Casi e Sentenze

La notifica al Comune dell’avvenuto cambio di residenza salva l’automobilista

Di:

Manfredonia, aerea via Tribuna (fonte image: ST)

ESISTE un modo efficace per evitare di pagare una multa? Informare reiteratamente e trasmettere con esattezza agli uffici competenti – comprese le società cui è stato affidato il servizio di riscossione – l’indirizzo della propria nuova residenza presso cui effettuare le notifiche dei verbali di accertamento!

Può essere ritenuto inverosimile, ma è quanto capitato ad un automobilista di Torino. Il fatto: a seguito del cambio di residenza, un signore torinese comunicava l’intervenuta variazione di recapito sia all’ufficio anagrafe del Comune, sia alle due società incaricate della riscossione del credito dal medesimo ente, diffidando tutti i destinatari dell’avvenuta notifica dall’inoltrare corrispondenza al vecchio recapito presso il quale non sarebbe stato più reperibile.

A qualche anno dai fatti, l’automobilista piemontese riceveva un sollecito di pagamento relativo ad alcuni verbali di accertamento per violazione del C.d.S. risultati insoluti. A fronte di detto sollecito, l’ingiunto promuoveva azione ordinaria di accertamento negativo del credito.

Il signore torinese, dopo poco tempo, riceveva una ingiunzione di pagamento, emessa dalla società di riscossione, per mancata evasione del sollecito impugnato; e contro la suddetta ordinanza proponeva ricorso. In giudizio si costituivano sia l’ente accertatore sia la società di riscossione, sostenendo la legittimità della propria pretesa per aver validamente effettuato le notifiche dei verbali di accertamento presso l’indirizzo di residenza risultante al PRA (ovvero al vecchio recapito); a sostegno della propria tesi, producevano cartoline di notifica su cui era barrata la casella “irreperibilità del destinatario”.

L’automobilista torinese resisteva in giudizio alla tesi avversa, provando documentalmente di aver comunicato la propria variazione di residenza all’ufficio anagrafe ben 8 mesi prima dalla notifica del primo dei dodici verbali di accertamento oggetto di causa, e di aver contestualmente reso nota questa circostanza anche agli enti che, in collaborazione col Comune, provvedevano alla riscossione.

Il Giudice di Pace di Torino, con una recentissima sentenza (sez. I civile, sentenza 09.07.2012 n° 5651) , dopo aver riunito tutti i procedimenti di opposizione all’ingiunzione per motivi di “connessione oggettiva”, ritenute insufficienti ed inconferenti le prove prodotte dagli Enti irrogatori della sanzione – perché inidonee a dimostrare l’ignoranza della PA in ordine all’
intervenuta variazione di recapito di residenza – accoglieva la tesi dell’automobilista piemontese indisciplinato, volta all’accertamento negativo del credito, ed all’annullamento dell’ingiunzione.

Il GdP di Torino ha fondato la propria pronuncia sulla scorta del principio elaborato di recente dalle Sezioni Unite della Cassazione, per cui “nel caso in cui il destinatario di una contestazione di violazione al codice della strada abbia mutato residenza provvedendo a fare annotare la relativa variazione all’
anagrafe comunale (indicando anche i dati dei veicoli di appartenenza ex art. 201, D.L. 285/92), per verificare la tempestività della notifica del verbale di contestazione deve farsi riferimento alla data di tale annotazione, senza che rilevi la circostanza che il mutamento di residenza sia stato annottato anche nel pubblico registro automobilistico o nell’archivio nazionale veicoli” (Cass. SS.UU. 24851/2010).

Questo principio di diritto è stato ribadito di recente sempre dalla Suprema Corte nella sentenza 11182/2012 del 28 giugno 2012, nella quale si afferma che, qualora il destinatario di una multa sia sconosciuto all’indirizzo risultante dalla banca dati della motorizzazione a causa del mancato aggiornamento dei registri automobilistici e della mancata comunicazione al Comune, da parte dell’intestatario del veicolo, della proprietà dei suoi mezzi, i 90 giorni di rito entro cui effettuare la notifica del verbale decorrono per la P.A. dal momento in cui la stessa abbia avuto cognizione del mutamento di indirizzo.

Quindi, in estrema sintesi, il privato non è tenuto a comunicare la variazione di residenza anche al PRA, laddove abbia provveduto a fornire al Comune un’ informativa completa circa le coordinate del suo nuovo recapito e dei dati identificati dei veicoli che gli appartengono.

Pertanto, se da un lato, ai fini della notifica del verbale di accertamento, è onere dell’amministrazione pubblica effettuare un “incrocio dei dati” complessivamente a sua disposizione, dall’altro il privato deve metterla in condizione di poter procedere in questo senso, effettuando sì, una sola ed unica comunicazione di variazione indirizzo, ma completa.

La sentenza in esame presenta un ulteriore profilo di interesse in relazione al contenuto del dispositivo che prevede l’annullamento dell’ingiunzione impugnata “unitamente agli atti ad essa prodromici o consequenziali”. Atti “prodromici” all’ingiunzione annullata sono i verbali di accertamento dell’infrazione. Detti verbali sono stati oggetto di specifica impugnazione nel ricorso sulla base un vizio attinente la notificazione eccepibile malgrado l’intervenuta decorrenza del termine di opposizione. In particolare si è allegato e provato che gli atti di accertamento non sono mai giunti nella sfera di conoscibilità del destinatario risultando, pertanto nulli e/o inefficaci perché non notificati nel termine previsto ex lege.

(A cura dell’avvocato Eugenio Gargiulo)



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi