Manfredonia
A cura di Pasquale Ognissanti

Alcuni reperti archeologici sipontini in attesa di… più consona collocazione

Di:

Manfredonia. Abbiamo avuto modo di rilevare alcuni reperti archeologici dell’area sipontina che a parer nostro meritano una collocazione più consona al loro valore; attualmente, sono esposti a “cielo aperto” alla mercè delle intemperie e della defecazione dei volatili. Si tratta innanzitutto del basamento della statua di Antonino Pio (sec. II d.C), recante la scritta: “Imperatori Caesari/ divi Hadriani filio/ divi Traiani Parthici nepoti/ divi Nervae pronepoti/ Tito Aelio/Hadriano Antonino/Augusto Pio pontifici maximo/tribunicia potestate/consuli sipuntini/ publice/ donant dedicant.

Una volta faceva parte della raccolta per un costituendo Museo Civico sipontino, allogato presso l’attuale Seminario, poi nel salone dello stesso edificio e, successivamente, per i “restauri” al pavimento, traslocato nell’androne dello stesso seminario (con l’entrata in via S.Lorenzo). Poiché quel costituendo Museo Civico è di là da venire, male non si farebbe custodirlo in locali museali più appropriati. Altro reperto si trova “murato” sulla parete esterna di un edificio appartenente o al Consorzio di Bonifica di Capitanata o al Comune di Manfredonia.

Per maggiore chiarificazione va detto che il muro dell’edificio si affaccia su una strettoia, quasi all’imboccatura del viale Manfredonia (sì, a Manfredonia, vi è un viale dedicato a questo toponimo, verosimilmente deve trattarsi della commemorazione di un giocatore laziale, degli anni passati, peccato che non c’è il nome). Tornando al reperto, è interessante notare che si tratta di una lastra, con gli stilemi simili alle altre lastre accreditate alla “bottega” di Acceptus (sec. XI). Pure questo reperto sarebbe opportuno che venga custodito in locali museali più consoni alla sua importanza.

Non crediamo che si chieda molto!

Non è che deve scaturire un altro caso “Crocifisso di S.Leonardo” (in attesa di ricollocazione, dopo 10 mesi dalla rimozione, e forse per altri mesi ancora)?

– C.SERRICCHIO, Iscrizioni romane…, op. cit. pp. 16-17.

A cura di Pasquale Ognissanti

FOTO



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • Teo Morlino

    Viale Manfredonia è un omaggio al famoso cineasta GIULIO MANFREDONIA ancora in vita e artisticamente molto prolifico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati