Foggia

Foggia, Russo: su verde pubblico gestione trasparente

Di:

L'assessore all'Ambiente Pasquale Russo. (Fonte immagine stampasud.it)

Foggia – «CONFUSA e infelice la presa di posizione del coordinatore cittadino di Futuro e Libertà»: è il commento dell’assessore all’Ambiente e all’Energia del Comune di Foggia, Pasquale Russo, alla nota stampa diffusa ieri da Umberto Candela, a proposito della gestione attuale e in prospettiva del verde pubblico. «Forse Candela parla di affidamenti per “somma urgenza”, memore delle pratiche a cui era aduso quando faceva lui l’assessore», prosegue Russo sottolineando che «l’Amministrazione ha agito, con la cosiddetta “Operazione Primavera”, a esclusiva tutela dell’igiene pubblica, dando risposte che la cittadinanza chiedeva da mesi e dopo regolari gare che erano andate deserte».

«Candela dovrebbe essere il primo a sapere – aggiunge l’assessore all’Ambiente – che avevamo raggiunto una situazione insostenibile a causa del collasso del sistema delle cooperative largamente realizzato dalle Amministrazioni che lui stesso ha sostenuto e rappresentato per dieci lunghi anni. Ad aprile e a maggio, abbiamo responsabilmente attrezzato un servizio che ha sfalciato il verde dei Comparti “167” Biccari e Ordona, di Parco San Felice, di Parco Baden Powell-Viale Francia, di Parco Sant’Anna, di Parco Volontari della Pace, di Piazza Italia, di Piazza Aldo Moro, di Piazza Maria Grazia Barone, di Piazza Ugo Foscolo, di Piazzale Vittorio Veneto, della Rotatoria di Via Telesforo con il monumento all’Aviatore, della Villa e del boschetto della Villa comunale, del piazzale Vittorio Veneto, di piazza Cavour, di piazza Umberto Giordano, di piazza del Lago, di piazza Göppingen, del Giardino della Memoria in viale Giotto, del sottovia di Via Scillitani e degli spartitraffico di Viale Fortore e Via Guglielmi».

«Successivamente a questa operazione, per cui abbiamo fatto riferimento al prezziario regionale in vigore due anni fa, abbiamo elaborato un bando di gara con a base un importo di 82 mila euro, visto anche l’approssimarsi delle più alte temperature estive. Ed è arcinoto – aggiunge Russo – che la gara europea per continuativi e strutturati servizi sul verde pubblico urbano era ed è condizionata all’approvazione del bilancio di previsione che, a breve, sarà all’esame del Consiglio comunale».

L’assessore all’Ambiente rileva che «imprecisioni e inesattezze sono una prassi che non serve alla costruzione di un’opinione pubblica più consapevole dei costi e delle responsabilità della manutenzione della città. Sostenere, per esempio, che basterebbe utilizzare le risorse interne all’Amministrazione è una bella frase che però – conclude Russo – è lontana da una realtà che vede impiegati nel vecchio Ufficio Giardini due sole unità, una delle quali andrà in pensione dal 1° novembre prossimo».


Redazione Stato



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • avv. Gegè Gargiulo

    Da: Avv. Eugenio Gargiulo (eucariota@tiscali.it)

    Se si dimenticano i finestrini della propria auto abbassati, si rischia di incorrere in una multa salata!

    Il conducente di un autoveicolo, durante la sosta del proprio mezzo, deve adottare tutte le opportune cautele per impedire l’uso del veicolo senza il proprio consenso: il che significa che, nell’ipotesi in cui i finestrini vengano lasciati abbassati, si è passibili di multa!

    La questione giuridica è strana ma vera, ed è accaduta a Montecatini, dove la rigida ottemperanza alla legge da parte dei vigili urbani è significato, per l’incauto proprietario del veicolo, una contravvenzione per violazione del codice della strada. Una norma, quella dell’art. 158 cod. strada che, evidentemente, viene spesso dimenticata dagli automobilisti e di fronte alla quale le forze dell’ordine chiudono spesso un occhio.

    Tuttavia, per quanto desueto, è tutto scritto nella legge. La norma, peraltro, è talmente generale da prevedere, al suo interno, ulteriori condotte: come, per esempio, il lasciare lo sportello aperto, il motore acceso o le chiavi attaccate al cruscotto!

    D’ora in poi niente più distrazioni, quindi, non solo quando si è alla guida ma anche quando si è provveduto a parcheggiare il proprio autoveicolo, o si è semplicemente in sosta momentanea!
    Foggia, 16 ottobre 2012 Avv. Eugenio Gargiulo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi