Foggia
"Il comune di Foggia revoca il servizio SAD servizio di assistenza domiciliare alle Cooperative “Sanità Più” e “San Giovanni di Dio”"

SAD. Di Fonso “Revocato il servizio”. Landella “No”

Landella "È bene precisare, inoltre, che non è l'Assessorato alle Politiche Sociali del Comune di Foggia a decidere di quante e quali figure professionali le Cooperative debbano avvalersi per espletare tali servizi"


Di:

Foggia. ”Il comune di Foggia revoca il servizio SAD servizio di assistenza domiciliare alle Cooperative “Sanità Più” e “San Giovanni di Dio” e 49 Oss operatori socio-sanitario finiscono per strada. Settimana scorsa gli operatori sanitari sono stati convocati dalle rispettive cooperative per ritirare le lettere di licenziamento per i meno anziani e riduzione del 70 per cento dell’orario di lavoro, dovuto alla comunicazione dell’assessorato ai servizi sociali di revoca del servizio domiciliare.

Si finisce di male in peggio in questa città martoriata dalla disoccupazione e devastata socialmente e che da un giorno all’altro ci si ritrova senza lavoro e senza conoscere le motivazioni.
Noi non conosciamo i motivi ne tantomeno il perché sia stato interrotto il servizio, ma sappiamo bene che 50 lavoratori finiscono per strada e che circa 150 utenti foggiani non riceveranno più assistenza domiciliare, per questo ci accingiamo a chiedere al Prefetto di Foggia di promuovere un tavolo di concertazione affinché si venga a capo del perché il servizio di assistenza domiciliare sia stato interrotto.

Nel frattempo il Sindacato Usppi per bocca dei segretari provinciali Massimiliano Di Fonso e Massimo Nicastro comunicano lo stato di agitazione e la volontà di avviare Sit-in di protesta davanti al comune di Foggia”.

Al comunicsato di Massimiliano Di Fonso – Massimo Nicastro, Segretari provinciali Usppi, ha replicato il sindaco di Foggia, Franco Landella.

”In merito al comunicato stampa del sindacato USPPI, in cui si parla della revoca del servizio di assistenza domiciliare, l’Assessorato alle Politiche Sociali del Comune di Foggia precisa che tale servizio non è stato affatto revocato, ma è solo stata ultimata la misura ministeriale “PAC Anziani – II Riparto”, che prevedeva l’erogazione di un numero di ore per l’Assistenza
Domiciliare Sociale (SAD) ed un numero di ore per l’Assistenza Domiciliare Integrata (ADI).

L’Assessorato alle Politiche Sociali, a tutela dei soggetti fragili – anziani ultrasessantacinquenni – ha provveduto ad informare adeguatamente i fruitori del servizio e ad accompagnarli nelle procedure per l’ottenimento dei buoni servizio disabili ed anziani erogati dalla Regione Puglia, che andranno di fatto a garantire la prosecuzione del servizio reso agli anziani ed ai disabili dalle stesse cooperative che hanno espletato il servizio (SAD – ADI) in quanto iscritte al Catalogo regionale dell’Offerta.

È bene precisare, inoltre, che non è l’Assessorato alle Politiche Sociali del Comune di Foggia a decidere di quante e quali figure professionali le Cooperative debbano avvalersi per espletare tali servizi. Se il sindacato USPPI avesse chiesto informazioni presso la struttura tecnica dell’Assessorato alle Politiche Sociali, avrebbe potuto constatare che non c’è stata nessuna interruzione del Servizio di Assistenza Domiciliare”.

SAD. Di Fonso “Revocato il servizio”. Landella “No” ultima modifica: 2017-10-16T17:04:53+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi