PoliticaStato news

Sì del Consiglio regionale al ddl debiti fuori bilancio

Di:

Bari. Il consiglio regionale ha approvato a maggioranza il disegno di legge con il quale si riconoscono debiti fuori bilancio ai sensi della lettera a), comma 1, articolo 73 del decreto legislativo 118/20112 per un importo complessivo di circa 272 mila euro.

Il decreto legislativo 118/2011, integrato e modificato dal d.lgs. 126/2014, con l’articolo 73, lo ricordiamo, ha introdotto una specifica disciplina in materia di riconoscimento dei debiti fuori bilancio che trova applicazione a decorrere dall’esercizio finanziario 2015. Il debito fuori bilancio consiste in un’obbligazione verso terzi maturata senza che vi sia stata l’assunzione dell’impegno di spesa, in particolare il Consiglio regionale riconosce con legge, la legittimità dei debiti fuori bilancio derivanti da:

sentenze esecutive;

copertura dei disavanzi di enti, società ed organismi controllati, o, comunque, dipendenti dalla Regione, purché il disavanzo derivi da fatti di gestione;

ricapitalizzazione, nei limiti e nelle forme previste dal codice civile o da norme speciali, delle società di cui alla lettera b);

procedure espropriative o di occupazione d’urgenza per opere di pubblica utilità;

acquisizione di beni e servizi in assenza del preventivo impegno di spesa.

Il presidente della Commissione competente, Fabiano Amati ha illustrato in Aula il provvedimento sottolineando che “la I Commissione ha esaminato l’istruttoria preliminare svolta dai Servizi competenti e, dopo aver preso atto delle relazioni accompagnatorie dei disegni di legge, ha deciso di approvare a maggioranza un emendamento, che recepisce in un unico articolo, le disposizioni contenute nel presente disegno di legge n.20/2016 e nei numeri 171,172, 173, 175, 176, 177, 178, 179 ed il 180/2016 aventi pari finalità”.



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati