Manfredonia
Dichiarazioni in esclusiva a Stato del direttore del Dipartimento di Salute Mentale e del SERT di Manfredonia

Manfredonia, “assunzioni in Psichiatria solo per specialisti in..Psichiatria”

"Al momento vi sono 4 medici in servizio nel reparto di Psichiatria del PO San Camillo di Manfredonia"

Di:

Manfredonia – “SMENTISCO qualsiasi ipotesi di chiusura del reparto di Psichiatria dell’ospedale San Camillo. L’unica problematica dell’intero dipartimento di Salute Mentale è l’impossibilità di reperimento di dottori specialisti. Coloro che rispondono agli avvisi pubblici in verità sono già dipendenti dell’Asl/Fg e pertanto si spostano da una sede ad un’altra in base alle proprie preferenze. Al momento vi sono 4 medici in servizio nel reparto di Psichiatria dell’ospedale San Camillo, basterebbe un altro psichiatra e un primario per completare l’intero organico”. E’ quanto dice in esclusiva a Statoquotidiano il dr. Matteo Giordano, direttore del Dipartimento di Salute Mentale e del SERT di Manfredonia.

“Parliamo di una carenza importante relativamente al numero dei medici in organico ma di minore rilevanza se pensiamo a Rodi Garganico, a Lucera, a Troia, con reparti annoveranti anche un solo medico in servizio. Dunque in questi casi parliamo di vere emergenze”, continua il dr. Giordano.

“Certo, anche la presenza in servizio di un altro medico per il SERT di Manfredonia sarebbe opportuna. Anche un congedo straordinario può originare difficoltà nella gestione del servizio, questo in seguito alla scelta di una psichiatra (che prestava le proprie attività tra Manfredonia a Cerignola) che ha di recente scelto di trasferirsi nel Servizio psichiatrico di diagnosi e cura di Foggia”.

“La direzione generale, dunque il dg Asl/Fg Manfrini, ci ha sempre fornito la massima disponibilità per il reperimento del personale ma è una problematica che esula da qualsiasi responsabilità di terzi. Ripeto: non vi sono psichiatri da poter assumere. Siamo disponibili ad inserire in organico un qualsiasi disoccupato, specialista nel suddetto ramo, anche ora”.

RECRIMINAZIONE LETTORI. Le dichiarazioni del dr. Giordano non hanno mancato di sollevare recriminazioni in alcuni cittadini e nei forum di Statoquotidiano.it. “Cara Redazione forse bisogna aggiungere nell’articolo che ‘per ulteriori informazioni o delucidazioni non basta chiamare la direzione sanitaria o cercare sulla gazzetta ufficiale, si consiglia recarsi direttamente presso l’ospedale e chiedere un appuntamento con il direttore del dipartimento che ha rilasciato la dichiarazione‘. ‘Siete sicuri che in ospedale cercano degli psichiatri e sono pronti ad assumerli anche ora?’

CONFERMA DICHIARAZIONI. “Confermo quanto dichiarato, ma
ribadisco come la possibilità di assunzioni riguarda solo ed esclusivamente medici specialisti in psichatria e non psicologi o altro”, dice a Statoquotidiano il dr. Giordano dopo la richiesta di ulteriori informazioni.

Redazione Stato,ddf@riproduzioneriservata



Vota questo articolo:
11

Commenti


  • vittoria gentile

    Il che risultava già ben chiaro.


  • Viviana

    Io sono una psichiatra e lavoro da 9 anni nell’NHS come psichiatra, Primario e Direttore Clinico di un servizio di Psichiatria dell’Adolescenza che conta 18 psichiatri e offre servizi di degenza (12 letti) più 10 ambulatori sui territori del sud dell’Essex più le contee di Luton e di Bedfordshire. Non sono chiaramente una “psicologa” quindi il commento del Dr. Giordano non ha alcuna rilevanza con i precedenti commenti di cui sopra. Ribadisco che a seguito del mio contatto con la vostra azienda questo pomeriggio non ho percepito alcuna urgenza ad assumere ne ho riscontrato l’esistenza di un bando per l’assunzione di psichiatri o primario presto la vostra asl. Non mi sono state date chiare indicazioni se un bando ci sarà o meno e non ho di certo percepito alcuna urgenza ad assumere, non mi è stato richiesto nè un contatto telefonico nè una email nè un curriculum cosí da non perdere una potenziale candidata interessata a seguito del vostro ‘allarmante’ articolo.


  • Roby

    Sono tutte chiacchiere. Impossibile che non si trova uno psichiatra da assumere.


  • carlo

    evidentemente il dr giordano ignora che a manfredonia un primario f.f, esiste come del resto lui è direttore del dipartimento e certe cose dovtrebbe saperle!!!!! poi altra fesseria è che nè a lucera nè a troia e tantomenno a rodi mi risultano esistere reparti di degenza!!!di cosa stiamo parlando????chiaramente di chi vuole nascondersi dietro un dito per non ammettere le proprie responsabiltà!ritengo da cittadino lettore di stato quotidiano che si stiaassistendo alla solita manfrina manfredoniana come già avvenuto per la ginecologia dove 4 medici psichiatri vengono mandati a c erignola dove un reparto non esiste!!!!!!VERGOGNATEVI e dite lA VERITà ALLA GENTE ALMENO un domani si saprà di chi è la colpa!!!!sembrate stiate girando una commedia degna di totò e peppino!!!!!!mi scuso con gli attori per l esempio!!!!purtroppo questo è quello a cui siamo arrivati!!!!!


  • Ventu

    Nella P.A. in caso di necessità di ruoli da dirigente medico da ricoprire, la ASL di competenza pubblica un bando di concorso o un Avviso Pubblico. Il 2 dicembre 2014 è stata pubblicata una graduatoria di 42 idonei a ricoprire il ruolo di psichiatri. Che dal 2dicembre ad oggi abbiano contattato tutti i candidati e TUTTI abbiano rinunciato sembra molto strano, ma non è impossibile…


  • Matteo Giordano

    Gentilissima dott.ssa Viviana, il numero del centralino dell’ospedale di Manfredonia è 0884510111 , mi cerchi giovedì mattina e ne parliamo.
    In quanto al sig. Carlo , ignora che un ex art. 18 è un incarico a 6 mesi, cosa diversa è un direttore di struttura complessa che viene nominato dopo concorso.
    Non ho mai detto che a Rodi o Lucera ci sia un reparto di degenza, ma c’è un CSM , termine che evidentemente è stato confuso dall’estensore dell’articolo.
    Mi sembra che il signore sia un po’ confuso, che ci fanno 4 psichiatri in ginecologia? Comunque non voglio partecipare a polemiche pretestuose, voglia il cielo che io riesca a trovare psichiatri attraverso questo articolo.


  • carlo

    egregio direttore di s,truttura complessa,il mio era solo un esempio!per sola precisione,nella polemica è sceso lei e non so come ne uscirà !il suo incarico è avvenuto co delibera?prima è sceso a fare dichiarazioni di dubbia veridicita(1 medico per servizio per i paesi citati o ne hanno 2?) poi dice che lerrore è di chi ha fatto l’ articolo ,poi addirittura si rende conto ora che ci sono medici fuori che vogliono lavorare!ma che pensa di essere nella repubblica delle banane?a questo punto credo che il sindaco e le istituzioni intervengano a far luce e valutare chi è piu confuso!!!!!!!!caro direttore mi sa che stavolta sarà difficile per lei e il sig totaro spiegare ai manfredoniani dove sono stati mandati i medici che hanno risposto positivamente all ‘ incarico di dicembre di cui parlava ventu!!!cmq se non lha capito sono un sindacalista molto ben informato e sicuramente meno confuso di quanto lei dice!!!!!….!


  • roxana sapone psichiatra

    Dispiace constatare che chi ci governa abbia a cuore sempre e solo il destino di un reparto ospedaliero che in tema di appropriatezza dell’ assistenza psichiatrica di certo non fa la differenza. Ben altri dovrebbero essere gli investimenti pubblici in tema di assistenza psichiatrica nella nostra provincia: i reparti psichiatrici ospedalieri sono strutture pesanti, costose, superate (ce ne sono ben tre nel dipartimento di salute mentale!), e la fase del ricovero ospedaliero dovrebbe rappresentare soltanto una breve esperienza, la più breve possibile secondo le evidenze scientifiche, nell’intero percorso di cura per i disturbi psichici, che è ben più complesso ed articolato La prevenzione, la cura e la riabilitazione psichiatrica dovrebbero essere realizzate sul territorio, nel contesto di vita reale delle persone, in strutture che, in un ottica moderna ed innovativa non hanno nulla che vedere con gli ospedali. Il Centro di Salute Mentale di Manfredonia, così come gli altri servizi territoriali citati dal direttore Giordano, dal luglio scorso ha soli due medici psichiatri e da anni ormai è sprovvisto di psicologo! Eppure la letteratura è ricca di dati che confermano che un’assistenza psichiatrica territoriale forte, dinamica, integrata con le altre agenzie sanitarie e sociali territoriali, è in grado di ridurre le degenze ospedaliere e quiindi abbattere i costi della assistenza psichiatrica, ma la nostra provincia verosimilmente non è ancora pronta per recepire il cambiamento di rotta.
    Si continua a parlare, e gli animi si accendono, tristemente, solo di ospedale.


  • Nicola DE MATTIA psichiatra

    Rox, è inutile sprecare ulteriormente parole! I Direttori della ASL sono sordi a qualsiasi nostra richiesta: ci sono varie richieste di trasferimento di nostri colleghi per il SPDC di Manfredonia, che però sono “poco raccomandabili” o “indesiderati”! quindi è tutto fiato sprecato!


  • vittoria gentile

    E da quando le politiche culturali sanitarie sono conformi alle moderne (moderne poi, parliamo già di qualche decennio) linee d’indirizzo in tema di prevenzione, cura e riabilitazione nella salute mentale di comunità? Piante organiche comprese, bloccate, statiche e irrigidite su a se stesse. Così è se vi pare, sosteneva un abile scrittore dell’inconoscibilità applicata alla realtà (qui sanitaria).
    Serenamente non psichiatra.


  • sipontino

    Soldi (per loro) non ce ne sono, ma gente giovane competente, preparata e SENZA LAVORO ce n’è a buttare… Ancora per poco perchè se ne sta andando via da Manfredonia e dall’Italia intera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi