e non possono aspettare l’intervento di Palazzo Chigi, con il rischio che il Governo eserciti il potere sostitutivo, con modalità e tempistiche lesive non solo delle prerogative regionali, ma anche contro gli interessi dei cacciatori, tenuto conto che la stagione venatoria muove un indotto turistico di estremo interesse e che nel resto d’Europa è una ricca e organizzata realtà. Precisato che la caccia in Puglia è fortemente limitata e controllata, auspico un rispetto rigoroso delle normative internazionali, ma senza ledere le prerogative di nessuno, compresi i cacciatori che svolgono anche un ruolo di segnalazione di fenomeni di contrabbando e caccia abusiva. In questi termini la caccia non solo contribuisce alla gestione dell’habitat e svolge un compito di supporto in agricoltura, ma favorisce lo sviluppo del turismo rurale. In questo senso, potrebbe essere interessante aprire un confronto tra Regione e associazioni dei cacciatori sulla legge regionale 27/98 per rivedere, dove possibile, le limitazioni sulla ‘densità venatoria’ delle province pugliesi. Nel frattempo è auspicabile che il competente assessorato regionale porti in Giunta il relativo provvedimento per regolarmentare la stagione venatoria 2016-2017, così come hanno già fatto altre regioni che avevano subito uguale esautoramento da parte del Governo”.

Redazione Stato Quotidiano.it



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati