Foggia

Foggia, protestano dipendenti Provincia: occupazione


Di:

Foggia – IN occasione dell’assemblea generale dei sindaci di Capitanata, prevista per questo pomeriggio a Foggia presso la nuova sede dell’Amministrazione Provinciale, i sindacati del pubblico impiego hano promosso un sit-in di protesta con occupazione simbolica della sala riunion per denunciare le incognite circa il futuro dei lavoratori di questi enti e delle società partecipate.

Per la Cgil in tutta Italia si sta mettendo a rischio il posto di lavoro di 50 mila dipendenti, senza parlare della continuità dei servizi relativi alla edilizia e alla sicurezza degli istituti scolastici, al trasporto, alla viabilità e ai servizi ambientali, gravemente falcidiati dagli ennesimi tagli lineari alla spesa.

Il ministro della Funzione Pubblica, Marianna Madia, nell’unico incontro avuto con Cgil, Cisl e Uil aveva affermato con nettezza che “nessun posto di lavoro sarà perso nei processi di riorganizzazione della Pa” e che per quanto riguarda il tema del riordino delle province “il governo terrà fede a quanto stabilito nel protocollo Governo, regioni, comuni, sindacati del 2013”.

Per la Cgil “alla fine la qualunquistica, perché indistinta ed inefficace, lotta ai costi della politica, produce danni all’occupazione, ai servizi ai cittadini e al paese. Qualcuno dovrebbe dire al Governo che l’effetto delle sue politiche non deve limitarsi alla comunicazione. Dovranno seguire altri provvedimenti, atti concreti e non solo ennesimi annunci effetto, per garantire la certezza occupazionale ai circa 2.000 precari a tempo determinato che lavorano nei Centri per l’impiego e negli altri servizi delle province; garantire la certezza occupazionale anche per i dipendenti di quelle province (da 30 a 40) che a seguito degli ennesimi tagli previsti dalla legge di Stabilità andranno in default; garantire la certezza occupazionale per i dipendenti delle società partecipate dalle ex province, il cui rapporto di lavoro rischia di essere interrotto o concluso a causa delle nuove e limitate funzioni delle province.

Ancora una volta non si eliminano gli sprechi, ma si riducono i livelli essenziali dei servizi e si colpisce il lavoro. A pagare saranno i cittadini, che non avranno più garantiti i servizi (strade, scuole tutela ambientale) e si ritroveranno con la tassazione locale aumentata. E i tanti giovani, che si vedranno precluso l’ingresso nel mondo del lavoro a causa di un ulteriore blocco del turn over.

Redazione Stato

Foggia, protestano dipendenti Provincia: occupazione ultima modifica: 2014-12-16T17:20:43+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
1

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This