Casi e Sentenze

Tar Bologna, niente piccioni in città

Di:

Piccioni, allarme Enpa: " Comuni creano "psicosi (loschermo.it)

Colombi, "piano di contenimento" dei Comuni (fonte image: loschermo.it)

Roma – IL Tar di Bologna, con la recente sentenza n. 526 dello scorso 25 settembre, ha annullato l’ordinanza (dell’agosto 2011) del Comune di Poggio Renatico che autorizzava i cacciatori locali a catturare e abbattere i piccioni domestici presenti sul territorio comunale.


Il Tribunale amministrativo ha evidenziato in sentenza che il
provvedimento del Comune deve essere qualificato come ordinanza “extra ordinem , ossia “adottata sulla base degli straordinari poteri riconosciuti al sindaco in particolare situazioni di contingenza e urgenza in materia di ordine e sanità pubblici”.

I magistrati amministrativi hanno ,così, ritenuto fondata la contestazione avanzata dalla Lega per l’abolizione della caccia (Lac) per cui l’ordinanza municipale era priva di motivazione, infatti, il provvedimento comunale non esprimeva chiaramente “quali siano gli effettivi pericoli per la salute pubblica attualmente e direttamente derivanti dalla presenza di tale specie anomale, nonché le ragioni per le quali tali pericoli non possono essere affrontati mediante gli ordinari strumenti” previsti dalla normativa. Inoltre l’atto in questione non specifica altri elementi fondamentali, quale il numero di piccioni presenti sul territorio e il numero che è possibile abbattere, perché in eccesso.

Un ulteriore problema messo in evidenza dalla Lac è che, anche se si
ritenesse legittimo l’ordine di abbattimento, l’ordinanza non potrebbe assolutamente autorizzare indistintamente tutti i cacciatori presenti sul territorio del Comune.

Una disposizione in tal senso, infatti, violerebbe la legge sulla caccia che affida a soggetti specifici l’abbattimento determinato di animali.Questi specifici soggetti sono le “guardie venatorie provinciali”, che possono a loro volta avvalersi dei proprietari di fondi su cui si attuano i piani di abbattimento, le guardie forestali e le guardie comunali a condizione che tutti siano
muniti della licenza di caccia!

(A cura dell’avv.Eugenio Gargiulo)



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • Claudio

    Ennesima “vittima” del Tar. Quante ordinanze dovranno ancora essere annullate prima che le amministrazioni capiscano che pensare di abbattere i piccioni per eliminarne il problema è inutile?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi