Manfredonia
"Il Comune di Manfredonia ha, sin qui, operato a sostegno della SMAR, ma il risanamento dell’azienda non deve essere a carico della Città"

Manfredonia, futuro ASP SMAR. Frattarolo “Primario referente è la Regione Puglia”

"Il Comune di Manfredonia, nel corso degli anni e sulla base di relativi accordi, si è avvalso dell’ASP SMAR per l’erogazione di vari servizi"


Di:

Manfredonia, 17 giugno 2017. “Il Comune di Manfredonia ha a cuore le sorti della ASP SMAR, così come di tutte le aziende pubbliche o private di questo territorio”, inizia così l’assessora Noemi Frattarolo, tornando sulle recenti polemiche che ‘hanno tirato in mezzo’ anche l’Ambito di Manfredonia.

La ASP SMAR, bene precisarlo, è una Azienda Pubblica di Servizi alla Persona dotata di propria autonomia ed è collegata alla Regione Puglia secondo la relativa disciplina.

“Il Comune di Manfredonia, nel corso degli anni e sulla base di relativi accordi, si è avvalso dell’ASP SMAR per l’erogazione di vari servizi. Il Consiglio comunale, nell’anno 2016, ha rinnovato fino all’anno 2019, la convenzione per la disciplina di servizi residenziali e semiresidenziali in favore di cittadini in condizioni di disagio”, puntualizza la Frattarolo.
“L’Ambito Sociale Territoriale, in sede di programmazione per l’utilizzazione delle risorse per l’Infrastrutturazione sociale a valere sulla triennalità 2010/2013, ha volontariamente inserito nel proprio Piano da candidare alla Regione Puglia, lo specifico intervento in favore della ASP SMAR per € 320.000,00 su un progetto complessivo di € 350.000,00. Sulla base di tale concessione da parte dell’Ambito Territoriale è stato possibile provvedere alla ristrutturazione di alcuni locali della Casa di Riposo “Anna Rizzi” grazie ai quali la ASP SMAR ha potuto attivare, accanto ai posti per Casa di riposo, anche quelli per la RSSA per anziani, ampliando in maniera considerevole l’offerta dei servizi in capo alla ASP”.

La neo assessora ai Servizi sociali del Comune di Manfredonia Noemi Frattarolo (ritaglio foto Comune di Manfredonia)

Lassessora ai Servizi sociali del Comune di Manfredonia Noemi Frattarolo (ritaglio foto Comune di Manfredonia)

“A ciò si aggiunge, più recentemente, l’ulteriore finanziamento concesso dall’Ambito Territoriale, a valere sulle risorse del II Piano per l’Infrastrutturazione Sociale, facente parte del III Piano Sociale di Zona 2014/2016, per la ristrutturazione dell’ex orfanotrofio delle suore della Stella Maria (€ 1.900.000,00 su un budget complessivo destinato all’Ambito di € 3.000.000,00), per consentire alla ASP di riattivare ulteriori servizi in favore della famiglia e dell’infanzia, ampliando ulteriormente la relativa offerta assistenziale”, prosegue l’assessora alle Politiche sociali.

“Inoltre, occorre precisare che l’Ambito opera sulla base di una programmazione triennale i cui obiettivi di servizio, individuati a livello regionale e disciplinati dalla apposita regolamentazione, investono tipologie di servizio diverse rispetto a quelle su cui opera la SMAR attraverso la sua Casa di riposo e la Residenza Socio-Sanitaria Assistenziale per anziani. Tenuto conto della effettiva strutturazione della stessa e delle risorse esistenti al suo interno, quindi, risulta difficile attivare ulteriori percorsi condivisi di gestione dei servizi rientranti nel campo di azione della stessa, tra l’altro già in essere con il Comune di Manfredonia, come innanzi indicato”.

L'attuale Commissario dell'Asp Smar Angela Egidio (ph: Statoquotidiano)

L’attuale Commissario dell’Asp Smar Angela Egidio (ph: Statoquotidiano)

Nel corso degli anni le interlocuzioni, i rapporti, gli incontri, gli esami congiunti delle questioni sono stati numerosissimi ed al di là dei ruoli istituzionali e di autonomia di ciascun soggetto, il Comune di Manfredonia ha, per quanto possibile, operato a sostegno della SMAR riconoscendole e valorizzandone il ruolo storico ed attivo nell’area dei servizi in favore della popolazione anziana di questo territorio.

“La forte difficoltà economico-finanziaria esistente – termina l’assessora Noemi Frattarolo – è oggettiva. Le sue cause possono essere di molteplice natura; la SMAR, e il suo commissario straordinario, sul punto, hanno la necessità di costruire con la Regione Puglia (primario referente), i percorsi in grado di ricostituire condizioni di equilibrio gestionale e finanziario”. “Il Comune di Manfredonia non si esime dal dare il suo apporto che, come appena argomentato, è fattivo e duraturo nel tempo, ma ciò non può significare che il risanamento della Azienda possa far carico sullo stesso”.

fonte Ufficio Stampa Comune di Manfredonia

Manfredonia, futuro ASP SMAR. Frattarolo “Primario referente è la Regione Puglia” ultima modifica: 2017-06-17T14:11:56+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
6

Commenti


  • Antonella

    Quante chiacchiere. Il Commissario e’ stato chiaro: e’ assente sia la Regione, sia l’assessore Frattaruolo. Adesso bisognerebbe comprendere piu’ esattamente cosa intendesse la signora Egidio quando parlava di “assoluta assenza anche dell’attuale assessore”.


  • A.B.

    Il piano d’Ambito ha fatto questo, il piano d’Ambito ha fatto quest’altro… etc etc… E quindi?!
    Noi vogliamo sapere cosa ha fatto l’assessora Frattaruolo e il sindaco per prendersi cura dei dipendenti della cooperativa che non percepiscono lo stipendio da mesi e che al pari di ogni altro cittadino in difficoltà hanno bisogno di essere aiutati!!!
    La questione dei servizi erogati dall’ASP, le autonomie e le competenze dei vari enti e aziende e’ un’altra cosa… Non cercasse l’assessora di mischiare le carte in tavola…


  • Francy

    VOGLIAMO I FATTI!
    LE BELLE PAROLE, CHE NON RIEMPIONO LA PANCIA A NESSUNO, NON CI SERVONO!
    VOI POLITICI SIETE TUTTI UGUALI, COMPRESO QUESTA ASSESSORA FRATTAROLO. TUTTI BRAVI A PARLARE E A SCRIVERE SU FACEBOOK, MA ALLA PROVA DEI FATTI TUTTI I POLITICI FANNO CILECCA!
    LA FRATTAROLO SI ERA IMPEGNATA A FAR SÌ CHE, NONOSTANTE LE CARENZE FINANZIARIE DEL COMUNE, AD OGNUNO DI NOI SAREBBE STATA ASSICURATA AUTONOMIA ECONOMICA E DIGNITA’ SOCIALE. E invece adesso proprio lei trova la piu’ banale delle scuse, quella delle difficolta’ economica finanziarie dell’ente, per giustificare il suo mancato intervento a nostro sostegno e aiuto. Allora un consiglio… Se ci si ritiene capaci di mantenere gli impegni, si vada avanti, altrimenti se si ha intenzione di fare come fanno tutti gli altri politici, che alla prima difficoltà trovano la scusa della mancanza di risorse, allora ci si ritiri a vita privata e si lasci perdere la politica. Tutti grandi politici sui post su FB, ma la vita reale e’ un’altra cosa.


  • scarica barile

    succede solo in Italia


  • DIO VEDE E PROVVEDE

    non penso che al comune interessino i problemi delle aziende private,io non percepisco la tredicesima+straordinari+rimborsi spese x un totale di oltre 10.000 euro da 5 anni e questo sarà il sesto (210 ore di lavoro mensile quando mi va bene,tutte le domeniche,tutti i festivi,turni massacranti) e secondo i datori di lavoro sono fortunato che mi danno lo stipendio.i sindacati? hahahahahahaha meglio non parlare!a noi del privato purtroppo non ci caga nessuno istituzioni ecc.ecc.
    Allora se fosse vero che al comune stanno a cuore le aziende private erogassero un po di soldini alla mia azienda. aaaaaaaaa che bellezza lavorare nel settore pubblico!!adesso vi daranno tutti gli stipendi e così ad agosto potrete andare in ferie contenti contenti…detto questo in bocca al lupo ai lavoratori


  • Ahah

    Commissaria lei non dovrebbe neppure essere lì. Il suo mandato è scaduto, percepisce l’indennità. …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This