Manfredonia

Arrivederci nave Palinuro, lasciato il porto di Manfredonia (Foto-Video)

Di:

Nave Palinuro lascia Molo di Ponente di Manfredonia (Ph: Ottavio Greco@)

Manfredonia – ARRIVEDERCI Nave Palinuro, nave scuola della Marina Militare Italiana, per la prima volta nei suoi 79 anni di vita presente a Manfredonia. Stamani la partenza dal molo di Ponente, dove la Nave Palinuro aveva ormeggiato venerdì 13 settembre, per l’ultima tappa, dopo Crotone, Cattaro (Montenegro), Ortona, Trieste, Venezia e Dubrovnik (Croazia) della Campagna di Istruzione 2013 degli allievi marescialli della Scuola Sottufficiali di Taranto, al termine del 1° anno accademico.

Partiti da Taranto il 29 luglio la nave imbarca 126 marinai, di cui 40 sono Allievi Sottufficiali che stanno vivendo il loro “battesimo del mare”, affrontando una delicata fase formativa-addestrativa della loro carriera. A bordo del Palinuro ognuno di loro acquisirà i primi rudimenti di perizia marinaresca e di conoscenza dell’organizzazione a bordo di una nave della Marina Militare ma ci sarà anche tempo per la formazione nella componente etico-militare e fisico-sportiva.

Durante l’estate la Nave della Marina Militare ha partecipato alla campagna di sensibilizzazione “il Mare deve vivere”, insieme al WWF, ha supportato la ricerca scientifica collaborando con l’Istituto Nazionale di Oceanografia e Geofisica Sperimentale di Trieste (OGS), alla ricerca di una microalga potenzialmente tossica per i molluschi che vivono in Mar Adriatico ed ha collaborato con la Scuola Italiana Cani da Salvamento (SICS).

Durante la sosta in porto la Marina Militare è stata presente in città anche con una l’Unità Mobile Informativa, una mostra virtuale sulla Marina Militare che sarà allestita in città, insieme all’Equipaggio del Palinuro. All’arrivo in porto il Comandante dell’Unità, Capitano di Fregata Mauro Panarello, ha incontrato a bordo i media per illustrare loro, nel corso di una visita alla Nave, le caratteristiche e i compiti del Palinuro, l’attività svolta dall’Unità e quella in programma.

Diverse le possibilità di visita del velerio durante la sosta a Manfredonia (venerdì 13 settembre, dalle 21:00 alle 23:00; sabato 14 settembre, dalle 15:00 alle 19:00 e dalle 21:00 alle 23:00; domenica 15 settembre, dalle 10:00 alle 12:00, dalle 15:00 alle 19:00 e dalle 21:00 alle 23:00) ma nonostante questo non sono mancati mugugni per la difficoltà di accesso alla nave, derivato in primo luogo dalla consistente presenza dei cittadini.

La Nave
Varata nel 1934 in Francia, con il nome di “Commandant Louis Richard” e destinata alla ricca pesca sui Banchi di Terranova viene acquisita dalla Marina Militare Italiana nel 1950 che la rinomina “Palinuro”. Dopo i lavori di trasformazione entra in servizio nel 1955 e da allora è impiegata per l’addestramento degli Allievi sottufficiali della Marina Militare.

Caratteristiche. Il Palinuro è una “Nave Goletta” che, nella terminologia marinaresca, identifica una nave con tre alberi verticali, trinchetto (a vele quadre), maestra, mezzana più il bompresso, sporgente a prua. Ha una superficie velica complessiva di circa 1.000 mq, distribuiti su 15 vele. L’altezza sul livello del mare dell’albero più alto, quello di trinchetto, è di 35 metri.
Scafo, propulsione ed energia

Lo scafo è in acciaio chiodato. La nave è lunga 59 mt, 69 mt considerando la lunghezza del bompresso e larga 10 mt. Ha un dislocamento di 1341 tonnellate e un immersione massima di 4.8 mt.
Per la propulsione utilizza un motore diesel da 6 cilindri e 600 CV, con un elica a 4 pale e passo fisso. La produzione di energia elettrica è assicurata da 3 gruppi diesel/alternatori che erogano 150 KW ciascuno.

Equipaggio. A bordo imbarcano 84 marinai, di cui 6 ufficiali, 25 sottufficiali e 53 militari graduati e del ruolo truppa. Durante la campagna addestrativa l’equipaggio è integrato con ulteriore personale di supporto e con l’imbarco degli allievi e dello staff della Scuola Sottufficiali, fino a un totale di circa 130 persone.

Attività . Nave Palinuro rappresenta uno dei fiori all’occhiello della Marina Militare. Tra i suoi obiettivi istituzionali il più importante è la formazione e l’addestramento degli Allievi Sottufficiali della Scuola Sottufficiali di Taranto. Dal 1955 la nave svolge ogni anno campagne addestrative durante le quali gli allievi sono sottoposti a un intenso programma di formazione marinaresca, nautica, etico-militare e nell’ambito della sicurezza. Un altro compito fondamentale consiste nel rappresentare il Paese all’estero e nel promuovere verso il pubblico i valori dello storico veliero: tradizione, contatto con il mare, cura della nave e lavoro di squadra.

Questo compito si realizza con diverse iniziative, dalle visite a bordo, durante le frequenti soste in porto, alla partecipazione alle regate storiche e ai raduni, alla possibilità offerta a gruppi di giovani che imbarcano per imparare le nozioni di base della navigazione, dell’arte marinaresca e della vita a bordo di una unità della Marina Militare.

Nave Palinuro, inoltre, svolge spesso attività a sfondo sociale, soprattutto nei confronti dei più giovani e partecipa alla ricerca scientifica e alla promozione della tutela dell’ambiente marino, collaborando con importanti organizzazioni come il WWF, l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia e l’Istituto Idrografico della +Marina Militare.

Tra i compiti concorsuali assegnati al Palinuro, infine, c’è la sorveglianza per verificare che in mare non si svolgano attività illecite oppure per segnalare la presenza di aree soggette a inquinamento marino. Dal 1955 la Nave ha percorso più di 270 mila miglia nautiche e visitato centinaia di porti nazionali ed esteri, al servizio della Marina Militare e del Paese.

Redazione Stato

VIDEO

(Fotogallery Benedetto Monaco 2013)


Redazione Stato@riproduzioneriservata



Vota questo articolo:
10

Commenti

  • E’ accaduto che sabato, mangiando al ristorante da Koko, con altri tre amici della CIVILIS MARCHE di Chiaravalle, a fianco il nostro tavolo sedeva il Comandante ufficiale della Nave PALINURO,
    facendo conoscenza, ci invita dopo il pranzo, a visitare il gioiello.
    Andati sulla nave, ascoltando e vedendo il tutto, non ci sono parole per esprimere la bellezza, e la gioia di stare all’interno…. spettacolare ed emozionante. Siamo stati fortunati ad averla, anche per poco a Manfredonia, speriamo che un giorno ritornerà, in quanto mi è rimasto un bellissimo ricordo.

    GIUSEPPE MARASCO – Presidente Nazionale
    CIVILIS – Confederazione Europea onlus


  • Legnasanta

    Marasco colonnelo, generale, presidente europero, etc, Giuseppe questo lo puoi dire perché hai avuto modo di vedere la nave. A noi hanno fatto vedere solo l’esterno. Salute e cachizzi anche per Voi che avete visitato tutta la nave.

  • oltre a a lasciare il porto la palinuro….ha lasciato anche un sacco di figli senza padri….hahahaahhahahah

  • per legnasanta, —- che non sei altro, perché non vai tu a scachizzare altrove, visto che ti firmi come sei.
    quanto vuoi e dove vuoi, (moderazione, se passavamo il commento si sarebbe preso una denuncia, grazie,ndr)
    MICHELE LUPOLI


  • Guido

    Grazie Direttore per il video di circa 7 minuti e tutte le foto, l’unica cosa non buona di stato quotidiano, che se vuole migliorare, da oggi in poi non deve pubblicare commenti sotto falsi nomi, la ringrazio per la possibilità che ci da per esprimere correttamente, civilmente e educatamente i nostri commenti per migliorare la società civile, della inciviltà di questa nostra Manfredonia ” CHE BRUTTA RAZZA SIANO ”
    Guido – Manfredonia


  • Redazione

    Bene, la ringraziamo per l’attenzione e per i consigli che accogliamo; cercheremo di trovare una soluzione alla problematica dei commenti che non vige, tuttavia, nei “falsi nomi” ma a volte in quello che si scrive; a presto; Red.Stato


  • AMEDEO RICCARDI

    per marco….. hai perfettamente ragione, le nostre donne o ragazze sono amanti dei giovani forestieri, come il nostro patrono San Lorenzo, qui c’è una fattura fatta senza IVA su Manfredonia, i forestieri godono la nostra città e il nostro territorio, inoltre si arricchiscono, mentre i paesani sipontini, vanno sempre indietro in tutto. Povera Manfredonia, peccato, chi dovrà e potrà eliminare questa fattura anche politica di sinistra booooooo..?
    Amedeo Riccardi


  • Papessa

    eeeee eeeeee michele e e io ti amo


  • tucano

    MA SIETE CAPACI SOLO E SEMPRE A DISPREZZARE E TUTTO CIO CHE SI FA IN QUESTO PAESE”’???? COMUNQUE SIA E QUALSIASI COSA VOI DITE.. L’EVENTO PALINURO E’ STATO UN SUCCESSO … MIGLIAIA DI VISITATORI…E TUTTI … RIPETO TUTTI.. IN POSA A FOTOGRAFARSI E FOTOGRAFARE PER IMMORTALARE L’EVENTO…


  • Schizzato

    Avete rotto voi è la nave Palinuro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi