ManfredoniaSport

Manfredonia C5. Presidente: delusione per play-off ma avanti

Di:

Manfredonia – SI chiude ufficialmente la stagione 2013/2014 con un’intervista al Presidente del Manfredonia Calcio a 5 Matteo Pacilli che coglie l’occasione innanzitutto per ringraziare i tifosi per il calore dimostrato al Palascaloria, i dirigenti per la passione con cui hanno seguito il dietro le quinte, i giocatori per l’impegno in campo e le istituzioni.

Una stagione “strana” quella del suo Manfredonia Calcio a 5. Un inizio scoppiettante e poi tante difficoltà. Si pensava ai play-off e poi é arrivato il sesto posto. Cosa non ha funzionato?
Per due mesi, che oserei definire spettacolari, a prescindere dalle sconfitte,avevamo identità di gioco e personalità, imponevamo il nostro gioco sia in casa che fuori e siamo stati l’unica squadra a fermare la leader indiscussa del girone, il Policoro, dopo dieci vittorie consecutive. Tutti i giocatori giocavano dando tutto quello che potevano per far si che il Manfredonia C5 facesse divertire i propri tifosi, con il Palascaloria gremito, raggiungendo risultati positivi.
Nella seconda parte del campionato qualcosa negli spogliatoi non ha piu funzionato ed in campo purtroppo tutto quello di buono che si era visto nella prima parte è andato perso.

Un suo giudizio sulla guida tecnica di Marcelo Lombardi, quest’anno in veste sia di Mister che di giocatore.
Tanti nel calcio a 5 nazionale usano questo tipo di soluzione, ma nel lungo termine ha logorato chi lo ha interpretato, pur prodigandosi al meglio che poteva; nel finale di campionato gli sono mancati quegli accorgimenti che posso essere interpretati solo dalla panchina. Il risultato finale dice che, nonostante l’enorme impegno offerto come mister/giocatore, questa soluzione non è stata sufficiente per farci raggiungere i play off.

Grandi prospettive anche per gli Under, che hanno disputato un grande campionato, ma non hanno proseguito nei play-off. Come la vede?
La maggior parte dei nostri under sono del 95 e avversari affrontati durante il campionato avevano molti ragazzi del 92, dunque è stata dura per i nostri giovani. Forse questo può aver influito sull’uscita dai play-off, ma abbiamo chiuso il campionato al secondo posto insieme ad un’altra compagine, dietro alla squadra che poi ha raggiungeto la semifinale per lo scudetto di categoria. Dunque una stagione non del tutto fallimentare. Certo, personalmente, mi aspettavo tanto di piu, e considero l’under 21 la fucina dei giocatori per la prima squadra e aver visto giocare quattro ragazzi stabilmente in prima squadra mi ha fatto tanto piacere. Ci vorrebbero sempre più giovani per la prima squadra.

Una stagione é finita e già ci si deve organizzare per la nuova. Con che spirito e con quali progetti ci si appresta ad affrontare la nuova sfida?
Non nascondo la delusione per il mancato raggiungimento dei play-off, ampiamente alla nostra portata, ma è stata la normale conseguenza degli errori commessi. Ma dobbiamo imparare da questi per continuare al meglio; una cosa già fatta è quello di non confermare quei giocatori che ad un certo punto del campionato hanno “vivacchiato” pensando di raggiungere gli obbiettivi prefissati facendo scendere in campo solo il nome e non mettendoci lo stesso impegno profuso nella prima parte della stagione. I progetti per la prossima stagione ? purtroppo dobbiamo adeguarci alle disponibilità finanziarie che avremo a disposizione.

Roberto Caterino Editore – Ufficio Stampa A.S.D. Manfredonia Calcio a 5



Vota questo articolo:
1

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi