FoggiaManfredonia
"Una realtà - uno schifo - che è stato per tutto questo tempo sotto gli occhi di tutti"

“Il CARA di Foggia, un cielo senza stelle”

"Ci duole il cuore - ci dispiace per l’impegno e la professionalità che ci mettiamo ogni giorno - scoprire che un articolo di stampa può smuovere le acque ben più delle nostre precedenti denunce"

Di:

Foggia. ”Era facile avere ragione: ci è sempre bastato semplicemente NON NEGARE LA REALTA’. Una realtà che conosciamo da decenni, essendo la nostra associazione impegnata da tempo in questo (come in altri) settori. Ci riferiamo alla recente inchiesta dell’Espresso sul CARA di Foggia. Ma vito che ci sembra improprio ‘sparare sulla Croce Rossa’, come si suol dire, ancora una volta non ci vogliamo sottrarre ad affrontare questa situazione, poiché parliamo di uomini, donne e bambini.

Una realtà – uno schifo – che è stato per tutto questo tempo sotto gli occhi di tutti: partendo dalla sistematica negazione dei diritti fondamentali del lavoratore dell’essere umano, alle condizioni igienico sanitarie indegne di un paese che si vuol dire ‘civile’. Non ci volevano certo le inchieste giornalistiche per scoperchiare questo ‘vaso di Pandora’. Il nostro territorio, nelle sue articolazioni, con la sua diversità, è già noto a tutti da tempo. Oltre al CARA, in cui sopravvivono più mille persone, non dimentichiamo i vari “ghetti” sparsi per tutta la provincia ed i tanti lavoratori abusati e sfruttati, le tante dignità calpestate e non riconosciute che da tempo non solo abbiamo denunciato – senza mai sottovalutare la situazione – ma per cui, dobbiamo ammetterlo, non siamo mai stati ascoltati sufficientemente se non per tamponare soluzioni di emergenza, senza affrontare la questione nel suo complesso.

Ci duole il cuore – ci dispiace per l’impegno e la professionalità che ci mettiamo ogni giorno – scoprire che un articolo di stampa può smuovere le acque ben più delle nostre precedenti denunce. Eppure nessuno si è mai mosso per cambiare le cose. E ci sembra un po’ ridicolo (anche offensivo, per la verità) che solo adesso si stigmatizzi una situazione da sempre sotto gli occhi di tutti.
La verità può far male. Ma quando questa verità era raccontata dall’ARCI tutta (vista la propria mission: accoglienza mirata, più attenta, orientamento verso il sistema educativo e di formazione, inclusione culturale oltre che sociale) e dalle altre associazioni del Terzo Settore, non importava a nessuno. Adesso – meglio tardi che mai – speriamo che chi di competenza si adoperi per ridare dignità ai fratelli migranti e rifugiati e, attraverso loro, alla nostra terra. E ci dedichi il suo ascolto. In un Paese civile, in un Paese che accoglie ed integra, è inverosimile che il grido di dolore del Terzo Settore venga sistematicamente ignorato. Noi continueremo a vigilare.

Foggia, 16 Settembre 2016

Il Presidente dell’ARCI Comitato Provinciale di Foggia Domenico Rizzi



Vota questo articolo:
1

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati