Manfredonia
A cura di Pascalonia

T’agghje viste

Di:

T’agghje vviste assettéte a lla sègge,
e ca và jèsse nu rrè, nu pépe,
tutte quande paperescéte,
pe lli vocc’apirte tu sì lla lègge.

Quidde te correne addrete
addica vé a vé, sop’u ruuagne,
pure a llà, angore te pisce sotte,
po’ succede, chissà, na bbotte.

Statte attind’a vascé lli vréche
pe nu curra curre, ca ngj’abbéche…
tu llu séje llu crede accume ji,

na ggeréte e na valetéte, a cchessì:
te vogghje bbene e te fazze scjalé
te véche ngule e ne nde fazze aduné
.

A cura di Pascalonia

Ti ho visto
Ti ho visto, seduto sulla sedia,/ sembravi più di un re, di un papa,/ tutto quanto impaperato,/ per le bocche aperte (seguaci), sei la legge.// Quelli ti corrono dietro/ ovunque vai, (anche) sul cantaro,/ anche lì, affinché non ti urini addosso,/ può accadere, chissà, un colpo.// Stai attento ad abbassare le brache/ con un corri corri che non si quieti,/ tu lo sai la fede come è// una girata ed una voltata, così:/ ti voglio bene e ti faccio godere/ ti vado nel culo e non (mi) ti faccio accorgere.



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati