GarganoManfredonia
Svoltosi stamani a Roma il presidio organizzato dalla maggiori sigle Sindacali dei balneari

Balneari, Concessioni demaniali: tesi discordanti tra le Regioni

Salvatore Lanzillotti: "L’Europa non puo’ essere una maschera da mettere a proprio piacimento"


Di:

Roma. SVOLTOSI stamani a Roma il presidio organizzato dalla maggiori sigle Sindacali dei balneari: SIB-FIBA. OASI Confartigianato-ASSOBALNEARI Confindustria in occasione dell’incontro delle Regioni, organizzato dalla Regione capofila Liguria su iniziativa dell’Assessore Marco Scajola. Migliaia i concessionari presenti arrivati da ogni angolo della Penisola, ampia la partecipazione dalla Puglia. Prima dell’incontro tra tutti gli Assessori Regionali con delega al demanio, i rappresentanti Sindacali hanno incontrato il neo Ministro agli Affari Regionali Enrico Costa, presente anche il Pugliese Avv.Tonino Capacchione Vice Pres. Naz.leVicario del SIB (Sindacato Balneari Italiano).

Il Ministro ha assicurato il suo impegno ad individuare un percorso comune.Il Sen.Salvatore Tomaselli, voce di maggioranza,sostenitore della difesa delle imprese balneari è intervenuto ribadendo il diritto ad essere considerati allo stesso modo di altri Paesi della Comunità Europea, che hanno tutelato i loro concessionari con proroga sino a 75 anni.I l Senatore ha partecipato al presidio insieme ai conterranei Brindisini. All’incontro col Ministro era presente l’On.le Sergio Pizzolante, Vice Presidente dei Deputati Area Popolare,sentinella del Turismo e delle imprese Balneari, il quale ha sottolineato quali dovranno essere le basi per il DDL nel riordino della materia: Il diritto d’impresa balneare ed il dovere di garantire ad essa continuità.

“A conclusione dell’incontro tra le Regioni, il promotore l’ Assessore Scajola ha dichiarato che “durante l’incontro, purtroppo, non ci sono state posizioni univoche su alcuni temi quali la proroga a 30 anni, sostenuta da Molise, Abruzzo, Marche, Veneto, Puglia, sottolineando la contrarietà della Regione Toscana la quale è per le gare. Ringraziamo la Liguria e le Regioni che sostengono la linea del doppio binario con l’auspicio che anche le altre convergano su questa linea,consentendo di salvaguardare le piccole imprese che hanno contribuito allo sviluppo turistico Regionale investendo in base ad una legge dello Stato che garantiva la continuità”.

“Noto che alcune Regioni ed il Governo declinano nell’incertezza un settore strategico per il turismo Italiano. Non accetteremo alcun compromesso che non sia la salvaguardia delle nostre imprese se non verrà accolto, da parte dei Ministri, il documento unitario presentato dai maggiori Sindacati di categoria, ove è previsto il doppio binario, proroga per le attuali concessioni ed evidenze per le nuove, la fase successiva sarà quella delle vie legali. L’Europa non puo’ essere una maschera da mettere a proprio piacimento, la direttiva Bolkestein fornisce, ad ogni Paese che la recepisce, margine per potere operare all’interno delle linee direttive,perciò,in Europa la voce grossa va fatta sia per difendere i grossi Gruppi potenti, sia per difendere i Piccoli,che sono le PMI l’ossatura portante dell’economia del nostro Paese”.

Salvatore Lanzilotti Resp.le Comitato Balneari Puglia

Balneari, Concessioni demaniali: tesi discordanti tra le Regioni ultima modifica: 2016-02-17T19:00:51+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi