ManfredoniaPolitica

“Attività Fisica Adattata e Palestra Etica”: i Popolari presentano una proposta di legge in Fiera

Di:

Bari. L’attività fisica costante e regolare nel tempo è strumento fondamentale per la promozione della salute e per la prevenzione delle malattie, con conseguenti benefici anche in termini di riduzione dei costi per l’assistenza sanitaria regionale. Partendo da queste motivazioni, questa mattina, a Bari, nel patio del padiglione 152 della Fiera del Levante, è stata illustrata la proposta di legge finalizzata al riconoscimento dell’Attività Fisica Adattata (AFA) ed all’istituzione della certificazione di “palestra etica”, presentata dal Gruppo Popolari della Regione Puglia.

Alla conferenza stampa sono intervenuti il vicepresidente del Consiglio Regionale, Giuseppe Longo, e il presidente del Gruppo Popolari, Napoleone Cera, in qualità di firmatari della pdl. Vi hanno partecipato, inoltre, Giacomo Francesco Forte, esperto del settore, e Serena Filoni, medico specialista in fisiatria ed in attività fisica adattata. Le conclusioni sono state affidate a Cosimo Titta, avvocato e consulente legislativo del Gruppo Popolari della Regione Puglia.

I programmi AFA, ovvero i piani di esercizio fisico individualizzato, sono finalizzati al mantenimento delle abilità motorie residue e alla modificazione dello stile di vita per sfuggire alla sedentarietà che è causa di diverse patologie. Nonostante gli effetti benefici innegabili dell’attività fisica adattata, la quale riduce il rischio di alcune malattie e previene l’insorgere di altre disabilitanti, e pur essendo la sua somministrazione già parte integrante del Piano regionale della prevenzione, manca attualmente un riconoscimento giuridico specifico per questa particolare pratica motorio-sportiva, di modo da consentirne la prescrizione e la somministrazione sempre e non solo in maniera occasionale o sperimentale, come invece attualmente avviene.

Di qui, dunque, la necessità avvertita dal Gruppo dei Popolari di presentare una proposta di legge che ha come obiettivo quello di dare un riconoscimento giuridico formale all’AFA, di indicarne i limiti di accesso e di regolarne gli ambiti di applicazione. A sicurezza della qualità del servizio offerto, la pdl presentata questa mattina prevede anche che il soggetto a cui verrà prescritto l’avviamento ad un programma di AFA dovrà essere seguito solo ed esclusivamente da personale altamente qualificato e in strutture che avranno ottenuto dall’ASL, al termine di una precisa istruttoria, la certificazione di Palestra Etica.

FOTOGALLERy



Vota questo articolo:
2

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati