Manfredonia
"Se poi qualcuno ha la sindrome di accerchiamento, non possiamo farci niente"

Giovanni Caratù “Caro Angelo, il cinismo non è nel nostro DNA”

"Isolarsi non fa bene a nessuno, questo movimento ha fatto e fa battaglia politica solo su dati certi e verificabili"


Di:

Manfredonia. ”Mi dispiace Angelo, ho solo constatato che perdiamo mille abitanti l’anno quindi la previsione di estinzione è reale, ho anche detto che fortunatamente abbiamo 800 immigrati l’anno. La mia era un’esortazione ad uno sforzo unitario, mi ci mettevo anche io dentro, tendendo una mano. Se poi qualcuno ha la sindrome di accerchiamento, non possiamo farci niente. Come spesso dicevi tu ed anche Renzi ce ne faremo una ragione. Purtroppo non ho un ufficio stampa, pagato dai contribuenti, a mia disposizione ma ti garantisco che togliendo le virgole, i dati sono reali. Se poi togliamo Zapponeta ed altri Comuni che hanno una frizzante economia, i dati sarebbero peggiori per Manfredonia.

Circa le mie “affermazioni tendenziose”, voglio ricordare le tue affermazioni sull’ecotassa regionale, dove i vostri dati interni , mai noti, erano in aperto contrasto con i dati ufficiali della regione Puglia. Come non ricordare le affermazioni sulla efficenza ed economicità dell’ a.s.e portandola a modello per poi scoprire un’improvvisa perdita di un milione e seicentomila, e che dire sui bilanci comunali, sui residui attivi ed altre poste di bilancio per poi scoprire che anche la corte dei conti vuole vederci chiaro. E che dire sul raddoppio della tari, sempre da te negato, quando si è scoperto che, bollette alla mano, la stessa abitazione pagava il doppio a distanza di 4 anni? Isolarsi non fa bene a nessuno, questo movimento ha fatto e fa battaglia politica solo su dati certi e verificabili, non ha mai fatto giustizialismo e mai lo farà . Il bene comune non è appannaggio della maggioranza seppur rissosa ed inefficiente, ma è obbligo e dovere di tutti in primis per Manfredonia che funziona. Il cinismo non è nel nostro DNA ma forse in chi ha il potere”.

(A cura di Giovanni Caratù, Manfredonia che funziona – 17.02.2017)

Giovanni Caratù “Caro Angelo, il cinismo non è nel nostro DNA” ultima modifica: 2017-02-17T17:13:12+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
12

Commenti


  • svolta

    Purtroppo prendiamo sempre atto che l’umiltà non sta nei poteri forti ed in chi li esercita. Emerge anche che la verità e la trasparenza sono sempre mal viste dallo stesso/i.


  • Maria Guerra

    Guardate l’argomento da due angolazioni diverse. Riccardi faceva riferimento a come veniva diffusa la notizia , opportunamente elaborata per farla sembrare molto peggiore di quello che in realtà è. Intanto, perchè non fate un confronto televisivo sulla questione “Angelo Riccardi e Giovanni Caratù”?


  • incontro

    I dati sulla disoccupazione sono molto preoccupanti.Il sindaco minimizza il problema e lo ridimensiona come fanno tutti i politicanti ,invece deve prendere il toro per le corna e studiare insieme ai giovani( capaci e con idee valide per il nostro territorio) per trovare una soluzione al problema lavoro .Coloro che stanno fuori non hanno trovato terreno fertile per le loro idee, eppure il nostro territorio offre tanto :settore innovativo nel turismo, nella pesca e nell’agricoltura a territorio zero e rispetto per l’ ambiente.


  • Benito

    Anche le pulci tossiscono.


  • svolta

    Benito…. Mi ricordo qualcuno a chi pensava cgevle pulci le avrebbe schiacciate, quand’anche, al contrario, lo hanno appeso a testa in giù. Quindi stare attenti ai piccoli insetti…. proprio perché piccoli, quando sono molti, non ti fanno vivere bene…. e saremo in molti a cambiare certi andazzi alle prossime elezioni.
    Adesso tossisci….. tu.


  • Giorgio

    SVOLTA pensavamo che la cura contro IDIOZIA avesse funzionato, in realtà sei un –


  • Vincenzo

    Angelo non strumentalizzare la realtà.!


  • La collera del vento

    Lo stravolgimento e la severissima punizione elettorale sta maturando.


  • Voce di Popolo

    Da dati istat per il 65% delle famiglie italiane il reddito della pensione dei nonni incide per i tre quarti della disponibilità economica. Un dato impressionante, ma a creare ancor più imbarazzo è il fatto che per il 25% delle famiglie italiane la pensione di nonno è l’unica risorsa.
    Purtroppo, chi in questi ultimi anni ha perso il posto di lavoro non ha avuto alternative per mandare avanti la famiglia, se fortunato, ha dovuto ricorrere a piccoli lavoretti o a svolgere attività lavorative completamente in nero per portare a casa qualcosa. Una piaga che vede coinvolti cassintegrati o disoccupati che, in attesa (o nella speranza) di rientrare ufficialmente nel mercato del lavoro sbarcano il lunario grazie ai proventi di una attività irregolare che li rende schiavi liberamente.
    Non dimentichiamo l’indotto generato dal malaffare che crea eserciti di adepti tra i giovani.
    Questo è un paese che non ha problemi? Provate a chiederlo a chi vive giorno per giorno questo dramma


  • L'oro di Dongo

    La pulce nell’occhiello della giacca e tessera di partito vigenti nel famigerato ventennio sono state sostituiti dalla lingua.


  • antonella

    No, udite udite, giorgio, come mai, ti credevamo finalmente estinto, invece eccoti di nuovo,ti hanno riesumato i cattivi dati occupazionali, oppure dopo aver galleggiato allungo, sei riapprodato sulla terra ferma? Giorgio , or Giorgio, Benito, le pulci, l idiozia, vi unite, vi confondete e vi superate tra voi, siete un tutt uno , in uno, egregio topino, rassegnati, come ho gia scritto, tra un milione di anni, 50 lauree e molta umiltà, imparerete ad amministrare.


  • svolta

    Giorgio…. Oh Giorgio…. pensavo che come s…… ti fossi liquefatto nel depuratore…. ma noto che nonostante sei uno scarto corporeo…., chissà per quale ameno miracolo riesci a scrivere sempre str…..te. Che dirti, avere compassione di uno s……, è proprio il colmo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This