Manfredonia
Prodotto destinato alla commercializzazione nei mercati del Barese e della Calabria

Manfredonia, sequestro 350 kg di bianchetto, 1 deferimento

Il sequestro è avvenuto alla periferia Sud di Manfredonia

Di:

Manfredonia – Alle prime luci dell’alba i militari della Capitaneria di Porto – Guardia Costiera di Manfredonia, diretta dal Capitano di Fregata Marcello Notaro, hanno svolto un’ennesima azione di repressione della commercializzazione illegale di prodotti ittici sottomisura nella città di Manfredonia, effettuando un ennesimo e consistente sequestro di pescato al di sotto della taglia minima trasportato in un furgone privato e pronto per essere immesso sul mercato. Il sequestro è avvenuto alla periferia Sud di Manfredonia, con prodotto destinato alla commercializzazione nei mercati del Barese e della Calabria.

In particolare sono stati sequestrati ben oltre 350 kg di novellame di sarde ed alici (comunemente noto come “bianchetto”), in quanto detenuto e trasportato in violazione dell’Art. 7, comma 1, lett. a) e b) del D.Lgs. n°04/2012. Un’operazione in favore della tutela del mare, per scoraggiare chi ancora pratica la pesca di pesci allo stato neonato che sono un’ importante anello della catena alimentare marina, in quanto favorisce la crescita di altre specie cosiddette pelagiche (di profondità e di più grosse dimensioni). Il risultato dell’operazione è da attribuire alla tenacia degli uomini del Nucleo di Polizia Giudiziaria della Capitaneria di Porto di Manfredonia, che da alcuni giorni stavano effettuando una serie di appostamenti in vari luoghi della città.
Il pescato, dopo gli accertamenti sanitari effettuati dal medico del Servizio Veterinario dell’ASL FG Area B – Distretto di Manfredonia e su disposizione del Magistrato di turno presso la Procura della Repubblica di Foggia, è stato destinato alla distruzione mediante rigetto in mare, in quanto dichiarato prodotto alimentare del tutto privo di documenti attestanti la rintracciabilità dello stesso prodotto ittico, e quindi non destinabile al consumo umano.

Un soggetto identificato è stato ritenuto responsabile delle violazioni penali sopracitate, il quale è stato prontamente deferito alla competente Autorità Giudiziaria. L’attività di repressione posta in essere dagli uomini del Nucleo di Polizia Giudiziaria della Guardia Costiera sipontina contro gli illeciti in materia di pesca e commercializzazione illegale di prodotti ittici sottomisura proseguirà incessante anche nei prossimi giorni in tutta la provincia di Foggia, allo scopo di garantire il rispetto delle leggi e tutelare la salute degli inconsapevoli consumatori.

Redazione Stato@riproduzioneriservata



Vota questo articolo:
7

Commenti


  • Schifodipaese

    Come se la capitaneria non vede le barche quando escono in mare per andare a contrabbando…..ma fatemi il favore! Lo stesso li fanno morire i pesci, invece se li fermassero prima che pescano , allora si che farebbero del bene al mare…


  • antonella

    Avete capito a cosa serve la licenza per il rossetto? per andare a pesca di bianchetto, lo sappamo tutti che sulle licenze c è Scritto rossetto ma in verita significa Bianchetto, assessore ma lei non ha detto che ci tiene al settore, prima di chiedere al ministero questi
    permessi, ha fatto la giusta scuola a
    taluni pescatori di frodo? Eppure tutti
    Sappiamo comè La storia, la verita e che
    c è Connivenza in tutto e per tutto, per
    voti si chiudono tutte due gli occhi, anno
    dopo anno, sempre uguale, tonnellate di
    bianchetto frodato, negli esercizi
    commerciali è Pieno ma lo si da solo ai
    clienti fidati, e tutto un bel giro, viva l
    italia e gli italiani, bel paese di merde.


  • Luigi il manico

    Scusate ma quello che ho comprato al mercatino da L******* era legale?


  • dino

    Si stanno autodistruggendo massa di caproni e noi massa di cog……..


  • koko

    Ma se non capite un cavolo di queste cose che commentate a fare , mappa di Caproni, la rovina di questo paese e di questo settore è dovuto proprio al divieto di pesca del bianchetto , ficcatEvelo in quel poco di cervello che vi è rimasto …


  • LUNA

    Cara Antonella, la delibera per il rossetto, serve per il rossetto!!!
    Forse non sai che il rossetto é una specie pregiata direi più del bianchetto che a mf non viene valorizzato quindi perchè mai ci si dovrebbe “nascondere” dietro tale delibera???
    Ad ogni modo chi vuol frodare nn ha bisogno di nessuna carta…
    Che ben venga la delibera per il rossetto…è gia un passo avanti!!!


  • bulbo

    Cara Antonella il piano di gestione del rossetto non ancora partito, ma sono ben due mesi che la pesca del bianchetto si svolge senza problemi …..per il rossetto ci sono tanti problemi ,,,informati bene!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi