ManfredoniaMonte S. Angelo

“Non c’è più religione” “Monte Sant’Angelo diventa una perfetta casba medio orientale”

Di:

Monte Sant’Angelo diventa per qualche giorno diventa una perfetta casba medio orientale per il film “Non c’è più religione” con Claudio Bisio e Alessandro Gassman, ora in lavorazione. Non solo, sul set apppaiono anche delle reti da pesca. Un pò desuete per un paese a 800 metri sul livello del mare.

“Non c’è più religione“ è un film di Luca Miniero con Claudio Bisio, Alessandro Gassmann, Angela Finocchiaro, Nabiha Akkari, Massimo De Lorenzo, Roberto Herlitzka, Giovanni Cacioppo, Giovanni Esposito. Da raccolta dati, la sceneggiatura è a firma di Luca Miniero, Sandro Petraglia, Astutillo Smeriglia. Fotografia: Daniele Ciprì. Montaggio: Francesca Calvelli. Scenografia: Francesco Frigeri. Costumi: Francesca Sartori. Musica: Pasquale Catalano. Produttore: Riccardo Tozzi, Marco Chimenz, Giovanni Stabilini. Produzione: Cattleya, Rai Cinema. Distribuzione: 01 Distribution.

“Il nuovo film di Luca Miniero racconta i contrasti tra tre comunità religiose che abitano su un’isola del Mediterraneo. La comunità cattolica, per via del crollo della natalità italiana, non riesce a trovare un bambino per il presepe vivente. Quando i cattolici andranno acercare aiuto dalle comunità musulmana e buddhista, inizierà ad innescarsi la più cllassica della commedia degli equivoci…” (from movieplayer

Trama. Nel presepe vivente il bambinello ha fatto lo sviluppo. Ha la barba e i brufoli degli adolescenti e nella culla non ci sta proprio. Bisogna trovarne un altro a tutti i costi! Una commedia esilarante sull’Italia di oggi, multietnica, senza figli e che si arrangia come può, con un lama al posto del bue e tre amici in lotta fra loro, al posto dei re Magi. Un presepe vivente così non si vedeva da 2000 anni nella piccola isola di Porto Buio.

fotogallery a cura di feliciana taronna

Fotogallery a cura di feliciana taronna

FOTOGALLERY GARGANO TODAY

FOTOGALLERY A CURA DI ANTONIO TROIANO

Redazione Stato Quotidiano.it



Vota questo articolo:
2

Commenti


  • pisc fritt e baccalà

    A Monte Sant’angelo difendono anche i sassi
    a Manfredonia invece distruggono tutto. Ecco perchè a Monte vanno centinaia di pulman e a Manfredonia uno solo a settimana quando va bene.


  • Paolo

    Se non scioglievano il Comune un anno fa Monte diventava per davvero una casbah mediorientale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati