BAT

Marmo: abusi Inps ai danni agricoltori in pensione

Di:

Il vice-presidente della Regione Puglia Nino Marmo (An-Pdl) (immagine d'archivio)

Bari – IL consigliere regionale PdL, Nino Marmo, ha inviato all’assessore alle Politiche Agricole, Fabrizio Nardoni, la seguente lettera: “Caro assessore sento l’obbligo di segnalarti – affinché attraverso la tua iniziativa e gli uffici regionali nelle sedi competenti si trovi una soluzione – l’anomala e ingiusta situazione nella quale vengono a trovarsi, nei confronti dell’INPS, coloro che, già in quiescenza, si dedicano al governo delle campagne in loro possesso o che hanno ricevuto in eredità”.

“Accade a tal proposito, che a persone prive del titolo di coltivatori diretti o prive della qualifica di IAP (Imprenditore Agricolo Professionale), sia comunque richiesto l’obbligo assicurativo previsto per i lavoratori autonomi dell’agricoltura, in riferimento all’art. 13 della legge n. 233/1990. Mi risulta, infatti, che gli ispettori dell’INPS, nell’ambito di verifiche sulla posizione assicurativa di singoli individui, abbiano provveduto all’iscrizione d’ufficio nella Gestione Lavoratori Autonomi dell’Agricoltura – IAP – ( con conseguente quantificazione del debito e dei relativi interessi) anche di persone, già in pensione, prive dei requisiti di ‘imprenditore agricolo’, solo perché iscritti nella “sezione speciale” del registro delle imprese dalla C.C.I.A.A, quali piccoli imprenditori e perché ricorrono a lavoratori agricoli a tempo determinato per la conduzione dei terreni agricoli dei quali sono proprietari”.

“Ritengo la situazione sopra descritta iniqua e illegittima nei confronti dei destinatari dei verbali di accertamento da parte dell’INPS. E credo che dopo uno studio del problema da parte degli uffici regionali, ai quali mi risulta pervengono i verbali dell’INPS per conoscenza e siano state segnalate dai diretti interessati queste vicende, sia necessario sottoporre la questione in sede di Conferenza Stato Regioni, per una negoziazione politica e al fine di trovare una soluzione. Certo del tuo impegno, resto in attesa di riscontro e colgo l’occasione per inviare cordiali saluti”.

Redazione Stato



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi