Manfredonia
"Manfredonia Nuova, per consentire ad una delegazione di cittadini di essere presenti durante la riunione al MISE, aveva organizzato un pullman perché potesse arrivare a Roma la voce libera di Manfredonia"

Italo Magno “NO Energas. Fino alla vittoria”

"A meglio guardare, vi è un’altra ragione che ha consigliato il rinvio ed è da ricercarsi nelle primarie che stanno impegnando il PD a livello nazionale"


Di:

Manfredonia. ”Sabato, 15 aprile scorso, nella sede di Manfredonia Nuova, alla presenza dello scrittore Gianni Lannes, si è svolta una riunione aperta a tutti i cittadini, per fare il punto della situazione, dopo quello che è avvenuto a Roma nella Conferenza dei Servizi del MISE (Ministero dello Sviluppo Economico), nella quale è stata esaminato il progetto della Società Energas.Q8, d’istallare un’industria di trasformazione e trasporto di GPL. Tutti i cittadini presenti a Roma hanno espresso la soddisfazione per il successo della manifestazione.

Manfredonia Nuova, per consentire ad una delegazione di cittadini di essere presenti durante la riunione al MISE, aveva organizzato un pullman perché potesse arrivare a Roma la voce libera di Manfredonia. Con noi nel sit-in, animato da slogan vocali, striscioni e cartelli, c’erano esponenti dei Sipontini in Movimento, dell’Unione Mediterranea, il Consigliere comunale del Movimento Est, avv. Michele La Torre, Maria Gioia Sforza, di Italia Nostra, ed un rappresentante nazionale della LIPU. La giornata è stata intensa ed ha attirato l’interesse di numerosi giornalisti, appositamente giunti sul posto.

Alla fine della lunga, faticosa, ma entusiasmante giornata, il sindaco di Manfredonia, Angelo Riccardi, terminata la riunione al MISE, dichiarava i risultati della giornata. Cioè che la Conferenza dei Servizi, che avrebbe dovuto essere “risolutoria”, è stata rimandata per consentire al nostro Comune di fare, in trenta giorni, le proprie deduzioni su punti sollevati in riunione. Abbiamo quindi appreso con piacere che si è sventata la decisione, che sembrava già scritta, di concedere ad Energas l’autorizzazione ad insediare nel nostro territorio il proprio impianto.

Dobbiamo, anche, constatare che le motivazioni poste dal sindaco di Manfredonia al MISE, che hanno determinato l’aggiornamento a nuova data della Conferenza dei servizi, purtroppo non erano state presentate nel corso della procedura di valutazione d’impatto ambientale, avviata dal ministero dell’Ambiente e dal ministero dei Beni Culturali; consideriamo, dunque, la nuova posizione del Comune ed il conseguente rinvio della decisione frutto del costante e forte impegno espresso, in questi anni, da noi e da altri cittadini di buona volontà per impedire l’ulteriore devastazione del nostro territorio.

A meglio guardare, vi è un’altra ragione che ha consigliato il rinvio ed è da ricercarsi nelle primarie che stanno impegnando il PD a livello nazionale. Renzi teme terribilmente di perdere voti, a Manfredonia ed in Puglia, nella contesa che lo oppone a Orlando ed Emiliano. Insomma, i renziani vogliono indorare la pillola, rappresentata da questo ennesimo stupro ambientale, dopo quelli già consumati o in via di consumazione, nella nostra città e nel Salento. Per questo cercano di rinviare l’autorizzazione a favore di Energas a dopo le primarie.

Ma, soprattutto, il governo comincia a sentire il fiato addosso dei cittadini di Manfredonia e stiano certi che quel fiato dovranno avvertirlo sempre più forte, fin quando il progetto non sarà ufficialmente arrestato. Inoltre, con buona convinzione, questo tentennamento è l’effetto delle diffide già inviate al Presidente della Repubblica, al Governo Gentiloni ed al Presidente della Regione Puglia, da parte di 1389 cittadini di Manfredonia, per tutte le violazioni di norme nazionali ed Europee, tese a favorire Energas. Infatti, saremo capaci d’interrompere, in ogni momento, il progetto Energas.Q8, con l’invio, alla Commissione di Bruxelles ed alla Corte dei Diritti dell’uomo di Strasburgo, della nostra richiesta d’interdizione e conseguente procedimento d’infrazione ai danni dello Stato Italiano e della Regione Puglia, per tutti i pareri favorevoli e le autorizzazioni concesse in favore di Energas.

Di sicuro non ci faremo incantare dai loro giochetti. La partita la condurremo noi e non recederemo di un millimetro dalla nostra opposizione, tenendo sempre vigile e viva la protesta dei cittadini, per avanzare con sempre più forza verso la vittoria. Ci fermeremo solo quando avremo ottenuto un “NO” definitivo a questa sporca faccenda, in modo che i Manfredoniani potranno finalmente vivere tranquilli e sicuri nel proprio territorio”.

MANFREDONIA NUOVA

Italo Magno “NO Energas. Fino alla vittoria” ultima modifica: 2017-04-17T11:39:53+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
15

Commenti


  • Lo striscione affisso nella stazione fantasma di Manfredonia Ovest è strappato (sarà stato il vento?)

    Grande Magno! Hanno timore di perdere le poltrone. Non ho i tuoi studi, la tua cultura ma mi piace il tuo modo di mettere il dito nella piaga e le modalità di ingaggio della battaglie che sono titaniche, spesso con nemici subdoli e potenti ma il tuo coraggio e tutto il tuo movimento e anche tanti ragazzi di altri movimenti che stanno combattendo strenuamente mi inculcano la speranza.


  • Giulio Andreozzi

    Proprio cosi indomito prof. Magno, proprio cosi.


  • Cittadino di Manfredonia

    In Salento per un tubo ha creato giustamente uno scalpore internazionale, qui si tratta di installare tubi nel mare e nella terra, tubi che collegati ad un porto industriare a pezzi, sgarrupato e fatiscente, devastazione di fondali marini. La più formidaei e spaventosa quantità di Gpl mai introdotta nel territorio Europeo e forse mondiale, in territorio a rischio sismico e confinante con il Parco nazionale del Gargano e la stupenda Oasi del Lago Salso! Dove sono i nostri politici? Vergognatevi, mi fate schifo ma sul serio! Avete il coraggio di guardare i vostri cari quando andate a casa?


  • Pasquino

    Bravo Magno! Continua ad insistere su questa strada. Attenzione con massima allerta. Dopo le primarie del PD ci potrebbero essere sorprese specialmente se qualcuno prenderà pochi voti. Saluti e grazie per l’impegno profuso


  • INDIGNATO

    ANDATE AVANTI CHE POI AL VOTO COMUNQUE PAGHERANNO LE CONSENGUENZE DI TUTTI GLI INCUBI CHE CI STANNO PROCURANDO!!


  • Sara

    Magno penso che sia il caso di incominciare a fare qualcosa.
    Negli ultimi due anni di cosa vi siete occupati: Energas, attacchi al sindaco…
    Ora se queste sono le azioni necessarie per gestire un comune, penso che la strada da percorrere è lunga.


  • cittadino stufo

    Organizzate una petizione per chiedere il Commissario Prefettizio!!


  • dino giordano

    Dal Gargano al Salento un solo Movimento: No distruzione ambiente.
    Abbiamo un mare di ragioni e non ci fermeremo davanti ad un piatto di lenticchie industriali.
    La primavera è con noi.
    saluti primitivi


  • Sfascio italico

    Povera italia, povera Puglia, povera Manfredonia, poveri noi, poveri figli nostri.


  • antonella

    Sara tu che sei sempre contro il prof. Magno per partito preso, capisco che non siete abituati alla buona pratica di chi persegue il bene collettivo, anche cambiando nick ti dico che si capisce chi sei, perchè non ci racconti come invece questa giunta intende risolvere e sanare i 52milioni di debiti accumulati in 6 anni di amministrazione?
    Siamo tutt’occhi e orecchi.
    Voi che siete maestri ( del debito) Insegnateci invece, come si mette a frutto una politica per il bene della collettività e non come si incrementa il debito pubblico.
    Sara sembri il bue che dice cornuto all’asino. Un po di uniltà proprio niente vero?


  • Manfredonia colonia da scempiare e stuprare

    I servi e servetti del potere locale fate case sono tutti pro GPL anche se cambiano nick la sostanza non cambia.


  • Franco

    Battaglia giusta ma, prof. Magno, se solo 37 persone sono andate a Roma qualche domanda dovrebbe porsela.
    Ha scelto le giuste forme di protesta? E i giusti compagni di viaggio?


  • svolta

    Franco ti poni problemi che non stanno né in cielo e né in terra. Io sono unondi quelli che non è andato, però ho firmato, sono, dall’inizio tra i maggiori sostenitori di questa giusta battaglia ed a fianco del battagliero consigliere comunale Magno e di tutti quelli che, come me, perorano la sciagurata ipotesi di ubicazione di quel nostro che Energas vuole mettere alle porte della nostra città……
    Hai contato i presenti ma una scuola come popolazione scolastica conteggio anche gli assenti o meglio quelli che hanno firmato….. eccome sa sono parecchi.


  • Leonida

    37 PERSONE ONESTE E CONVINTE VALGONO PIU’ DI UN ESERCITO DI GIUDA E VOLTAFACCIA E …PRERISCO NON ANDARE OLTRE.


  • Il Partito dei ponti che crollano

    Ma come -si fa a fidare di un partito del genere che sta distruggendo l’Italia? Chi ha gestito le varie autorizzazioni e tutte le altre menate? Chi proprio loro! Fate bene a combattere questi disgraziati incoscienti e irresponsabili!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi