CronacaStato news

Friolo: Emergenza ambientale a Brindisi, sollecitata anche Procura

Di:

Brindisi – “Un terribile atto d’accusa articolato in 59 pagine che non è figlio semplicemente della disperazione per la perdita di un familiare e per la strenua lotta contro un male terribile, ma rappresenta la nitida fotografia di un ambiente sempre più malato e della correlazione ancora più latente tra un’industrializzazione sempre più invasiva e la crescita esponenziale di linfomi, leucemie, patologie tumorali ben oltre soglie di presunta normalità, secondo un copione già tristemente sperimentato a Taranto ma che sembra non avere insegnato nulla”.

Maurizio Friolo, vicepresidente della III Commissione Sanità della Regione Puglia, non si rassegna alla “sconcertante e disarmante constatazione della mancata presa di coscienza dell’assessorato della gravità di un’emergenza certificata da numeri così inquietanti, e di risposte tanto attese che tardano ad arrivare nonostante siano disponibili da tempo strumenti normativi e finanziari anche grazie all’impegno del sottoscritto, che ha presentato un emendamento alla Legge di Bilancio per destinare fondi per l’adozione del Piano ‘Ambiente –Salute’ pure nell’area brindisina. Ma tutto tace nonostante le numerose sollecitazioni, alle quali adesso si aggiunge l’esposto presentato alla Procura della Repubblica da un gruppo di cittadini, vittime e partecipi di un dramma impossibile da ignorare”.

“Cos’altro deve accadere perché qualcuno faccia finalmente qualcosa, e dia seguito ad azioni semplicemente avviate sulla carta e a promesse sistematicamente e colpevolmente tradite? Anche in questo caso, come per Taranto, dobbiamo attendere che la magistratura supplisca anche al silenzio e all’inazione da parte di una politica inconcludente e semplice spettatrice?” si chiede in conclusione.

Redazione Stato



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi