Cronaca

Patto di stabilità verticale. Zullo: ascoltare i Comuni pugliesi

Di:

Il consigliere I.Zullo (St)

Il consigliere I.Zullo (St)

Bari – IL Presidente del gruppo consiliare del PDL alla Regione Puglia Ignazio Zullo, ha diffuso la seguente nota: “Rivolgiamo un forte appello al governo regionale, e segnatamente al Presidente Vendola e all’Assessore Di Gioia, nonchè a tutti i gruppi consiliari perché sia accolta la richiesta unanime dell’ANCI-Puglia. La richiesta è finalizzata all’attivazione da parte della Regione del “patto di stabilità verticale” che consentirebbe ai nostri Comuni “virtuosi” di qualsiasi colore politico, quantificati in 142, di sbloccare risorse oggi disponibili ma non spendibili per un ammontare complessivo di oltre 230 milioni di euro, con ritorni immediati ed imponenti in termini di qualità di servizi, di sviluppo e occupazione sul territorio.”

Appare infatti francamente singolare che alla protesta del nostro Governatore e compagni verso il governo nazionale contro i vincoli del “patto di stabilità” non corrisponda una adeguata iniziativa, per quanto di loro competenza, a favore dei Comuni pugliesi, oggi discriminati rispetto a quelli di altre Regioni proprio a causa di questa evidente incoerenza. Superata la quale ci sarebbe anche molto più agevole condividere fino in fondo con il Presidente la battaglia complessiva sull’intera materia.Attendiamo riscontri prima di assumere iniziative formali che sarebbe giusto e necessario siano bipartisan. A tal fine, conclude Zullo, credo sia necessaria e indifferibile, una convocazione dell’ANCI e dell’UPI da parte della Commissione Bilancio. Una iniziativa in tal senso del Presidente della stessa sarebbe estremamente opportuna”.

Redazione Stato



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi