GarganoManfredonia

Rete reumatologica regionale, De Leonardis: includere Casa Sollievo

Di:

Foggia – Il consigliere regionale del Nuovo Centrodestra Giannicola De Leonardis ha presentato questa mattina un’interrogazione a risposta scritta al presidente del Consiglio regionale Onofrio Introna, della Giunta regionale Nichi Vendola e all’assessore alle Politiche per la Salute Donato Pentassuglia, in merito alle strutture escluse dalla Rete Reumatologica Regionale, nonostante anni di proficuo lavoro e radicamento sul territorio e con numerosi e significativi disagi per l’utenza.

“La giunta regionale, infatti, con il Dgr n.2811 del 30 dicembre 2014 si è dotata del servizio di ‘Rete Reumatologica Regionale’, con gli obiettivi – ambiziosi e necessari – di mettere in rete le strutture di specialità sparse sul territorio regionale; e di collegamento scientifico, tecnico e di raccolta dati, per ottimizzare le risorse disponibili e organizzare il lavoro nell’interesse dell’utenza. Ma nonostante le premesse indicate” sottolinea De Leonardis, “soltanto alcuni Centri sono rientrati, nonostante un totale di 28.223 ammalati censiti al 31 dicembre 2013, e la presenza di altre strutture da tempo operanti sul territorio di elevata eccellenza e professionalità”. Tra le strutture escluse, l’U. O. afferente l’ospedale ‘Casa Sollievo della Sofferenza’ di San Giovanni Rotondo, da oltre venti anni operante sul territorio e centro di riferimento per malattie rare, con una media annua di 4mila visite ambulatoriali, 700 ricoveri specialistici e 2500 accessi in day hospital. E ancora, l’U. O. S. di Reumatologia afferente alla U. O. C. di Medicina Universitaria di Foggia; la U. O. S. di Patologie Reumatiche e Autoimmuni sistemiche del Policlinico di Bari; la U. O. S. di Reumatologia dell’Ente ecclesiastico Ospedale generale regionale ‘F. Miulli’ (Bari); l’U.O.S. di Reumatologia dell’Ospedale ‘Perrino’di Brindisi.

“Nella Conferenza Stato-Regioni del 5 agosto dello scorso anno erano state indicate le percentuali da rispettare inerenti i bacini di utenza in merito, identificando un Hub ogni 600.000-1.200.000 abitanti, e uno Spoke ogni 150.000-300.000 abitanti: Di conseguenza, nella Regione Puglia, in considerazione della popolazione residente (4,1 milioni) e secondo i parametri indicati, dovrebbero essere presenti 3 Hub e almeno 20 Spoke: invece viene riconosciuto un unico Hub nel Centro di Assistenza reumatologica e di terapie innovative dell’Unità Operativa di Reumatologia Universitaria del Policlinico di Bari (mentre l’analoga e omologa struttura universitaria di Foggia è stata relegata al ruolo di spoke alla stregua di un ambulatorio territoriale, esautorata di fatto anche delle potenzialità didattiche e di ricerca)” continua De Leonardis.

E come se non bastasse, “il successivo 23 gennaio è stato pubblicato l’elenco dei Centri rientranti nella ‘Rete Reumatologica Regionale’, e quelli non presenti hanno avuto un’importante limitazione nella prescrizione di farmaci determinanti per molti pazienti. E nei primi giorni del mese di febbraio la Regione Puglia ha inviato alle Asl e alle Aziende ospedaliere l’elenco dei Centri non più idonei alla prescrizione di farmaci, che quindi avranno notevoli disagi nell’assistenza a pazienti che saranno costretti a rivolgersi ad altre strutture, magari dopo anni di cure e terapie”.

Da qui l’interrogazione per conoscere i criteri di valutazione che hanno portato all’esclusione di numerosi Centri specializzati dalla ‘Rete Reumatologica Regionale’, e se non venga ritenuto doveroso e opportuno “rivedere e correggere, in tempi rapidi, la ‘RRR’ così come prevista e indicata, con il reinserimento di strutture e Centri che si sono distinti per qualità e quantità di servizi e prestazioni erogate” E rivedere anche una politica di tagli continui destinati a penalizzare “un’utenza considerevole”, e ad alimentare “una lunga serie di disagi lontanissimi e contrari alle finalità indicate”.

Redazione Stato



Vota questo articolo:
1

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi