Manfredonia
Farsa breve: “stracurse de cummére”

Manfredonia. I cjambe longhe de Frecone

A cura di Pascalonia - Maronia

Di:

Rarije: “Uh Madonne, sté da pèrde a chépe,
ne nzacce sta cose addica ll’jà mètte
hagghja lègge a smorfie, vedime:
a qquà u vètre, a llà a carte,
a llà po’ ll’urganeche,
ma sta cose a che bbedone appartine?”
Marsavèrje: “Cummére, te ll’è ditte,
a defferenzjéte ji na cosa sèrje.”
Rarije: “Dice mo tu? ma a qquà, ije
me stéche sciumenènne sul sèrje.
E po’ vurrije capì a che sèrve?”
Marsavèrje: “Cummère, tu sì rumaste ndrete,
sèrve a ll’ambjènde, a ll’ècologije!”
Rarije: “Mo, famme capì, tu ca séje asséje,
tutte sta robbe addica vé a fernèsce?”
Marsavérje: “Oh scjasciosce… a llu punde de raccolte!”
Rarije: “Cum’ji?…A llu punde de chi?”
Marsavèrje: “A llu punde de… Frecone.”
Rarije: “E che ce ne fé de sti cose?”
Marsavèrje: “Allore tu ne nzì de stu munne?””
Rarije: “Sì, so’ de cudd’ate munne…”
Marsavèrje: “ A proposete de ll’atu munne,
ànne ditte a lla sope, nu poche de pazejènze
a fè lla defferenzjéte,
arrefreschéte ll’aneme d’u Prejatore!”
Rarije: “E ssì, arrifrische a qua,
arrefrische adda,
arrefrische acchessì
arrefrische a cuddì,
a furje de rinfrescarle
ll’aneme d’u Prejatorje
mo…mo cj’ànna cungelé.
Cummé… che ce ne fanne
de ttutte stu materjéle?”
Marsavèrje: ” bboh!? Opere de Meserecordje…”
Rarije: “Ne mme decènne ca ce llu vènnene?!”
Marsavèrje: “Che ne sacce, e chi llu sépe,
mo llu vènne a dice a tté
accumme stanne i fatte…”.
Rarije: “Nzomme, stu Frecone ne nge lasse ninde,
tene ll’ucchje a tutte vanne…
pure sop’a defferenzjéte ò puste i jamme?…
Tene proprje i cjambe longhe!…”

Pascalonia – Maronia

Le zampe lunghe di Frecone
(Farsa breve: “Confidenze di comari”)

Caterina: “Uh! Madonna, ci sta da perdere la testa,/ non so questa cosa dove la
devo mettere,/ devo leggere la smorfia, vediamo:/ qua il vetro, là la
carta,/ e poi l’organico,/ ma questa cosa a quale bidone appartiene?”
Maria Saveria:” Comare, te l’ho detto,/ la differenziata è una cosa seria!”
Caterina: “Dici cosi mo tu, ma a qua io/ mi sto scimunendo seriamente/ e poi
vorrei sapere a che cosa serve?”.
Maria Saveria: “ Comare tu sei rimasta indientro,/ serve all’ambiente,
all’ecologia”.
Caterina. “Adesso fammi capire, tu che sai assai,/ tutta questa roba dove va a
finire?”
Maria Saveria: “ oh zia…zia… , al punto di raccolta.
Caterina: “ Come è? Al punto di chi?”
Maria Saveria: “Al punto di Frecone”.
Caterina: “ E che se ne fa di queste cose?…
Maria Saveria: “Allora tu non sei di questo mondo?”
Caterina: “Sì, sono dell’altro mondo…”
Maria Saveria: “A proposito dell’ altro mondo/ hanno detto li sopra, un poco di
pazienza a fare la differenziata/ rinfrescate le anime del Purgatorio…”
Caterina: “ Eh ssi, rinfreschi qua,/ rinfreschi là,/rinfreschi così/ rinfreschi cosa,
a furia di rinfrescarli/ le anime del Purgatorio tra poco si
congeleranno;/ comare, che se fanno/ di tutto questo materiale?”.
Maria Saveria: “Boh! Opere di misericordia”
Caterina: “Non mi dire che se lo vendono?”
Maria Saveria: “E che ne so, e chi lo sa,/ mo te lo vengono a dire a te/
come stanno i fatti” (invece è cosi!)
Caterina: “Insomma, sto Frecone non si lascia niente/ha gli occhi in tutte le
parti,/ pure sopra la differenziata ha posto le gambe?/ Ha proprio le
zampe lunghe…”.

Manfredonia. I cjambe longhe de Frecone ultima modifica: 2017-07-16T08:36:43+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi