FoggiaStato prima
Orari blocchi; presidio fuori Montecitorio

Carburanti, sindacati: da stasera Italia a secco, domani sciopero

Di:

Roma – A distanza di oltre una settimana dalla convocazione ministeriale – “che ha riconosciuto almeno a parole la giustezza delle ragioni della Categoria” – neanche “un minimo segnale è pervenuto dall’industria petrolifera nel suo complesso per raffreddare la vertenza che oppone i gestori alle stesse a causa delle politiche commerciali di discriminazione del prezzo che penalizzano i consumatori e spingono intenzionalmente le imprese di gestione al fallimento economico”.

Di fronte “all’indifferenza ed al cinismo non resta che proseguire, con ancora maggiore determinazione e compattezza da parte dei gestori, nel programma delle iniziative di protesta già assunte”. Lo conferma un comunicato unitario di Faib Confesercenti, Fegica Cisl e Figisc/Anisa Confcommercio, che prevedono da stasera alle ore 19:30 a giovedì alle ore 7:00 la chiusura di tutti gli impianti della rete ordinaria e dalle ore 22:00 alle ore 22:00 di domani mercoledì 18 giugno anche di quelli della rete autostradale.

“Le Organizzazioni di categoria ribadiscono le motivazioni della protesta: garantire ai gestori condizioni eque e non discriminatorie per competere nel mercato, ossia prezzi più bassi e competitivi, al medesimo livello di quelli che le stesse compagnie riservano alle pompe bianche ed alla grande distribuzione, anche a beneficio degli automobilisti che da loro si riforniscono quotidianamente; ristrutturazione ed ammodernamento della rete di vendita, contro ogni disegno di ghostizzazione degli impianti e di espulsione del gestore; ripresa di una contrattazione collettiva che rompa con i troppi anni in cui le compagnie hanno letteralmente aggredito economicamente e giuridicamente i gestori”.

“Faib, Fegica e Figisc/Anisa, nell’esprimere soddisfazione per la fortissima adesione dei gestori alla sospensione delle vendite selfservice prepay registrata – nonostante pesanti tentativi di intimidazione – nelle giornate dal 14 al 17, annunciano per domani una manifestazione di presidio di gestori dalle ore 9:00 alle ore 14:00 a Roma, presso la piazza di Montecitorio e ribadiscono la sospensione dalle ore 24:00 del 21 giugno alle ore 24:00 del 28 giugno dell’accettazione di qualsiasi mezzo di pagamento elettronico (carte di credito e di debito, pago-bancomat, carte petrolifere, ecc.) nonché di tutte le campagne promozionali dei marchi sull’intera rete ordinaria”.

Redazione Stato@riproduzioneriservata



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi