CulturaFoggia

Foggia, l’Arte e il sogno, personale pittorica Zahi Issa

Di:

www.tuttartpitturasculturapoesiamusica.com

Foggia – IL pittore, l’artista, l’uomo che si racconta attraverso le sue opere. Zahi Issa lo ha sempre fatto dando il meglio di se stesso raffigurando momenti e emozioni di vita. La differenza è che oggi il maestro vuol comunicare non una parte di se, bensì la totalità della vita.

“L’Arte e il Sogno” una vita da raccontare la personale pittorica che il maestro siriano, naturalizzato italiano e pienamente cittadino di Foggia, presenterà il 15 ottobre a Bari presso la Sala del Colonnato del Palazzo della Provincia di Bari, sul Lungomare Nazario Sauro al civico 29. Il vernissage è previsto il 16 p.v. alle ore 18.30 con la presentazione del giornalista e critico d’arte, Gustavo Delgado, che ha curato la direzione artistica dell’evento. Interverranno il Presidente della Provincia di Bari, prof. Renato Schittulli, Lucia Torelli, maestra d’arte e curatrice dell’evento, Francesco Salamina, poeta. La cerimonia di inaugurazione sarà aperta da una pregevole cornice di intermezzo musicale, brani eseguiti duo Antonietta Taggio, violino, Valentina Augello, arpa. L’ingresso alla personale d’arte è libero con orari continuati diurni.

Zahi Issa, ancora una volta segna il territorio con le sue opere, mostrando ciò che sa fare, comunicando la sua genialità attraverso raffigurazioni che vanno oltre la semplice tela e tavola di legno abbellita da colori e soggetti. Il sacro è al centro delle sue opere, la vita è l’essenza delle sue opere, la dignità umana è il valore dei suoi lavori. Dipinti che si “toccano”, oltre che osservarli. Raffigurazioni che escono da una cornice per diventare parte integrante del quotidiano.

Di Zahi Issa hanno parlato e scritto molti esperti del settore, come Josè Van Roy Dalì, e tanti critici internazionali come Vittorio Sgarbi che spesso recensisce sue opere e Alfredo Pasolino raccontando che «Nelle opere di Zahi Issa vi è il concentrarsi dell’anima dei soggetti, un viaggio verso l’interno e la pittura, l’introspezione psicologica tra uno stile e l’altro, raccontando storie che non smettono mai di accadere, di ogni attualità, con l’eleganza raffinata, puntuale del messaggio rigenerante in attesa, speranza, ottimismo; con la suggestione dei colori in forme di bellezza ideale e di surrealtà, cifra di una sua irrequietezza interiore».

Come detto il Maestro Zahi Issa è di origine siriane, di Aleppo: eccovi una sua breve biografia. Zahi Issa nasce ad Aleppo, in Siria. A soli tredici anni allestisce la sua prima mostra personale nella città natale. Affina la sua tecnica pittorica guidato dalla mano e dalla mente del padre, Jack Issa, una guida oltre che paterna anche spirituale che lo accompagna tuttora, seppur dall’altra vita.

Zahi da trent’anni è a Foggia, dove vive con sua moglie Filomena, lavora da buon artigiano realizzando magnifiche cornici e dipinge le sue uniche e inestimabili Opere pittoriche. Dopo un periodo di profonda spiritualità trascorso in compagnia dei Frati Minori, decide di continuare la sua vita al fianco della persona che ama, sua moglie Filomena. Nel frattempo il papà lo lascia.

Nella sua carriera, espone a Damasco, Dubai, Francoforte, Barcellona, Roma, New York, Parigi, Bari e provincia, Ancona, nella Capitanata e sul Gargano, Napoli, Savona, Milano, Firenze, Genova, Malta e tante altre città del mondo. Espone nelle sale più rinomate come Palazzo Barberini o in quelle cittadine di Palazzo Dogana e nelle sale dei chiostri e palazzi storici sparsi per tutta la Daunia.
Partecipa a diversi concorsi riscuotendo successo e vincite di premi e riconoscimenti internazionali.

Le sue realizzazioni e mostre sono sempre accompagnate da personaggi importanti nell’arte e nella sua vita. Per lui hanno scritto molti critici ed esperti dell’arte: fra i tanti vi sono le testimonianze di Vittorio Sgarbi, amico personale, Alfredo Pasolino, Josè Van Roy Dalì, tanto per citarne alcuni. Hanno scritto anche personaggi istituzionali italiani e stranieri, ecclesiastici, frati; difatti Zahi è un Cristiano Cattolico che crede fortemente nella fede di Dio e in Nostro Signore Gesù Cristo e a Lui deve molte opere.
Zahi dice di se: “Volevo scrivere qualcosa su di me, sulla mia persona. Dopo aver visitato il mondo intero, dopo tutte le mie ricerche nell’Arte,volevo sentirmi libero di dipingere. Ho capito che la libertà viene dall’Alto, cioè dalla mia interiorità, dall’introspettivo del mio profondo. Ho detto Signore! Signore!
Aiutami Tu, Tu che sei la fonte della vita,Tu che sei la sorgente,Tu che sei la Luce, riempimi del tuo Amore, rendi Me libero.

All’improvviso sentivo delle scintille che scendevano dal cielo. Mi sentii saturo e cominciai a realizzare le mie opere libere, perché in fondo Lui è la chiave di tutto”.

Zahi, è a Foggia nel suo Studio Artistico, in Via Marchese De Rosa n.76 71100 Foggia Italy Tel. +39 0881. 610020 Mob.+39 340.4105943 e-m@il zahi.issa@tele2.it – zahiissa@myspace.com. Qui opera e lavora, realizza le sue magnifiche opere e da buon artigiano realizza cornici.

(“Per il Maestro Zahi Issa – Foggia”, Nico Baratta)



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi