Regione-Territorio

Rifiuti, Nicastro: “prima regione che approva piano con obiettivo rifiuti zero”

Di:

L.Nicastro (st - ambienteeambienti Ph)

“La Puglia è la prima regione italiana che approva un Piano Regionale dei Rifiuti, tra le pochissime che se ne sono dotate, con alla base la strategia Rifiuti Zero. Senza contare il fatto che lo strumento approvato ieri dal Consiglio Regionale è il primo Piano a regime ordinario, fuori, quindi, da quella fase commissariale in cui la Puglia è stata negli ultimi 15 anni. Abbiamo svolto un lavoro di confronto con le parti sociali che viene da lontano e che negli ultimi due anni ha permesso una ampia partecipazione al lavoro di redazione del Piano. E’ evidente, tuttavia, che la la partecipazione dei soggetti non presuppone un piano tarato sui desiderata di ciascuno, esso è frutto di un ascolto e di una rielaborazione in una chiave di governo delle istanze”. Così l’Assessore Regionale alla Qualità dell’Ambiente della Regione Puglia, Lorenzo Nicastro, commenta l’approvazione del Piano dei Rifiuti.

“Mattone dopo mattone abbiamo costruito questo provvedimento: l’approvazione del Piano delle Bonifiche in Consiglio Regionale nel 2011, la ridefinizione della governance del settore dei rifiuti con la riduzione degli Ato (oggi Oga) e la creazione degli Aro per l’ottimizzazione dei servizi di spazzamento e raccolta, la rimodulazione dell’Ecotassa. Questi step intermedi ci hanno permesso di gettare le basi per quegli obiettivi di differenziata che sono obiettivo irrinunciabile per centrare la strategia generale e ridurre a valori trascurabili i conferimenti in discarica, favorendo il recupero di materiali spinto. Ieri il Consiglio Regionale – conclude Nicastro – ha concluso un percorso dotando la nostra regione del Piano che, va sottolineato, non è uno strumento rigido. E’ un piano dinamico, in divenire, pensato per essere ricettivo rispetto all’eventuali necessità che si dovessero manifestare nel corso degli anni a venire ma che, allo stesso tempo, permette alla Puglia di accedere agli strumenti di finanziamento europeo indispensabili per colmare i gap impiantistici di cui ancora soffriamo”.

Redazione Stato



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi