Stato newsStato prima
"Omicidio con l'aggravante delle sevizie e della crudeltà"

Yara, Procuratore: “il caso è chiuso”. Conferma DNA

Di:

Bergamo – “CI troviamo davanti ad una situazione che ci fa dire che il caso è praticamente chiuso. Non sappiamo se conoscesse direttamente la ragazzina”. E’ quanto detto dal procuratore generale di Brescia, Pier Luigi Maria Dell’Osso, dopo il fermo di Massimo Giuseppe Bossetti, “accusato dell’omicidio” di Yara Gambirasio “con l’aggravante delle sevizie e della crudeltà”.

Yara, ricostruisce la Procura, ricevette “tre colpi al capo e plurime coltellate in diverse regioni del corpo e abbandonata agonizzante in un campo isolato“. Il dna dell’uomo fermato mostra una “sostanziale assoluta compatibilità” con quello ritrovato sui leggings di Yara. A proposito della polemica tra la Procura di Bergamo e il Ministro Alfano, il procuratore Dell’Osso ha affermato “dopo un lavoro lungo più di tre anni era difficile tenere sotto traccia una notizia così importante”.

Fonte: tiscali


Redazione Stato



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi