Manfredonia
Stabilite con recenti determine dirigenziali

Manfredonia, lavori Ipogei e Fossato Castello: ancora proroghe

Focus lavori, appalti, costi

Di:

Manfredonia – NUOVA proroga – di 25 giorni – per gli interventi relativi al recupero e alla valorizzazione degli Ipogei cristiani in località Capparelli, 1° Lotto (POIn attrattori culturali, naturali e turismo, FESR 2007-2013 – Asse I, Linea I.1.1).

L’appalto. Si ricorda come a seguito di procedure di gara, con D.D. n. 1597 del 03/12/2013 i lavori in questione erano stati stati aggiudicati in via definitiva all’Impresa Garibaldi srl con il citato ribasso del 11,13% sull’importo di € 620.100,00 posto a base di gara e quindi per l’importo netto di € 551.082,87 oltre € 15.055,00 per oneri per la sicurezza non soggetti ed IVA, ed a tutte le condizioni dell’offerta tecnica; in data 14/04/2014 era stato sottoscritto il contratto d’appalto. I lavori sono tutt’ora in corso e sono stati già liquidati 2 acconti relativi al Certificato di pagamento (1° SAL e 2° SAL).

PROROGA ANCHE PER I LAVORI NEL FOSSATO DEL CASTELLO DI MANFREDONIA.Analogamente, con altra determina dirigenziale il Comune di Manfredonia ha concesso una proroga (la terza in ordine temporale) di 30 giorni all’impresa impegnata nei lavori di ‘Recupero e valorizzazione del Fossato del Castello svevo-angioino di Manfredonia’.

In questo caso a seguito di procedure di gara per appalto integrato, con D.D. n. 1525 del 22/11/2013 i lavori e la progettazione esecutiva dell’intervento in questione erano aggiudicati all’A.T.I. Dicorato Giuseppe – Tecnocalor S.r.l. con sede in Barletta, con il ribasso del 38,983%, sull’importo a corpo a base d’asta di € 750.000,00 e, quindi, per l’importo netto di € 457.627,50 oltre € 22.000,00 per oneri per la sicurezza, non soggetti a ribasso, e oltre IVA e con il medesimo ribasso sul corrispettivo di € 35,060,00 per la progettazione posta a base di gara e quindi per l’importo netto di € 21.392,56 oltre C.N.P.A.I.A.L.P. e IVA come per legge e a tutte le condizioni dell’offerta tecnica. Il 28/04/2014 è stato sottoscritto il contratto d’appalto al n. 9339 di repertorio. Anche in questo caso i lavori sono tutt’ora in corso e sono stati già liquidati 3 acconti relativi al Certificato di pagamento.

FOTOGALLERY IPOGEI CAPPARELLI (ARCHIVIO MATTEO NUZZIELLO)

Redazione Stato@riproduzioneriservata



Vota questo articolo:
3

Commenti


  • svolta

    Siamo sempre alle solite…. e della fabbrica di San Francesco, che si dice ?


  • wwwnnnss

    come lo volti e come lo giri….


  • Mimmo

    Certo, prolunghiamo i tempi, tanto che fretta c’è… Ma se queste ditte non hanno interesse a lavorare… ma che le chiamate a fare, dobbiamo aspettare anche i comodi loro. Ma che diamine ci vuole tanto a capire che è meglio far lavorare i disoccupati di Manfredonia che non sanno più dove sbattere la testa, per due lavoretti “altamente specializzati” come posare l’erbetta e le pietre? No dai facciamo lavorare le ditte (come sempre) che non sono neanche della provincia è sicuramente un’idea migliore… Per i disoccupati ci sono i cantieri come soluzione, certo, quei cantieri per cui le domande sono aperte ma non c’è un termine minimo di scadenza, per le quali forse si creeranno 30-40 posti a 500 euro al mese… e tutti gli altri? Ah miraccomando non ditelo poi ai manfredoniani, quelli che con le promesse avute hanno votato chissà chi, proprio per questi progetti, progetti per i quali però i requisiti minimi non sono soddisfatti dal 99% dei disoccupati in condizioni disastrose (perchè per totalizzare il punteggio minimo bisogna essere non disperati ma proprio inguaiati, o forse finti inguaiati). Invito la redazione ad approfondire il discorso e fare luce e disilludere i tanti che ci sperano ancora, perchè per totalizzare i 60 punti minimi per l’accettazione della domanda bisogna avere requisiti incredibili tipo 12 anni di disoccupazione, 2-3 figli minorenni, disabilità mentali o fisiche, carcere etc ma non uno di questi ma quasi tutti… roba che se rientrano 4-5 persone è già tanto… Redazione vi invito davvero ad approfondire il discorso e ad aprire gli occhi a tanta gente, che come chi ho aiutato io nella compilazione, in una situazione di disperazione totale ci credeva davvero di trovare una minima soluzione di sopravvivenza, ma la triste realtà invece è ben diversa… e tante grazie per i voti ricevuti, oltre il danno la beffa…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi