Manfredonia

Nu pizze de Storje (satira dialettale, poeta Michele Nenna)

Di:

Palazzo San Domenico, Manfredonia ( statoquotidiano)

Riceviamo e pubblichiamo con gran piacere il seguente componimento umoristico “Nu pizze de Storje” (Un pezzo di Storia) di Lino Nenna (Manfredonia, 1938). Nenna, per quanto ci è dato di sapere, è tra i poeti dialettali più autentici e prolifici dell’area garganica.

Nu pizze de Storje

P’a cassa-armoneche abbattute
natu pizze de Storeje ceni jete
e u pajose ruméne sèmbe cchiu allanute.
Ma pe nguraggé a memoreje vedime che dice a Storje:
sop’a chiazzètte’nge vennove schitte a carne abbascia-macèlle,
oppure tanda pèsce frische, frutte e nocèlle,
ma pe chi tone bune a mmènde:
stèvene fenànghe duje bélle munumènde.

June jove l’alberghe “Daniole”,
ca festeggiove e sunove ‘nzimbre ai nuttéte de luna chione
e l’ate, u teatrine “Eden”, ca fra i bèlle palche e n’acustica pèrfètte,
jevene l’armuneje de sop’a chiazzètte
e tutt’e duje cundènde ce zurliavene de rembètte,
mendre alla stanzione e au lareje “Barone Cèssa” stevene duje lavandine pubbleche,
ca sone stéte cundannéte au stesse destine,
proprie pe stengené Storeje e Culture.

E viste ca stéme vicine a stanzione cundembléme trone e penselline
a recorde de chiche june.
E arrevéme au cineme de “Priatoreje “ e alla “Arone Giardine Pèsante”!
All’arrevéte de sua maèsta “u gemènde” no uardéte ‘mbacce a cchiu nisciune
e putì salvé na strisce de Storeje e de Culture.

E acchessì cchiu ‘nnanze jéme
e cchiu dammagge truéme:
cume ji stéte spustéte a fundéne “Piscitelli”, schitte pe l’amore de chiche anguille,
dope tand’anne de giacènza, abbandunéte a mo’ de mennèzze.
Ma passéme all’ati martireje cchiu’nnucènde;
cume, per esembje, ai trabucchi addrote u Mule de Punènde,
trattete proprie cume duje fetinde,
ca dope distrutte, mo, pi reghète vèleche so purtéte mbuppa’mbuppe!
Indande, lasséme u mere e turnéme… ‘nderre.

E sta volete me ne véche ‘ncarrozze pecché a nustalgeje me pigghie e,
passe-nnande passe d’u cavalle, deme n’ucchiéte ai turriune:
sacrefechéte jnd’a quatte mure pi chépe chione de spine.
E da i Turriune cundemblème pure a fundéne du “Bar delle Rose”!!
Ca tone u nome e ce ne serve:
“fu… ndéne”!

Po, m’aggere e véche vèrse u cambe “sport…tuve”!
A vista d’ucchie me ‘ndozze pe quèdda pandasche de tettoie,
ca fé schitte pavure, nen repére: né vinde , né fridde,
ma fé acque da tutte vanne;
da quèdda bellèzze de panuréme ca c’ho pigghiéte
addica nesciuna méne d’ome l’avove crejète!
Pe tanda cose da fé e quidde fatte sbagliate
ci penzéte cume putì feje, a mmére, i frangeflutte:
senza recavé frutte!

Senza recavé na pelose:
a descapete du pajose.
Jinde au stèsse mumènde ce vone a sapì
ca a San Dumineche c’aspette ca ua nasce na creature (1)
c’a vocazione d’a petture!
Tande i jurne so tutte na manore
a tenì nu ‘rlogg’nghepe senz’ore (2)
mendre chiche june… aspett’angore!

Queste ji a resposte ca a Storeje, tutta murtefechète, ho dete!
Pe queste ste sembe presende na pavure:
ca da u sbarche de li turche d’u 1620, da distruzione chiche june ji sembe cunvinde.

Na cose, però, j cèrte:
ca Storeje e Culture fanne spusté i mure!
Culture e Storeje fanne a recchezze de li popele e de li memorje.

Manfredonia, Agosto 2011

Michele (Lino) NENNA

IN ITALIANO

Un pezzo di Storia
Per la cassarmonica abbattuta / un altro pezzo di Storia se ne è andato / e il paese rimane sempre più nudo. / Ma per incoraggiare la memoria vediamo cosa ci dice la Storia: / sulla piazzetta non si vendeva solo la carne di basso-macello / o tanto pesce fresco, frutta e noci, / ma per chi bene ricorda: / vi erano anche due bei monumenti. / Uno era l’Albergo “Daniele” / che festeggiava e suonava insieme alle notti di luna piena / e l’altro, il teatrino “Eden”, che fra i bei palchi ed un acustica perfetta, / erano l’armonia della piazzetta / e tutti e due (entrambi) contenti si trastullavano di fronte, / mentre alla stazione ed al largo “Barone Cessa” stavano due lavatoi pubblici, / condannati allo stesso destino, / proprio per eliminare Storia e Cultura. /

E visto che siamo vicino (nei pressi) della stazione, contempliamo treno e pensilina / in memoria di qualcuno. / E arriviamo al cinema di “Priatorje” e alla “Arena Giardino Pesante”! / All’arrivo di sua maestà “il cemento”, non si è guardato in faccia più nessuno / e poter salvare un pezzo di Storia e Cultura . / E così più andiamo avanti / e più danni troviamo: / come lo spostamento della fontana “Piscitelli” per amore di qualche anguilla, / dopo tanti anni di giacenza, abbandonata a mò di immondizia. / Ma passiamo agli altri martiri più innocenti; / come, per esempio, i trabucchi dietro (alle spalle) del Molo di Ponente, / trattati proprio come due fetenti, / che dopo la loro distruzione, ora, per le regate veliche sono portati a poppa (in estrema poppa) / intanto lasciamo il mare e… torniamo a terra. /

E questa volta me ne vado in carrozza, perchè la nostalgia (un attacco di nostalgia) mi piglia / e passo dopo passo di cavallo (a trotto), diamo un’occhiatina ai torrioni: / sacrificati / dentro quattro mura con le teste (cime) piene di spine. / E dai torrioni contempliamo pure (anche) la Fontana del “Bar delle Rose”, / che tiene (ha) il nome e se ne serve… / Fu… ndéne! / Poi, mi giro (volto)e vado preso il campo “sport… tuo”! / A vista d’occhio m’imbatto con quel pezzo di tettoia, / che fa solo paura, non ripara: né dal vento , né dal freddo, / ma fa acqua da tutte le parti; / da quel bel panorama che aveva preso dove nessuna mano d’uomo aveva saputo creare! / Nonostante le tante cose (buone) da fare e quelle già fatte (sbagliate) / si è penzato a come poter fare i frangiflutti: / senza ricavare frutto! / Senza ricavare un granchio: / a discapito del paese. /

Nello stesso momento (tempo) si viene a sapere (a conoscenza) / che a San Domenico si aspetta la nascita di una creatura (bambinello)* / con la vocazione della pittura! / Tanto i giorni sono tutti uguali / a tenere un orologio in testa (in alto) senza ore (che non segna le ore)* / mentre qualcuno… aspetta ancora! (aspetta di vedere le lancette) / Questa è la risposta che la Storia, tutta (molto) mortificata, ha dato! / Per questo è sempre presente una paura: / che dello sbarco dei turchi del 1620, della distruzione qualcuno ne è sempre (ancora) convinto. / Una cosa, però, è certa: / Storia e Cultura fanno spostare (sono capaci di spostare) i muri! / Cultura e Storia fanno la ricchezza dei popoli e della memoria (momoria storica).
———————————————-

Note
(1) Si allude ad un antico affresco, posto all’ingresso della Chiesa “S. Domenico” di Manfredonia/FG, raffigurante la Sacra Famiglia. Pittura su intonaco dove, a causa dei danni del tempo e dell’incuria, è quasi scomparsa l’immagine raffigurante il bambinello.

(2) Si allude al vuoto lasciato dall’originario rosone posto sulla facciata della Chiesa S. Domenico di Manfredonia/FG. Detto vuoto, nei primi del ‘900, era occupato da un grande orologio.

(Si ringrazia per la segnalazione e collaborazione Francesco Granatiero, caricaturista, appassionato di storia della satira e poeta neodialettale)

Redazione Stato@riproduzioneriservata



Vota questo articolo:
2

Commenti


  • chiarezza

    per redazione vero linguaggio Manfredoniano….ogni riferimento vostra intervista……………..


  • Ferruccio Gemmellaro

    Un capolavoro di memoria per un paese che, pur fondato in tempi storicamente recenti, si era imposto nella penisola per il suo sorprendente contributo nelle vicende medievali, sia laiche sia religiose, tramandando monumenti e documentazioni straordinari.
    Una tendenza di peculiarità culturale sopravvissuta sino al secolo scorso.
    Generazioni di uomini che l’avevano resa celebre ma generazioni di altri uomini che hanno finito per mutarla in un agglomerato provinciale, spogliato dei ricordi storici.
    Le giovani generazioni succedutesi, che ne avevano reclamato il recupero, una volta cresciute e poste alla gestione politica e sociale, si sono comportate alla stregua dei predecessori.
    Complimenti a Nenna e grazie alla redazione, sempre sensibile al recupero di una identità che non deve e non può estinguersi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi