PoliticaStato news

Telecardiologia, Conca: “Divulgati numeri a casaccio”

Di:

Bari. Dichiarazione del Consigliere regionale del M5S, Mario Conca. “Ieri è apparso sulla Gazzetta del Mezzogiorno un articolo dove abbiamo letto dichiarazioni incongrue, assurde, che riportavano dati contrastanti, se non ridicoli, e che quindi rendono necessaria una smentita. Nell’articolo c’era scritto a lettere cubitali “la Puglia risparmia 30 milioni di euro con la nuova telecardiologia“, assolutamente ‘falso’, ma questo lo sapevano anche Emiliano, Di Cillo, Dattoli e Ruscitti che hanno utilizzato il condizionale.

In piccolo ed in evidenza si parlava di 130 mila referti, falso anche questo dato perché lo stesso articolo ne citava 113.500 quindi 16.500 in meno. Si riportava il dato di un 3% di infarti accertati con il nuovo sistema a fronte di un 4.5% con il vecchio sistema del Cardionline, ma veramente il dr. Di Cillo crede che la differenza sia ascrivibile ad una maggiore appropriatezza? Lo stesso dottore menzionava tempi di intervento mistificati, basterebbe interrogare gli equipaggi del 118 per avere la certezza delle eresie affermate. Ma l’apice l’hanno raggiunto quando hanno parlato delle false diagnosi di infarto che il sistema della telecardiologia avrebbe evitato, i cosiddetti falsi positivi, che, a loro dire, avrebbero consentito alla Regione di risparmiare 30 milioni di euro. Una somma che secondo loro deriverebbe dal prodotto dei 10 giorni di ricovero medio (falso) e da un costo medio di 15 mila euro (falso) pro capite, un vero spot elettorale. La realtà è invece tutt’altra, visto che, ad esempio, i casi dubbi nel pronto soccorso del policlinico vengono tenuti in osservazione breve al massimo per 48 ore (OBI), ma quali 10 giorni? ma quali 15 mila euro a cranio? ma quali 30 milioni di euro risparmiati?

E’ vero che alla fiera si va per mettersi in vetrina, ma per favore, non date numeri a casaccio, e se davvero ci tenete alla salute dei pugliesi togliete un po’ di emodinamiche da Bari e spostatele a Sud e a Nord del barese, perché la golden hour non è una mia elucubrazione mentale e perché è così che si possono salvare vite umane”.



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati