Manfredonia
"Mi stupisco che sia emerso in modo casuale"

Cara Foggia, Cantone all’Avvenire “E’ la punta dell’iceberg”

"Alcuni Comuni ci stanno provando – dice l’ex pm –. Ma è una goccia nel mare"

Di:

«No, non mi stupisco di quello che sta emergendo sul Cara di Foggia, piuttosto mi stupisco che sia emerso in modo casuale. Stiamo affrontando il fenomeno migratorio ancora in termini di emergenza, in modo farraginoso, senza pianificazione. E questo favorisce la malagestione». Così il presidente dell’Anac, Raffaele Cantone, commenta le recenti vicende foggiane. E spiega. «Quando c’è qualcuno che ti risolve il problema non vai molto per il sottile chiedendoti come lo risolve, con che prezzi, in che condizioni. Se tu hai la necessità di sistemare 300 migranti è evidente che di fronte a chi ti offre una soluzione rischi di accoglierla senza farti troppe domande, senza porti troppi problemi». Eppure l’Autorità anticorruzione aveva elaborato delle precise Linee guida generali sui servizi sociali. Poco ascoltate e seguite. «Alcuni Comuni ci stanno provando – dice l’ex pm –. Ma è una goccia nel mare».

Fonte avvenire.it



Vota questo articolo:
1

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati