Foggia
"Avrebbe costituito una vera e propria inversione di tendenza rispetto a quanto avveniva usualmente e da decenni presso il Comune"

Farina: Stazione Unica Appaltante, delusione Landella

"Ciò ci consentirebbe di proseguire l'alleanza amministrativa, rimanendo nella coalizione"

Di:

Foggia – ”Quando decidemmo di appoggiare la Sua candidatura a sindaco della città di Foggia ponemmo una serie di questioni e consequenziali richieste nell’esclusivo interesse dei cittadini. Trattavasi, come Lei certamente ricorderà, di questioni attinenti la buona amministrazione, e più in generale, il rispetto delle regole e la questione legalità in senso lato. Ricorderà anche che alcune richieste furono inserite nel pro-gramma della coalizione. Intendiamo alludere, in modo particolare, all’adesione alla Stazione Unica Appaltante, costituita presso la provincia di Foggia, che avrebbe costituito una vera e propria inversione di tendenza rispetto a quanto avveniva usualmente e da decenni presso il Comune.

Successivamente, nonostante le continue richieste, l’adesione alla S.U.A. non è mai stata neppure inserita fra gli argomenti portati all’at-tenzione del consiglio. Un’altra serie di vicende ha dimostrato che il tema della legalità non è propriamente sentito da questa amministrazione e ciò difformemente dagli accordi iniziali di coalizione e dalle richieste del gruppo di Fratelli d’Italia Alleanza Nazionale. Intendiamo, per esempio, riferirci alla nota questione degli ambu-lanti abusivi, dell’ipotizzata transazione con Ra.Co. s.r.l., della questione dell’orbitale, appalto oggi bloccato, della questione AIPA e della mancata revoca della concessione da tempo richiesta dal gruppo di FDI-AN.

È evidente che tali fatti, oltre a snaturare il rapporto esistente con il nostro gruppo e a contraddire platealmente il programma iniziale di coalizione, rendono difficile ed imbarazzante la nostra permanenza in una maggioranza che si discosta sensibilmente dal nostro modo di essere, di pensare e di agire in materia di legalità. Ciò nondimeno non intendiamo abbandonare la maggioranza, ma, al contrario, intendiamo renderla più forte, più coesa e più rispettosa dei patti stipulati e presentati agli elettori. È, però, evidente che per far ciò occorre un segnale forte della maggioranza, un segnale idoneo a dimostrare un immediato cambio di rotta.

Abbiamo pensato, al riguardo, che l’amministrazione potrebbe de-liberare l’adesione immediata alla Stazione Unica Appellante. Ciò ci consentirebbe di proseguire l’alleanza amministrativa, rimanendo nella coalizione; viceversa non potremo far altro che abbandonare la maggio-ranza e ritirare il nostro assessore. Alla luce di quanto sopra, Le chiediamo formalmente di convocare ad horas il consiglio comunale per discutere e deliberare l’adesione del Comune di Foggia alla Stazione Unica Appaltante.

Nell’attesa porgiamo distinti saluti.

(Avv. Domenico Farina – coordinatore provinciale FDI-AN
Dott. Giuseppe Mainiero – coordinatore cittadino e consigliere comunale FDI-AN)



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi