Manfredonia
Ritenuti responsabili di aver chiesto denaro ad alcuni cittadini di Manfredonia

Manfredonia, ‘conosco..dammi i soldi e lavori”, concluse indagini su truffa

Complessivamente ci sarebbero state una decina di denunce in merito

Di:

Foggia/Manfredonia – La Procura di Foggia avrebbe emesso un avviso di conclusione indagini nei confronti di almeno 3 soggetti ritenuti responsabili di aver chiesto somme di danaro ad alcuni cittadini di Manfredonia con la promessa di un lavoro. Un sistema articolato, in danno di disoccupati e precari del centro. Un sistema fondato sulle azioni di più persone che attraverso una ricostruzione fedele tra “prossimi colloqui di lavoro”, “conoscenze importanti”, “telefonate” e “messaggi” avrebbero raggirato l’ingenuità di cittadini speranzosi di trovare un’occupazione. Cittadini che in più occasioni hanno denunciato i fatti al Commissariato di Manfredonia e che ora attendono un risvolto nelle indagini.

I fatti riprendono una passata denuncia pubblicata da Statoquotidiano, con accuse rivolte ad una donna, ma che ora riguarderebbero anche altre persone, che avrebbero partecipato attivamente nel raggiro. Complessivamente si parla di centinaia di migliaia di euro chiesti ed ottenuti nel tempo dalle vittime per l’assunzione in aziende del territorio, ma anche Enti.

IL SISTEMA. Dopo la consegna delle somme, inizialmente l’attesa: “a breve sarete contattati per la selezione”. Dunque gli spostamenti, i rinvi: “ci sono stati dei contrattempi, le richieste sono tante, bisogna attendere”. Ancora il ‘gioco’ retto da terze persone con chiamate e messaggi: “a breve sarà contattato, le chiediamo di attendere”. Dopo mesi le vittime, compresa la possibile truffa, hanno cominciato a chiedere spiegazioni sulle mancate assunzioni.

I fatti risalirebbero ad alcuni anni fa. In alcune occasioni le vittime – che in ogni modo hanno acquisito le prove attestanti la truffa – sarebbero riuscite a recuperare parte o tutta la somma inizialmente consegnata agli artefici del raggiro.

Complessivamente ci sarebbero state una decina di denunce in merito. Non chiaro il numero totale dei soggetti autori dei fatti. Per sostenere il sistema, quanti artefici del raggiro avrebbero utilizzato conoscenze svariate con costruttori, politici e personaggi noti di Manfredonia.

g.defilippo@statoquotidiano.it



Vota questo articolo:
7

Commenti

  • Questo è solo un caso.
    tanti non denunciano
    troppi soggiaciono alla prevarocazione e alla furbizia


  • Gino

    È semplicemente uno schifo
    Ma ovviamente nulla di nuovo
    Tanto altri invece sono andati effettivamente a lavorare e destra e a manca ma solo perché parenti e amici di giovane politico alla ribalta
    Purtroppo le forze dell’ordine dormono altro che Sicilia o Lombardia qui c’è gente che si è arricchita con la politica basta vedere che si sono comprati casa, auto e fatto crescere il fatturato di aziende di famiglia
    Politica maledetta politica sia per chi promette e truffa le persone sia perché pensa ai propri interessi e truffa la comunità


  • lorenzo

    Noi vogliamo i nomi e ancor di piu la quarta persona!


  • Luigi

    Disonesti chi prendeva somme di denaro promettendo un posto di lavoro, ma anche chi credeva di lavorare con la solita bustarella, perché non penso che avrebbero denunciato se il lavoro lo avrebbero avuto.


  • lucio

    Bisogna pubblicare nomi e foto di questi bast….
    Solo cosi’ si potra’ evitare che continuano a frecare la povera gente in cerca di un misero lavoro. Inoltre sara’ l’ unica umiliazione di tali raggiri. Mi chiedo se e’ possibile che tra i truffati non vi e’ qualcuno con la testa piu’ calda di loro?
    Povera Italia.


  • Squartacus

    .. Sicuramente nessuno pensa di linciarli ma almeno uno sputtanamento di massa è appropriato. Insomma è ora di finirla con le furbate sempre a danno dei più bisognosi. Schifosi sottoprodotti del genere umano indegni di essere animali


  • nik

    Avt fatt a scupert d l’acqua cavt….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi