Cronaca
"Il decreto #salvabanche ha avviato la procedura di risoluzione di 4 piccoli e medi istituti bancari"

PD: “#salvabanche. Chi specula sui morti è uno sciacallo”, FN: “manca sistema sano”

"Gli investitori che hanno risentito della crisi sono i 12.500 possessori di obbligazioni subordinate, che hanno un valore di 430 milioni di euro"


Di:

Foggia. ”Chi specula sui morti è uno sciacallo. Gli attivisti di Forza Nuova che hanno semicoperto il simbolo del Partito Democratico con il loro orribile volantino sono degli sciacalli. Siamo solidali con le vittime di chi ha organizzato e portato a termine una truffa, augurandoci che la magistratura individui subito le responsabilità penali e punisca i colpevoli; ma non saremo silenti di fronte al vile tentativo di mistificare i contenuti di un provvedimento giusto e necessario del Governo. Il decreto #salvabanche ha avviato la procedura di risoluzione di 4 piccoli e medi istituti bancari, che assommati compongono l’1% del mercato creditizio nazionale, ponendo fine all’amministrazione straordinaria avviata da tempo ma senza interrompere le attività degli istituti, così come previsto dalle normative nazionali ed europee. Grazie a questa operazione sono stati protetti 1 milione di clienti e 12 miliardi di euro di depositi, obbligazioni senior e altri crediti. 200.000 piccole e medie imprese hanno potuto continuare ad operare serenamente, così come nessun problema è stato creato rispetto ai 25 miliardi di crediti (mutui, leasing, prestiti personali, ecc.) attribuiti ai clienti delle banche in questione. Infine, 7.000 persone hanno potuto conservare il proprio posto di lavoro. Gli investitori che hanno risentito della crisi sono i 12.500 possessori di obbligazioni subordinate, che hanno un valore di 430 milioni di euro, ai quali sarà offerta la possibilità di rivolgersi ad una commissione arbitrale per ottenere il risarcimento del danno subito a seguito di un investimento fondato su informazioni errate o false. Questi sono i fatti. Il resto sono le chiacchiere di chi, come gli attivisti di Forza Nuova, non ha argomenti, politici e tecnici, e cerca di suggestionare la gente con slogan infondati e proteste senza costrutto”.

(Foggia, 16 dicembre 2015, Partito Democratico)

IL TESTO – COMUNICATO FORZA NUOVA FOGGIA.
Il PD salva le banche ed assassina il popolo
Azione dimostrativa in tutta Italia, in Capitanata interessati i comuni di Foggia e Cerignola

”Banca Etruria, Banca Marche, Carife e Carichieti sono state “salvate” dal Governo Renzi-Boschi anticipando l’uso del cosiddetto “bail-in”, ovvero svuotando le tasche dei risparmiatori e dei correntisti. “Il PD si muove come una cosca che ripiana i debiti delle banche amiche coi soldi e il sangue degli italiani – non fa certo sconti al principale partito di governo il segretario nazionale di Forza Nuova, Roberto Fiore – per Renzi e i suoi sodali, il nostro popolo non merita di essere salvato, le banche sì. E’ un’odiosa dittatura delle lobby finanziarie che, per di più, godono di un’inspiegabile impunità. Renzi, premier senza mandato dei cittadini italiani, definisce ‘solido’ un sistema bancario che porta i ‘fragili’ cittadini alla fame e li istiga al suicidio. Fame e suicidio, proprio come aveva previsto il compianto professor Auriti”. “Un sistema sano – prosegue Fiore – deve fondarsi sulla tutela dei piccoli risparmiatori che hanno investito i loro risparmi in obbligazioni bancarie, quando il “bail-in” ancora non esisteva. Molti italiani oggi detengono, senza nemmeno esserne stati informati anzi spesso costretti e ricattati dai bankster finanziari, titoli con un profilo di rischio molto più elevato di quanto detto, promesso o raccontato”.

“Il ruolo, i poteri, la metodologia degli organi di tutela e di controllo, Bankitalia e Consob in primo luogo, vanno rivisti radicalmente – conclude Fiore – vanno inoltre puniti per legge, e in modo severissimo, l’istituto di credito e i promotori finanziari che, plagiando di fatto i cittadini, mandano in fumo i risparmi e con essi le speranze di una vita di lavoro””.

PD: “#salvabanche. Chi specula sui morti è uno sciacallo”, FN: “manca sistema sano” ultima modifica: 2015-12-16T17:19:10+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
3

Commenti


  • Forza Nuova Foggia

    L’azione dimostrativa è stata fatta una settimana fa, ma dal PD se ne accorgono solo ora (sic!!!), non abbiamo fatto violenza a nessuno ne minacciato, ne arrecato danni, abbiamo espresso un dissenso, questo il testo che contestualmente fu mandato alla stampa, curioso poi che Stato Quotidiano non ha pubblicato la nostra azione di protesta, ma solo la risposta del PD, o ci è sfuggito qualcosa? Buona lettura.

    : Il PD salva le banche ed assassina il popolo

    Azione dimostrativa in tutta Italia, in Capitanata interessati i comuni di Foggia e Cerignola

    Banca Etruria, Banca Marche, Carife e Carichieti sono state “salvate” dal Governo Renzi-Boschi anticipando l’uso del cosiddetto “bail-in”, ovvero svuotando le tasche dei risparmiatori e dei correntisti.

    “Il PD si muove come una cosca che ripiana i debiti delle banche amiche coi soldi e il sangue degli italiani – non fa certo sconti al principale partito di governo il segretario nazionale di Forza Nuova, Roberto Fiore – per Renzi e i suoi sodali, il nostro popolo non merita di essere salvato, le banche sì. E’ un’odiosa dittatura delle lobby finanziarie che, per di più, godono di un’inspiegabile impunità. Renzi, premier senza mandato dei cittadini italiani, definisce ‘solido’ un sistema bancario che porta i ‘fragili’ cittadini alla fame e li istiga al suicidio. Fame e suicidio, proprio come aveva previsto il compianto professor Auriti”.

    “Un sistema sano – prosegue Fiore – deve fondarsi sulla tutela dei piccoli risparmiatori che hanno investito i loro risparmi in obbligazioni bancarie, quando il “bail-in” ancora non esisteva. Molti italiani oggi detengono, senza nemmeno esserne stati informati anzi spesso costretti e ricattati dai bankster finanziari, titoli con un profilo di rischio molto più elevato di quanto detto, promesso o raccontato”.

    “Il ruolo, i poteri, la metodologia degli organi di tutela e di controllo, Bankitalia e Consob in primo luogo, vanno rivisti radicalmente – conclude Fiore – vanno inoltre puniti per legge, e in modo severissimo, l’istituto di credito e i promotori finanziari che, plagiando di fatto i cittadini, mandano in fumo i risparmi e con essi le speranze di una vita di lavoro ”.


  • Redazione

    La inseriamo nello stesso testo, scusateci; grazie, buona serata; Stato Quotidiano.it


  • Manfredonia vale 1.000 panettoni e uno sponsor al miramare

    Come lo definireste invece chi specula sui vivi, imbrogliandoli e riducendo sul lastrico tanta povera gente e come difendereste tutti coloro che difendono a spada tratta i galantuomini banchieri magari anche apparentati con la politica?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi