Manfredonia
Ordinanza in allegato

Realizzazione impianto biomasse/cdr ETA, Tar a MISE “Depositare atti”

Di:

Bari. ”(…) ai fini del decidere, è necessario acquisire dall’amministrazione resistente una relazione che fornisca al Collegio documentati chiarimenti sui fatti di causa, insieme a tutti gli atti ed i documenti afferenti al procedimento amministrativo conclusosi con l’adozione dell’impugnato diniego; (…).

Con recente ordinanza, il TAR Lazio – (Sezione Terza Ter) – ha Ordina al Ministero dello Sviluppo Economico di depositare in giudizio, entro il termine del 1° marzo 2017, gli atti ed i documenti relativi al ricorso del 2015 proposto da E.T.A.– ENERGIE TECNOLOGIE AMBIENTE S.P.A., contro il MISE, G.S.E.– GESTORE DEI SERVIZI ENERGETICI S.P.A., per l’annullamento del decreto 10 marzo 2015, recante il rigetto dell’istanza di sospensione e di proroga dei termini di cui alle convenzioni preliminari del 30/12/1996 e del 16/10/1998 per la realizzazione di un impianto di produzione di energia elettrica alimentato a biomasse/cdr ubicato in Manfredonia (FG).

Relatore nell’udienza pubblica del giorno 25 ottobre 2016 il dott. Antonino Masaracchia.

”(..) l’intimato Ministero non ha svolto difese sulle censure sollevate dalla parte ricorrente, né ha depositato in giudizio alcun atto o documento afferente al procedimento amministrativo; ai fini del decidere, è necessario acquisire dall’amministrazione resistente una relazione che fornisca al Collegio documentati chiarimenti sui fatti di causa, insieme a tutti gli atti ed i documenti afferenti al procedimento amministrativo conclusosi con l’adozione dell’impugnato diniego (..)”.

Il Tar ha rinviato, per l’ulteriore corso, alla pubblica udienza del 28 giugno 2017.



Vota questo articolo:
1

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati