Stato newsStato prima
2.839 finora i militari arrestati

Turchia: golpe fallito, Governo valuta “pena di morte”

Nominato intanto il nuovo capo di Stato maggiore

Di:

(Ansa) Dopo ore di bombardamenti e combattimenti a Istanbul e ad Ankara, i militari golpisti si sono arresi. Un gruppo è ancora asserragliato nel quartiere generale del comando delle Forze armate ad Ankara ma i soldati ribelli vorrebbero trattare la loro resa. Sono 2.839 finora i militari arrestati.

Il premier turco Binali Yildirum ha affermato che nella costituzione del Paese non è contemplata la pena di morte, ma che il governo valuterà la possibilità di intervenire con cambiamenti della legge per prevenire il ripetersi di simili tentativi di colpo di stato.

Nominato intanto il nuovo capo di Stato maggiore, Umit Dundar, a sostituire – almeno temporaneamente – Hulusi Akar del quale, preso in ostaggio durante il golpe, non si avevano più notizie certe. Quest’ultimo, poche ore fa, è stato liberato dal luogo di detenzione ed è tornato a Istanbul, dove ha ringraziato i suoi sostenitori, ai quali ha promesso che “i traditori” che hanno tentato di rovesciarlo “pagheranno un caro prezzo”.

L’Italia ha espresso ‘soddisfazione’ per la “difesa delle istituzioni’ in TurchiaRenzi ha espresso “sollievo” per gli sviluppi avutisi (“La preoccupazione per una situazione fuori controllo in un partner Nato come la Turchia lascia spazio al prevalere della stabilità e delle istituzioni democratiche”).

L’accusa di Erdogan è che dietro il golpe vi sia il suo ex alleato, l’imam e magnate Fethullah Gulen, il quale però, in un comunicato, ha condannato il tentativo di golpe, giurando di esserne estraneo. (Ansa)

 

Fonte: Ansa.it



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati