FoggiaSport

Gargiulo: vendere il Mediterraneo e ristrutturare lo Zaccheria

Di:

Foggia, l'interno del Teatro (P.F. St - archivio)

Foggia – SALVARE in un colpo solo due “patrimoni” della città di Foggia, uno splendido contenitore culturale , quale è il teatro “Mediterraneo” , ed uno degli stadi più belli d’Italia , ovvero lo “Zaccheria”.

E’ quanto si propone di fare il noto legale foggiano Eugenio Gargiulo, futuro candidato alle prossime elezioni amministrative 2014, lanciando, tramite il web una idea originale : ovvero alienare a imprenditori privati la struttura del Teatro Mediterraneo, ormai lasciata all’abbandono dall’attuale amministrazione comunale, al fine di poter definitivamente ristrutturare ed adeguare l’intero stadio “Pino Zaccheria” alla normativa vigente, riportandolo quanto meno ad una capienza di circa diciottomila posti, così come previsto dalle verifiche tecniche sino ad ora effettuate.

Va ricordato – evidenzia l’avv. Eugenio Gargiulo – che lo stadio Zaccheria di Foggia è stato recentemente proclamato uno dei venti stadi più belli d’Italia, grazie alla sua particolare morfologia che tanto lo avvicina all’esempio dei comodi stadi inglesi. Ed altrettanto originale e bello è il teatro Mediterraneo , con i suoi cinquemila posti a sedere, palcoscenico di grandi concerti cittadini come quello di Renzo Arbore e di Claudio Baglioni tra la metà degli anni novanta e per circa un decennio!

Sono due veri patrimoni della città di Foggia che vanno recuperati in ogni modo e portati alla loro piena funzionalità, il che significa – continua l’avv. Gargiulo – nel caso dello stadio Zaccheria, non limitarsi soltanto a qualche lavoretto di adeguamento per la sola Curva Nord “Franco Mancini” , come sta attualmente accadendo , ma estendere l’opera di risistemazione a tutti i settori , compresa la capiente Tribuna Est ( di circa 7.500 posti a sedere).

Di sicuro serve “denaro liquido” per poter far fronte a tali opere, certamente né faraoniche né di difficile esecuzione tecnica , e tale “liquidità – spiega l’avv. E. Gargiulo- potrebbe provenire proprio dall’alienazione ad imprenditori privati della struttura del Teatro “Mediterraneo”, cessione questa che dovrebbe essere vincolata, tramite contratto, alla finalità di adeguare , a sua volta, anche il Mediterraneo alle norme di sicurezza affinché lo stesso possa riacquistare la sua funzione originale di contenitore culturale cittadino.

Sembra un’utopia, ma tale idea si è rivelata già vincente per quanto ha riguardato quello che era l’originario progetto di costruzione del mercato comunale al coperto di Piazza Padre Pio, giustamente alienato per ottenere della liquidità nelle casse comunali e evitare il “marcire” della struttura esistente, che era stata abbandonata dall’amministrazione comunale di allora.

Ora che il calcio è stato restituito a buoni livelli alla città di Foggia grazie alla neonata ed ambiziosa nuova società “Foggia calcio srl” , si ha più che mai la necessità che lo stadio Zaccheria venga restituito nella sua piena efficienza alla cittadinanza ed agli sportivi. E l’idea dell’avv. Eugenio Gargiulo sembra essere proprio vincente qualora fosse perseguita fino in fondo!

(A cura dell’avvocato Eugenio Gargiulo – Foggia)



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi